Archivi categoria: NORMATIVA & DETRAZIONI :

Guida alle agevolazioni fiscali per risparmio energetico – ottobre 2018

Leggi questo articolo grazie alle donazioni dei lettori Luca Alunni, Federica Sanna, Daniele Amato, Daniele Bertollo, Giuseppina Cerciello. Partecipa anche Tu, sostieni l’informazione attraverso espertocasaclima.com!


Se state cercando come l’Agenzia delle Entrate abbia aggiornato la Guida alle agevolazioni fiscali per risparmio energetico – ottobre 2018 per informarvi meglio che potete, scaricate in formato pdf la nuova guida nell’attesa della pubblicazione del decreto.

Ecco il pdf “Guida_agevolazioni_risparmio_energetico-ottobre-2018“.

Se invece siete interessati solamente alle agevolazioni per la sostituzione dei serramenti (che ovviamente consiglio caldamente a chi ha ancora finestre di trent’anni fa) potete stare tranquilli e progettare questo passo importante con tutta calma: l’Italia ha presentato alla Commissione europea il Documento Programmatico di Bilancio 2019 che parla di un’ulteriore proroga delle detrazioni fiscali al 50% per gli interventi di

  • sostituzione di infissi
  • schermature solari.

Dunque non correte e non sbagliate: progettate la posizione ideale del nuovo serramento per ottenere il miglior valore Uw installato (Uwi), la corretta ombreggiatura per evitare surriscaldamenti estivi facilmente evitabili, i materiali migliori per le sigillature e non dimenticate che se l’intervento che fate è a step (e prevede in un futuro anche l’isolamento termico delle pareti) meglio posare già oggi il serramento in vista della futura continuità con il sistema di isolamento che avete in mente.


lettura senza banner pubblicitari grazie alla generosità dei lettori – dona anche Tu 😉 sostieni l’informazione attraverso espertocasaclima.com!


federico_sampaoli_espertocasaclimacom  ipha_member

articolo ideato, scritto e diretto da Federico Sampaoli, impegnato a favore delle persone, del comfort e dell’open information, titolare e caporedattore di espertoCasaClima – blog di informazione e comunicazione

Il mio profilo LinkedIn

Entra anche Tu nella lista dei sostenitori del Blog espertoCasaClima :

Visita il profilo di federico su Pinterest.

Enea e i controlli a campione

Leggi questo articolo grazie alle donazioni dei lettori Daniele Amato, Daniele Bertollo, Giuseppina Cerciello, Giorgio Benvenuti, Giuliano Masciarri. Partecipa anche Tu, sostieni l’informazione attraverso espertocasaclima.com!


L’ENEA, ogni anno, entro il 30 di giugno elabora un programma di controlli a campione sullo 0,5% delle istanze prodotte in relazione agli interventi (di cui all’art. 14 del decreto-legge n. 63 del 2013) con richieste di accesso al beneficio della detrazione fiscale, conclusi entro il 31 dicembre dell’anno prima. Enea, non il figlio del mortale Anchise (cugino del re di Troia, Priamo) e di Afrodite/Venere, dea della bellezza.

Ma questi campioni sono scelti a casaccio? A casaccio proprio no!

I campioni scelti soddisfano uno o più di questi criteri:

  • istanze di interventi che hanno diritto ad una maggiore aliquota
  • istanze che presentano la spesa più alta
  • istanze che presentano criticità circa i requisiti di accesso alla detrazione fiscale ed ai massimali dei costi unitari.

L’avvio del procedimento di controllo inizia con la classica Raccomandata AR, quindi tenete d’occhio il postino o la vostra casella PEC, e in 90 giorni l’ENEA comunica l’esito del controllo (sempre che non richieda delle integrazioni).

Di questo 0,5% di fortunati il 3% è super fortunato: riceverà un controllo in situ.

Come funziona?

Con la solita Raccomandata AR, o via PEC, i super fortunati ricevono il preavviso del sopralluogo con 15 giorni di anticipo, quindi se siete soliti fare lunghi viaggi di lavoro, crociere in mari lontani, o viaggi intorno al mondo in barca a vela cambiate piani: il sopralluogo può essere rinviato per una sola volta.

