Isolamento del tetto o del solaio del sottotetto? Superbonus 110% o bonuscasa

Molti committenti, più che ai materiali, agli spessori e alle possibili soluzioni, sono interessati alla possibilità di accedere alle detrazioni, quindi è interessante scoprire come ragionare sul tetto o sul sottotetto per ottenere senza alcun dubbio le agevolazioni fiscali. Tetto o sottotetto… ma che almeno uno dei due sia isolato!

serve un rifacimento del tetto?

A volte la situazione è chiarissima: l’edificio ha urgente bisogno del rifacimento del tetto, quindi si progetterà il nuovo manto di copertura + l’isolamento delle falde: le soluzioni sono moltissime, ma principalmente si deve decidere se

  • fare un pacchetto di isolamento termo acustico traspirante, e quindi serve uno strato di ventilazione (tetto ventilato)
  • fare un pacchetto di isolamento termico non o pochissimo traspirante dove manca uno strato di ventilazione (tetto non ventilato), o c’è uno strato di microventilazione

il tetto è ancora sano?

A volte invece il manto di copertura è in ottime condizioni ed esiste un sottotetto dove intervenire, perché non isolare il solaio del sottotetto?

Non c’è una risposta valida per tutti gli edifici perché ogni situazione potrebbe spingere per la prima o per la seconda soluzione. 🙁

come accedere alle detrazioni

Meglio prima definire e capire quale sia l’elemento disperdente di un tetto; questo ci aiuterà a scegliere tra le 2 soluzioni possibili:

  • isolare le falde del tetto
  • isolare il solaio del sottotetto

da un punto di vista termico…

Non vogliamo sapere, da un punto di vista termico, cosa bisognerebbe fare?

Senza fare diecimila calcoli e simulazioni si potrebbe dire che

  1. il volume riscaldato (quello che abitiamo) disperde naturalmente in tutte le direzioni e ancora più intensamente dove abbiamo dei ponti termici
  2. la dispersione che stiamo analizzando oggi è quella ascendente, verso l’alto
  3. l’energia contenuta nell’ambiente che abitiamo si disperde nel sottotetto e poi nell’ambiente esterno

Se è vero che l’ambiente riscaldato disperde la sua energia attraverso il soffitto nel sottotetto, la regola migliore sarebbe isolare subito il solaio del sottotetto e mantenere l’ambiente riscaldato caldo e confortevole:

su questo argomento potresti rileggere il mio articolo:   Coibentare dall' interno con Stiferite

isolamento sottotetto - Isolamento del tetto o del solaio del sottotetto? Superbonus 110% o bonuscasa 1

sfasamento termico + una zona cuscinetto

Ma è proprio la regola migliore isolare il solaio del sottotetto?

Visto il problema del surriscaldamento estivo dell’ultimo piano di un edificio sarebbe meglio isolare le falde del tetto ottenendo già diverse ore di sfasamento termico + una zona cuscinetto che è rappresentata dal sottotetto non abitabile.

L’ultimo piano, in regime estivo, potrebbe godere del benefico dell’isolamento del tetto e dell’altezza del sottotetto garantendo certamente dei picchi di temperatura in luglio e agosto non superiori ai 28°C.

isolamento sottotetto - Isolamento del tetto o del solaio del sottotetto? Superbonus 110% o bonuscasa 3

In regime invernale la situazione si capovolge: il sottotetto, non isolato all’estradosso del solaio, verrà “riscaldato” dalle dispersioni dell’ambiente sottostante: infatti la situazione si definisce come “ambiente riscaldato verso ambiente non riscaldato”.


