Vai al contenuto

Ha senso isolare solo una parete?
Come al solito, dipende.

Quindi, senza perdere altro tempo, cominciamo da zero:

perchè isolare solo una parete?

Non capita di rado che un committente mi contatti perchè desidera coibentare una sola parete. Quindi affrontiamo anche questo argomento e poi passiamo avanti.

Vuoi guardare l’articolo? vai al VIDEO

unknown.jpg

muffa in qualche ambiente

Il problema nasce sempre dalla presenza di muffa in qualche ambiente, quindi dopo qualche inverno passato a cancellare i segni neri con prodotti antimuffa vari, più o meno nocivi, o piccole tinteggiature antimuffa qualcuno si stufa e vuole risolvere la situazione per sempre.

E fa bene 😉 perchè le muffe in casa non sono solo un odore sgradito, sono funghi microscopici che causano asma e danni funzionali respiratori in particolare ai bambini di 6-12 anni. Chi vuole approfondire gli studi fatti può leggere qui.

Si sa che la muffa o il semplice annerimento delle superfici avviene proprio perchè l’umidità interna incontra una superficie troppo fredda e condensa. Per approfondire leggi gli articoli della categoria EDIFICIO & MUFFA.

ventilazione degli ambienti

L’umidità interna troppo elevata è quasi sempre la conseguenza di una scarsa ventilazione degli ambienti, quindi oltre ad isolare un ambiente bisognerebbe correggere le proprie abitudini, arieggiare meglio (possibilmente facendo corrente d’aria), spesso e brevemente.

ventilazione meccanica con recupero di calore

Se per tanti motivi non è possibile fare una corretta ventilazione degli ambienti c’è poco da fare: dobbiamo progettare una piccola ventilazione meccanica con recupero di calore. Spesso è possibile progettare con una breve canalizzazione in modo da ottenere un flusso d’aria virtuoso e più utile, ad esempio immettendo aria rinnovata in un ambiente e posizionando una ripresa d’aria in bagno: tutta l’umidità e l’aria esausta sarebbero espulse dal bagno, e questo recuperando anche il calore 🙂

un piccolo impianto VMC

Non è un lavoretto da nulla e solo per la VMC dobbiamo mettere in conto una spesa di oltre 1.000€, ma se abbiamo orari e abitudini difficili e non possiamo arieggiare la casa con una certa attenzione, dobbiamo pensare seriamente ad assumere un piccolo impianto VMC come nostro maggiordomo.

Ecco un pratico esempio di VMC con un breve canale che raggiunge il bagno ed estrae l’aria:

ABC, le basi di esperto casaclima PER PRINCIPIANTI... NEW dal 2022!!! - esperto casaclima facile part #15: isolare solo una parete 1

1.000€ sono tanti?

In confronto alla macchiolina nera nell’angolo del soffitto sono tanti, ma avere sempre un bagno asciutto e una camera da letto con aria fresca e senza elevate concentrazioni di CO2 significa anche più comfort & più salute.

Se siete abituati a dormire con le finestre chiuse, provate a monitorare il livello umidità interna e di CO2 che raggiunge la stanza dopo qualche ora e scoprirete in che ambiente malsano riposate ogni giorno.

ABC, le basi di esperto casaclima PER PRINCIPIANTI... NEW dal 2022!!! - esperto casaclima facile part #15: isolare solo una parete 3

concentrazioni di CO2

Ora non immaginatevi che la VMC installata vi permetta di vivere in casa con concentrazioni di CO2 pari a quelle di un prato: il nostro pianeta in pieno surriscaldamento globale ha già sfondato il tetto dei 421 ppm di CO2, e non c’è modo di tornare indietro 😐 sì esattamente! siamo nella cacca 🙁 e facciamo come nulla fosse).

Una VMC silenziosa e con ottimi filtri evita che gli ambienti si saturino di CO2 e butta fuori un bel po’ di umidità in eccesso 🙂 portando in ambiente aria esterna pre riscaldata e filtrata 🙂

tutte le informazioni sulla CO2

Siete rimasti scossi dal dato della Co2 attuale? Siamo purtroppo abituati a media che NON raccontano. Non credo che lo facciano per complotto contro l’umanità, sono convinto che siano tutti più o meno ignoranti sull’argomento. Bè, per non rimanere ignoranti anche noi, informiamoci, anche se può essere deprimente & preoccupante: qui trovate tutte le informazioni sulla CO2: Trends in Atmospheric Carbon Dioxide 😉

ABC, le basi di esperto casaclima PER PRINCIPIANTI... NEW dal 2022!!! - esperto casaclima facile part #15: isolare solo una parete 5

un viaggio nel tempo

Piccola nota: mentre sto scrivendo questo articolo, ha smesso di piovere, è il 7 maggio e sono due tre giorni che piove dopo tanta siccità: in queste rare e felici occasioni il mio monitor della CO2 riesce a scendere per qualche mezz’ora fino ai 399 ppm. E’ come fare un viaggio nel tempo e tornare nel giurassico 😉

isolare quella maledetta parete troppo fredda

Risolto il problema della troppa umidità e risolto il problema della ventilazione degli ambienti vorreste comunque isolare quella maledetta parete troppo fredda?

controllare e bilanciare l’impianto di riscaldamento

Prima di lamentare la sensazione di poco comfort, forse dovreste controllare e bilanciare l’impianto di riscaldamento perchè se una stanza fatica ad arrivare alla temperatura del resto della casa è possibile che l’impianto di riscaldamento non sia correttamente bilanciato, quindi alcuni ambienti superano i 20°C mentre la stanza fredda non ci riesce.