 Sudditi, ubbidite!

E non sbuffate! tutto questo è nell’interesse pubblico! Lo Stato siamo noi – lo avete dimenticato?

L’ENEA, dopo, trasmette all’Agenzia delle Entrate una relazione e una segnalazione ai corrispondenti Ordini di appartenenza per i professionisti. Se del caso.

Se volete leggere tutto il testo elaborato da Anit cliccate qui.


lettura senza banner pubblicitari grazie alla generosità dei lettori – dona anche Tu 😉 sostieni l’informazione attraverso espertocasaclima.com!


federico_sampaoli_espertocasaclimacom  ipha_member

articolo ideato, scritto e diretto da Federico Sampaoli, impegnato a favore delle persone, del comfort e dell’open information, titolare e caporedattore di espertoCasaClima – blog di informazione e comunicazione

Il mio profilo LinkedIn

Entra anche Tu nella lista dei sostenitori del Blog espertoCasaClima :

Visita il profilo di federico su Pinterest.

L’ombreggiatura esterna e l’ombreggiatura abusiva

Leggi questo articolo grazie alle donazioni dei lettori Daniele Bertollo, Giuseppina Cerciello, Giorgio Benvenuti, Giuliano Masciarri, Alessandro Boiani. Partecipa anche Tu, sostieni l’informazione attraverso espertocasaclima.com!


Coscienza sporca? Avete sfogato la voglia di fai da te e vi è sfuggita di mano? Il vostro angolino verde in terrazza con il basilico mezzo morto è diventato un eden? Ci ronzano in testa paroloni come condono edilizio, sanzione demolitoria, opere abusive, abuso, difetto di legittimazione, rilevanza urbanistica… ?

La coscienza non ti impedisce di commettere peccati, però, ti nega il piacere di goderteli.
                                                                                  (Theodore Dreiser)

L’estate è la stagione con tante ore di luce e più tempo da trascorrere all’aria aperta. E’ anche la stagione delle temperature elevate e della ricerca dell’ombra. E la voglia di fai da te diventa incontenibile… ma il nostro giardino o il nostro terrazzo non è un posto dove si può fare proprio quello che si vuole.

Cos’è un pergolato? La definizione parla di una struttura realizzata per adornare e ombreggiare giardini o terrazze. Quindi un’impalcatura formata da montanti verticali ed elementi orizzontali con altezza tale da consentire il passaggio delle persone, aperta sui tre lati e nella parte superiore. La pergola non richiede un titolo edilizio.

E cosa si intende per tettoia? Si intende un pergolato coperto o in parte coperto, con una struttura non facilmente amovibile. Dunque una tettoia che non assume carattere precario e transitorio. La tettoia vuole che sia richiesto il permesso di costruire.

Avrete sentito anche parlare di pergotenda, sembra un nome inventato dalla pubblicità. Essendo facilmente e immediatamente rimovibile non necessita di alcun permesso:

Se proprio non riuscite a stare fermi, potete dedicarvi ad una recinzione della vostra proprietà, se non l’avete già, ma attenti! solo con pali di sostegno in legno e rete metallica, altrimenti vi serve un titolo abilitativo.

La recinzione infatti è un’ attività che non richiede nè DIA (la Dichiarazione di Inizio Attività) nè SCIA (la Segnalazione Certificata di Inizio Attività): rientra nel diritto dominicale di delimitare la proprietà privata per escludere l’accesso agli estranei.


lettura senza banner pubblicitari grazie alla generosità dei lettori – dona anche Tu 😉 sostieni l’informazione attraverso espertocasaclima.com!


federico_sampaoli_espertocasaclimacom  ipha_member

articolo ideato, scritto e diretto da Federico Sampaoli, impegnato a favore delle persone, del comfort e dell’open information, titolare e caporedattore di espertoCasaClima – blog di informazione e comunicazione

Il mio profilo LinkedIn

Entra anche Tu nella lista dei sostenitori del Blog espertoCasaClima :

Visita il profilo di federico su Pinterest.