Se vuoi dare un'occhiata a questo Annuncio, ma anche proseguire la lettura dell’articolo senza perdere il filo e dover ritornare attraverso il bottone indietro < del tuo browser, ricorda di cliccare sul link tenendo premuto Control (per Chrome e Firefox) oppure Command (per Safari)


Si potrebbe concludere che tutti quelli che stanno progettando in zona climatica F o in zona collinare e verdeggiante dove non è sentito il problema del surriscaldamento estivo possono tranquillamente optare per l’isolamento del sottotetto.

sottotetto fai da te

Bisognerebbe anche parlare di fattibilità e di costi:

Fattibilità:

  • per intervenire in una copertura bisogna allestire un vero e proprio cantiere, presentare una pratica edilizia, appaltare il lavoro e sperare che le condizioni meteo siano favorevoli per qualche settimana
  • per intervenire nel sottotetto spesso basta accedere attraverso la botola interna e il committente potrebbe farsi su le maniche e appaltare il fai da te: isolanti in rotoli, isolanti sfusi o isolanti in pannelli rigidi non richiedono una grande professionalità, ma un po’ di fatica e un po’ di buon senso

Costi:

  • per intervenire in una copertura le cifre sono molto elevate, non tanto per il costo dell’isolante a mq ma per le voci di spesa che compongono tutto l’intervento + la spesa per il professionista
  • per intervenire nel sottotetto con il fai da te abbiamo solo il costo materiale, e spesso è così basso che risulta inutile aprire una pratica edilizia, coinvolgere un professionista ecc ecc. (una consulenza per scegliere materiale e spessore 😉 può essere più che sufficiente per fare un buon lavoro)
su questo argomento potresti rileggere il mio articolo:   Foto posa isolamento interno – Zona Climatica E – GG 2877 – Gallarate (VA)

come sfruttare i vari bonus casa o addirittura il superbonus 110%

i chiarimenti dall’ENEA sono questi:

  • l’isolamento del tetto è agevolabile! anche se di fatto è il solaio del sottotetto non riscaldato l’elemento disperdente.
  • l’isolamento del solaio orizzontale, disperdente, del sottotetto è agevolabile!
  • l’isolamento un po’ del tetto e un po’ del sottotetto NON è agevolabile dal 110%!

Fino all’anno scorso il “gran esperto legislatore” aveva limitato le agevolazioni fiscali ai lavori di isolamento termico eseguiti sulle superfici disperdenti verso l’esterno o verso il terreno o verso un ambiente non riscaldato. Quindi si perdevano le agevolazioni fiscali se si isolavano le falde del tetto anziché il sottotetto.

il Superbonus agevola l’isolamento del tetto “non disperdente”

Dal 2021 invece, il Superbonus agevola l’isolamento del tetto “non disperdente” ((articolo 1, comma 66, lettera a) legge di bilancio 2021, comma 1 lettera a dell’art. 119 del DL 34/2020).  “Non disperdente” solo nella testa del “gran esperto legislatore”… E inoltre non rientra nel conteggio delle superfici opache da isolare nella misura di almeno il 25% della superficie lorda disperdente: questo ci costringe a

  1. isolare il 25% della superficie dell’edificio
  2. poi a isolare il tetto “non disperdente”.

l’isolamento un po’ del tetto e un po’ del sottotetto NON è agevolabile al 110%!

MA si può fare così:

  • Superbonus 110% per l’isolamento termico del solaio sottotetto (elemento disperdente) che rientra nel calcolo del 25% della superficie (trasmittanza termica < ai valori limite della Tabella 1 Allegato E)
  • Bonus casa 50% per l’isolamento termico del tetto “non disperdente”, senza requisiti

oppure

  • Superbonus 110% per l’isolamento termico del tetto “non disperdente”, che NON rientra nel calcolo del 25% della superficie (trasmittanza termica < ai valori limite della Tabella 1 Allegato E)
  • Bonus casa 50% per l’isolamento termico del solaio sottotetto (elemento disperdente), senza requisiti

et voilà “le semplificazioni sono servite!”

Ecco in che mani siamo! Ricordatevene la prossima volta che andrete a votare! BASTA incompetenti al governo.


qualche dubbio

Resta comunque qualche dubbio che speriamo venga chiarito nelle prossime centinaia di migliaia di FAQ:

su questo argomento potresti rileggere il mio articolo:   Facciata ventilata, conviene?

Si legge nei REQUISITI SPECIFICI PER GLI EDIFICI ESISTENTI SOGGETTI A RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA dopo il DM 26.6.2015 :

REQUISITI SPECIFICI:

DEI DIVISORI VERTICALI ED ORIZZONTALI TRA EDIFICI ED UNITà IMMOBILIARI
DELLE STRUTTURE OPACHE VERTICALI E ORIZZONTALI TRA AMBIENTE NON RISCALDATO ED AMBIENTE ESTERNO :

isolamento sottotetto - Isolamento del tetto o del solaio del sottotetto? Superbonus 110% o bonuscasa 5

Dubbio 1:


Se vuoi dare un'occhiata a questo Annuncio, ma anche proseguire la lettura dell’articolo senza perdere il filo e dover ritornare attraverso il bottone indietro < del tuo browser, ricorda di cliccare sul link tenendo premuto Control (per Chrome e Firefox) oppure Command (per Safari)


  • se la trasmittanza termica deve garantire 0,80 W/mqK tra sottotetto non riscaldato e ambiente esterno
  • non devo obbligatoriamente isolare un pochino le falde del tetto “non disperdente”?

Dubbio 2:

  • un tetto “non disperdente” deve rispettare quanto scritto nel Decreto dei requisiti minimi?

POVERI NOI 🙁 più tempo passa e più dubbi restano…


progettare le stratigrafie di tetto e sottotetto

Ora che ci siamo “riscaldati” sulle opzioni di intervento sul tetto o nel sottotetto o in entrambi gli elementi, possiamo riprendere a ragionare sui materiali da impiegare e sugli spessori da prevedere: da un lato per rispettare la normativa, e dall’altro per riuscire ad avere delle stratigrafie ottime dal punto di vista estivo (evitando il surriscaldamento) e ottime dal punto di vista della salubrità dei materiali.

Una casa sana si può ottenere solo usando materiali isolanti sani, possibilmente naturali.

isolamento sottotetto - Isolamento del tetto o del solaio del sottotetto? Superbonus 110% o bonuscasa 7

Se vi servisse il mio aiuto, contattatemi senza indugio.



"Lascia un commento" - non devi registrarti e il tuo indirizzo email non sarà mai pubblicato, approfittane!  E un'ultima cosa: sei dovuto andare su Google per capire questo articolo? Se alcuni termini richiedono un chiarimento, scrivi nella finestra LA PAROLA che richiederebbe una definizione migliore o un link diretto per poterla capire.


autore - Federico Sampaoli  


NB: Acquistando da QUI il prezzo non aumenterà, ma Amazon riconoscerà una piccola cifra a sostegno del sito che può rimanere pulito da fastidiose pubblicità per una lettura tranquilla.




Vuoi cercare altre info nel web? usa la finestra Google qui sotto per sostenere il blog espertoCasaClima:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

4 commenti su “Isolamento del tetto o del solaio del sottotetto? Superbonus 110% o bonuscasa”

  1. @ Donato Strozza

    in zona F io penserei

    immediatamente ad isolare il solaio del sottotetto per evitare le dispersioni in direzione ascendente.
    questo però implica la progettazione della soluzione per attenuare il ponte termico del nodo tetto-parete sulla linea di gronda per evitare il rischio di condense superficiali interne sull’angolo parte soffitto interno
    i materiali isolanti sfusi o flessibili non sono molto costosi quindi abbondiamo con lo spessore oltre i requisiti minimi.