ABC, le basi di esperto casaclima PER PRINCIPIANTI... NEW dal 2022!!! - esperto casaclima facile part #15: isolare solo una parete 7

Per regolare meglio l’impianto leggi nella categoria REGOLAZIONE TEMPERATURE AMBIENTE.

Risolto il problema dell’impianto di riscaldamento vorreste comunque isolare quella maledetta parete troppo fredda?

isolare la parete sul lato interno

Vi avviso che la bolletta per riscaldamento non cambierà che di poco niente, ma se una parete mostra una temperatura superficiale troppo bassa perchè

  • è esposta a nord,
  • è esposta ai venti dominanti,
  • è spesso in ombra per colpa di un edificio troppo vicino o troppo alto
  • è spesso in ombra per colpa di un albero sempre verde
  • è più sottile o diversa dalle altre
  • è senza radiatore oppure il radiatore è stato installato dalla parte sbagliata (sulla parete interna della stanza)

allora si potrebbe isolare la parete sul lato interno per godere di una temperatura superficiale meno bassa e molto più confortevole.

ABC, le basi di esperto casaclima PER PRINCIPIANTI... NEW dal 2022!!! - esperto casaclima facile part #15: isolare solo una parete 9

un “sconsiglio” spassionato / un consiglio appassionato

Anche se sembrano super facili le soluzioni con cartongesso accoppiato all’isolante, sconsiglio di isolare la parete in questo modo preferendo la posa di pannelli minerali che comportano un ingombro interno di almeno 25mm di spessore.

ABC, le basi di esperto casaclima PER PRINCIPIANTI... NEW dal 2022!!! - esperto casaclima facile part #15: isolare solo una parete 11

isolamento interno, salubrità & comfort

Lo dico non solo per la salubrità di questi materiali, ma per il comfort termo igrometrico che possiamo ottenere.

La capacità di assorbimento dell’umidità superficiale permette di gestire al meglio l’umidità che si produce negli ambienti e soprattutto i picchi di umidità improvvisi, pensate alle docce, al cucinare ecc.

Alcuni materiali possono assorbire e cedere molto vapore, per esempio il legno, la calce, l’argilla. Sulle certificazioni dei materiali si può leggere la classificazione delle capacità di assorbire il vapore da WS I fino a WS III. L’argilla supera la classe WS III ed è in grado di assorbire in mezz’ora anche 10 grammi di vapore ogni mq di superficie: una parete di soli 4 metri di lunghezza può farsi carico di 100grammi di vapore se improvvisamente c’è troppo vapore in ambiente.

La migliore garanzia per avere un elevato comfort termo igrometrico negli ambienti è una finitura interna che possa assorbire in fretta umidità in eccesso per poi ricederla all’ambiente quando l’apporto di umidità diminuisce. Ma torniamo all’isolamento:

coibentazione interna con pannelli minerali

I Sistemi di coibentazione interna con pannelli minerali risolvono i problemi di condensazione proprio per le caratteristiche di igroscopicità dei pannelli (e per la cura dei dettagli costruttivi 😉 ).

Non dimentichiamoci mai che un isolamento interno raffredda la parete che sta al di là dell’isolante, quindi sulla vecchia parete possono avvenire le temute condense interstiziali 🙁 ma i pannelli minerali risolvono questo problema 🙂 egregiamente:

  • anche facendo un’analisi dettagliata di temperatura, umidità e pressione interna ed esterna  il risultato è che la stratigrafia non presenta un accumulo di condensa 🙂

un isolante interno con caratteristiche igroscopiche

Ecco perchè suggerisco un isolante interno con caratteristiche igroscopiche! Il nuovo strato isolante interno, invece che portare nuovi rischi di condense interstiziali  farà da “volano” all’oscillazione dell’umidità interna senza generare problemi nella stratigrafia 🙂

quali isolanti minerali scegliere per un isolamento interno?