    immediatamente ad isolare il soffitto del garage per evitare le dispersioni verso il basso ed ottenere una sensazione di maggior comfort sul pavimento attuale

    per quel che riguarda il cappotto esistente di 40mm di spessore ovviamente io consiglierei di demolirlo e applicare un sistema a cappotto nuovo e di elevato spessore (non certo togliere 4cm per metterne 10)
    ma dalle sue righe mi sembra di capire che il cappotto attuale sia in buono stato e lei non sia così desideroso di fare un intervento sulle facciate:
    in questo caso si potrebbe analizzare una stratigrafia che preveda un isolamento interno, soprattutto se:
    – il cappotto esistente di 4cm permette di non posare all’interno uno spessore enorme
    – desidero rinnovare tutti gli interni
    – desidero fare i lavori a step ambiente per ambiente
    – desidero eseguire dei fori per posare qualche VMC decentralizzata (bonus 50%) ma brevemente canalizzabile verso un 2° locale (esempio ripresa in bagno e mandata in camera)

    infissi triplo vetro possibilmente con una sola specchiatura per avere più luminosità e guadagni solari

    solo dopo aver preso queste 4 importanti decisioni farei un bilancio energetico per capire se devo comunque integrare la PDC con la caldaia a metano:
    sarebbe meglio viaggiare in solo elettrico naturalmente, ed evitare un’utenza gas metano per i prossimi 30anni.

    io comunque mi occupo di involucro e non di progettazione di impianti 😉

    il solare termico lo eviterei vista la previsione di FV e pompa di calore

    le batterie di accumulo non sono ancora convenienti dal punto di vista denaro. sono un buon ideale

  2. Salve, dovrei effettuare dei lavori di efficientamento energetico con il bonus 110%.
    Questi i lavori:
    1 cappotto termico;
    2 infissi;
    3 FTV+PDC ibrida;
    4 batterie di accumulo;
    5 colonnina di ricarica elettrica;
    6 solare termico.
    Il mio dubbio è sul cappotto termico delle pareti verticali in quanto, ho già un cappotto da 4 cm si, nn è di un grande spessore, da queste parti (zona F) è previsto da 10/12 cm.
    C’è chi dice di rimuoverlo completamente e, quindi rifarlo da 10cm e, c’è chi dice di sovrapporre altri pannelli fino ad arrivare a 10 cm. Ma nessuno mi ha parlato di VMC.
    Io preferirei lasciare così come è la situazione attuale e, magari, fare il cappotto sulla soletta del solaio che mi separa dal sottotetto e sotto quella che mi separa dal garage sottostante. Data la confusione che ho in testa, mi può chiarire le idee? Grazie x l’interessamento e buona giornata

  3. @ Luca

    purtroppo per verificare se l’intervento rientra nel 110% è indispensabile fare un bilancio energetico per affermare che solo l’involucro permette il salto di 2 classi. comunque penso proprio di sì.
    ovviamente l’idea di investire gli sforzi sull’isolamento è sempre valida perché sono loro a giocare il ruolo importantissimo del contenimento delle dispersioni.

  4. Bundi Federico. Io sono dalla parte +involucro-impianti. A questo proposito su casa unifamiliare anni 60,zona F ai piedi delle preAlpi in Friuli, muro mattone pieno da 45, APE 2017 ClasseG, vorrei fare un ottimo isolamento parete e sostituzione serramenti. Inoltre il sottotetto abitabile ma non riscaldato sarebbe ottimo per chiudere l’involucro. Ora la domanda ,generica ovvio, è se basterebbe questo a fare il salto di 2 classi senza per forza applicare fvoltaico..che di impianto ibrido proprio ma anche no. Che dice, Lei nella sua esperienza professionale,ha constatato la eventuale possibilità di passaggio da G ad almeno 2 classi superiori solo con cappotto verticale+solaio+serramenti ? Sono curioso, sul web molti si dicono perplessia forse vogliono solo vendere pacchetti ‘completi’. Grazie e la seguo sempre volentieri.


  5. Se vuoi dare un'occhiata a questo Annuncio, ma anche proseguire la lettura dell’articolo senza perdere il filo e dover ritornare attraverso il bottone indietro < del tuo browser, ricorda di cliccare sul link tenendo premuto Control (per Chrome e Firefox) oppure Command (per Safari)