Grossomodo si possono dividere in 3 famiglie di isolanti (per saperne di più leggi nella categoria ISOLAMENTO LATO INTERNO) partiamo dall’isolante più costoso:

  1. isolamento interno in calcio silicato a capillarità attiva, igroregolatore e ad elevata alcalinità. Un pannello isolante a base di calce, cellulosa e sabbia di quarzo con porosità del 90%, capace di assorbire acqua fino a 4 volte il proprio peso, classe di reazione al fuoco 0. Perfetto come antimuffa naturale per il risanamento dall’interno di ambienti a forte umidità. Il suo valore di conduttività è 0,060 W/mK. ABC, le basi di esperto casaclima PER PRINCIPIANTI... NEW dal 2022!!! - esperto casaclima facile part #15: isolare solo una parete 13
  2. isolamento interno in silicato di calcio microporoso, altamente igroscopico, ovviamente con un’elevata capacità di assorbimento di umidità. Anche questo pannello accumula e distribuisce il carico di umidità, sottrae alle muffe il substrato necessario alla loro proliferazione. Poi rilascia l’umidità assorbita all’ambiente e quindi regola bene la salubrità degli ambienti. Con il suo valore pH elevato combatte la formazione delle muffe, che amano superfici acide. Il suo valore di conduttività è 0,053 W/mK. ABC, le basi di esperto casaclima PER PRINCIPIANTI... NEW dal 2022!!! - esperto casaclima facile part #15: isolare solo una parete 15
  3. isolamento interno in idrati di silicato di calcio, con porosità superiore al 95% in volume. Contiene materie prime naturali come sabbia e calce + l’aggiunta di una piccola percentuale di cemento e di additivi porizzanti. Un isolante leggero, facile da usare, salubre, traspirante ed incombustibile. Il suo valore di conduttività è 0,042 W/mK. ABC, le basi di esperto casaclima PER PRINCIPIANTI... NEW dal 2022!!! - esperto casaclima facile part #15: isolare solo una parete 17

Dubbi? domande?

"Poco più in basso puoi lasciare un commento" - non devi registrarti e il tuo indirizzo email non sarà mai pubblicato, approfittane!  e iscriviti al blog tramite email per ricevere la notifica di nuovi post: vai sulla colonna di destra e cerca ISCRIVITI al Blog

copywriter, content creator & web editor - Federico Sampaoli  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

2 commenti su “esperto casaclima facile part #15: isolare solo una parete”

  1. @ luca

    grazie per leggere tutti gli articoli.
    intanto capiamo la situazione e cosa sta succedendo nel vano scale:
    con 12°C di temperatura immagino che sia un vano non riscaldato, anzi riscaldato dalle dispersioni degli ambienti riscaldati sui 2 piani.
    l’umidità relativa all’80% con 12°C è assai bassa: paragonabile a circa 50-55% con 20°C.

    quando ci preoccupiamo del livello di umidità,
    non dobbiamo mai spaventarci dal numero alto che leggiamo, ma dobbiamo ragionarlo in riferimento alla temperatura: infatti l’umidità è RELATIVA e NON assoluta!
    per fare attenzione al punto di rugiada bisognerebbe avere questo termoigrometro sulle scale:https://amzn.to/3FVoRz0

    detto questo, le condense che succedono sono certamente causate dalle superfici ancora più fredde che magari raggiungono anche i 6 o 8°C mentre il vano scale che gode delle dispersioni della casa è sui 12°C.
    queste zone fredde a rischio muffa può misurarle con questo termometro laser https://amzn.to/3YQ6lRr

    potrebbe fare ancora più attenzione ed evitare che l’aria calda del piano terra e del piano 1 esca dagli ambienti e si riversi nelle scale con il suo “carico di umidità”.
    potrebbe adoperarsi affinche le porte di accesso al vano scale abbiano meno spifferi verso le scale.

    certamente si potrebbe decidere di isolare il vano scale sul lato interno, ma forse prima di affrontare un lavoro così impegnativo farei un’analisi di tutta la casa, almeno per essere sicuro di fare i passi giusti per gli anni a venire

  2. Buon giorno. Casa unifamiliare anni 60 con muro da 45 in zona climatica E, esposizione a E-NordEst , vorrei installare parete Pannellatura in Silicati Calcio, su tromba scale con umidità 80’/,…12 gradiC,..senza prese elettriche per VMC ..senza tubazioni per termosifoni . Leggo e chiedo se potrebbe essere risolutiva ,nel senso con doppio vetro appena montato, si crea lieve condensa e minima formazione di muffa soprattutto su appoggio del serramento/ soglia marmo. (Ovviamente taglio termico sarà stato fatto in modo scorretto. ) Sono molto indeciso se fare lavori per VMC ( unica canaletta nuova è per il punto luce sopra la finestra citata ) oppure installare Silicato calcio che graverebbe meno nell’impatto spacca/stucca. Gentile Sampaoli , la seguo sempre! Un faro illuminato!


  3. Ricorda che acquistando da QUI il prezzo per te non aumenterà, ma Amazon riconoscerà una piccola cifra a sostegno di espertocasaclima.com che può rimanere pulito da fastidiose pubblicità per una lettura tranquilla: