Archivi tag: casa passiva

Passive House Plus edizioni passate da leggere gratis online

A tutti i lettori un omaggio di fine anno, grazie alla segnalazione di Enrico Bonilauri: Le pubblicazioni di Passive House Plus sono ora disponibili gratuitamente online.

Back issues of Passive House Plus

La lettura è in lingua inglese, chi non lo mastica può soddisfare la sua curiosità con tutte le interessanti immagini pubblicate! e sfogliare una rivista è sempre bello se l’argomento interessa..

Buona lettura a tutti ! (cliccate sul link per una comoda visione a pieno schermo):

  • Issue 12 – Irish edition – UK edition

passive hause 12

  • Issue 11 – Irish edition – UK edition 

passive hause 11

  • Issue 10 – Irish edition – UK edition 

passive hause 10

  • Issue 9 – Irish edition – UK edition

passive hause 9

  • Issue 8 – Irish edition – UK edition

passive hause 8

  • Issue 7 – Irish edition – UK edition 

passive hause 7

  • Issue 6 – Irish edition – UK edition

passive hause 6

  • Issue 5 – Irish edition – UK edition

passive hause 5

  • Issue 4 – Irish edition – UK edition 

passive hause 4

  • Issue 3 – Irish edition – UK edition

passive hause 3

  • Issue 2 – Irish edition – UK edition

passive hause 2

passive hause 1

+ involucro - impianti copyright

federico_sampaoli_espertocasaclimacom  ipha_member   articolo ideato, scritto e diretto da Federico Sampaoli, impegnato a favore delle persone, del comfort e dell’open information, titolare e caporedattore di espertocasaclima.com – blog di formazione e comunicazione online dal 2009.

Se vuoi conoscere il mio profilo LinkedIn

Entra anche Tu nella lista dei sostenitori del Blog espertoCasaClima :

Visita il profilo di federico su Pinterest.

Prima di costruire in Classe A, comportiamoci da Classe A!

Per questo blog ho inventato una nuova categoria: CATTIVE ABITUDINI in CASA.

Sono mosso dall’esperienza accumulata in questi anni: il committente chiede consulenza per fare corrette scelte in fatto di isolamento termico ed efficienza energetica, ma nello stesso tempo non riesce ad abbandonare le proprie cattive abitudini. Abitudini che vanno esattamente nel senso contrario alle sue nuove richieste ed aspettative. Dal cattivo uso delle finestre fino allo spreco di energia elettrica o di acqua potabile.

Prima di costruire la Classe A, comportiamoci da Classe A!

Prima di costruire in Classe A, comportiamoci da Classe A-01

E soprattutto prima di cadere in fuel poverty, la povertà indotta dalle spese per l’energia, comportiamoci in modo più efficiente! senza aspettare una legge, un’agevolazione fiscale o la consegna della nostra prima casa passiva.

Prima di costruire in Classe A, comportiamoci da Classe A-03

La questione energetica del nostro paese non mi sembra rosea. Circa l’8% della popolazione è a rischio povertà, sono oltre 4 milioni le persone che davanti all’aumento di una tariffa possono finire nei guai.

Ci siamo abituati all’elettricità e al gas come fosse quasi un diritto del nostro tempo, riusciremo a mantenerlo? Potremo sempre permettercelo?

Cadere o no in povertà energetica dipende dal nostro reddito. Ma possiamo permetterci di “consumare” tanta energia? E chi può pagare la bolletta senza fatica può vivere serenamente circondato da fenomeni di esclusione sociale all’energia?

Prima di costruire in Classe A, comportiamoci da Classe A-02

La fuel poverty c’è, le famiglie che ricevono la minaccia di sospensione delle forniture d’energia ci sono, più per l’elettricità che per il gas. Quando il 25% del reddito viene speso per bollette siamo ad alto rischio e il rischio è la terza guerra mondiale. Sì lo stato ci può sostenere con il Bonus Sociale, ma siamo noi a dover pensare a noi stessi.

Comportiamoci da classe A prima di piangere bollette che non possiamo pagare.

L’efficienza energetica, siamo noi! Seguitemi nei prossimi articoli che potete facilmente trovare uno sotto l’altro cliccando qui, e sforziamoci di abbandonare le nostre cattive abitudini.

Ci credereste che nel 2014 il 40% degli aventi diritto ha usufruito del bonus sociale energia e il 53% degli aventi diritto al bonus gas (risultati di una recente indagine del Centro Tutela Consumatori Utenti (CTCU))?

Siete una famiglie numerosa? in condizione di disagio economico? titolari di un regolare contratto di fornitura di energia o gas? non superate il valore ISEE di 7.500 euro? ? o 20.000 euro? con 3 figli a carico? vivete con un soggetto in gravi condizioni di salute mantenuto in vita da apparecchiature domestiche elettromedicali? …informatevi allo Sportello del Consumatore dell’AEEGSI, numero verde 800 166 654, oppure sui siti web: www.autorita.energia.it, www.acquirenteunico.it, www.bonusenergia.anci.it. oppure presso i Comuni, i Centri Civici ed i CAF sulle modalità per la presentazione delle rispettive domande.

+ involucro - impianti copyright


e prima di costruire in classe A,
comportiamoci da classe A !


federico_sampaoli_espertocasaclimacom  ipha_member

- il mio profilo LinkedIn: Lin  - articoli pubblicati di recente: eCC  - commenti al blog: feed        - i miei tweet: Tw

…questo articolo è stato ideato, scritto e diretto da Federico Sampaoli,

vuoi pubblicare le tue FOTO di cantiere? segui le istruzioni di questa pagina.

diventa anche Tu sostenitore del Blog espertoCasaClima :

Come partecipare al Sondaggio sulla conoscenza dello standard Passivhaus

Vi piace l’argomento “efficienza energetica” in generale? Vi siete informati e avete letto molto? Amate l’idea di una casa che si comporti come una barca a vela? Conoscete già molti aspetti di una casa passiva?

Potrebbe piacervi la sfida di partecipare al sondaggio sulle conoscenze sulla Progettazione secondo lo standard Passivhaus. Questo sondaggio è parte del progetto finanziato dal programma Erasmus + : SEEDpass (partnership strategica del sud-est europeo per la formazione professionale e l’organizzazione di corsi sulla progettazione secondo lo standard Passivhaus). Il questionario ha lo scopo di individuare eventuali lacune di conoscenza tra i nostri gruppi di interesse.

L’indagine non include la raccolta di dati personali e permette di vincere un software PHPP (Pacchetto di Progettazione Passivhaus) ed il relativo Manuale utente, appositamente sviluppato come strumento per il calcolo del bilancio energetico e per la progettazione di case a basso consumo energetico.

I risultati del sondaggio, così come il vincitore, saranno annunciati qui nel corso del mese di gennaio 2015.

Forza! partecipate al sondaggio! è sempre un modo per capire meglio la casa passiva.

NB: se utilizzate lo stesso indirizzo IP, potete uscire dal questionario e ritornarci in qualsiasi momento!

vale sempre il motto:

+ involucro - impianti copyright


federico_sampaoli_espertocasaclimacom  ipha_member

- il mio profilo LinkedIn: Lin  - articoli pubblicati di recente: eCC  - commenti al blog: feed        - i miei tweet: Tw

…questo articolo è stato ideato, scritto e diretto da Federico Sampaoli,

vuoi pubblicare le tue FOTO di cantiere? segui le istruzioni di questa pagina.

diventa anche Tu sostenitore del Blog espertoCasaClima :

Meglio tanta casa e pochi impianti

Chi è fortunato, e sta costruendo casa, e chi è attento, e sta restaurando, si domanda continuamente, ma vale la pena tutto l’investimento extra per raggiungere performance d’involucro termico (tetto, pareti, finestre) eccezionali?

nuova casa passiva

<< Se costruisco o sistemo più o meno bene, e poi ci metto impianti super tecnologici, ottengo quello che volevo: la mia casa bellissima che consuma anche poco.

E poi è una vita che sogno il riscaldamento a pavimento, anzi mi hann detto che il pavimento può riscaldare e in estate raffrescare. Questo è quel che fa per me! Finalmente il sogno si avvera. Devo solo stare attento a non perdere la bussola! I soldi dovrebbero bastare!

E poi ci sono gli incentivi, mi metto il solare sul tetto, faccio un investimento insieme alla mia banca e mi faccio installare anche il fotovoltaico, va a finire che ci guadagno pure col mio tetto! Potrei buttarmi nel geotermico, costicchia bucare la terra, ma se me lo progettano bene e non ghiaccio il mio terreno do un bel calcio al contatore del gas!

Sì so ben quel che faccio! Il futuro è mio. Nessuno gufi!

casa clima classe B

E poi una casa che è quasi in classe A, magari B per qualche cavillo (la classe energetica CasaClima C è stata abolita), è il massimo oggi. Gli esperti di case che ti raccontano che ci sono le Case Passive che consumano niente sono sicuramente dei fanatici – non aprono nemmeno le finestre! ah ah, noi amiamo la natura, ci piace l’aria, altro che l’aria dei tubi! Alla mattina mi alzo e spalanco le finestre, sì anche col nebbione e quando fa un freddo cane! La camera la tengo bella fresca, c’ho un piumone grosso così. Amo la natura, la mia futura casa in legno ne è la prova!

Gli esperti dicono che la casa in legno è ottima ma…. Ma cosa si inventano, macchè leggera… in legno massiccio! Il nostro clima è perfetto per la mia futura casa in legno… e se la teoria della massa che sembra tanto importante è vera… allora faremo i mobili in cemento che tanto alla storia delle scorie d’altoforno non ci credo mai e poi mai. >>

Non concentratevi sugli impianti e soprattutto non a priori, potrebbero non servirvi! Se l’isolamento termico è progettato con i fiocchi, se i ponti termici non li avete costruiti, se le finestre sono eccezionali e montate ancora meglio, se gli spifferi sono solo un ricordo di casa vecchia allora la vostra nuova casa si scalderà anche con le candele di ikea o infornando la pizza o mettendo tre ciocchi di legna nella stufa. La casa che costa 10 € di riscaldamento al mese esiste, basta volerla.

L’investimento in più è minimo (8% in media) e nel tempo ci ripagherà con comfort e spensieratezza. Certo, ci dobbiamo credere e dobbiamo informarci bene.

Nel tempo…. Questo lungo termine è una guida fallace per gli affari correnti. Nel lungo termine saremo tutti morti!

…ricordate le parole di John Maynard Keynes?

Parlare di lungo termine per Keynes significava prendere la scorciatoia più comoda e più vile! scrollandosi di dosso tutti i fastidi, rifiutando di comprendere le ragioni dell’attuale.

vale sempre il motto:

+ involucro - impianti copyright


federico_sampaoli_espertocasaclimacom  ipha_member

- il mio profilo LinkedIn: Lin  - articoli pubblicati di recente: eCC  - commenti al blog: feed        - i miei tweet: Tw

…questo articolo è stato ideato, scritto e diretto da Federico Sampaoli,

vuoi pubblicare le tue FOTO di cantiere? segui le istruzioni di questa pagina.

diventa anche Tu sostenitore del Blog espertoCasaClima :

PHPP versione 7 (2012), software per la progettazione di case passive

Per Natale mi sono regalato il Passive House Planning Package, Pacchetto per la progettazione di case passive, (PHPP), in italiano da ZEPHIR, lo Zero Energy and Passivhaus Institute for Research, a cui chiunque può ordinarne una copia online.

PHPP versione 7 (2012), software per la progettazione di case passive

E’ un tool di bilancio energetico e di progettazione di edifici conformi al protocollo di qualità Passivhaus e per ristrutturazioni EnerPHit del Passive House Institute.

E’ un grande foglio di calcolo molto utile per la progettazione. Anzi è uno strumento di progettazione! E’ il “filo a piombo” del progetto!

i muratori mi ammazzeranno!

federico_sampaoli_espertocasaclimacomipha_member

View federico sampaoli's profile on LinkedIn

Vuoi offrire un sostegno a questo BLOG? Diventerai sostenitore di EspertoCasaClima.

 esperto casaclima

L’ occasione della Casa Passiva

 Ci sono molte discussioni nel web che riguardano la Casa Passiva, a volte i commenti trasmettono veramente il sogno. Qui sotto uno di questi:

Certified European Passive House Designer

I am considering taking the Certified European Passive House Designer course. Do any qualified group members have any advice on the subject? and has it improved your business? 
I offer architectural services to clients, and would like to offer this as a design service also.

 Group: Passivhaus Design Group

Hi, I’m just a carpenter so I’m not sure if I fall into your "qualified group members" category, but if I may. My life as well as the lives of others who have actively pursued the study of Passive House in America have had their lives totally changed. I know of several architects who were burnt out and numbed by the humdrum building industry. They were ready to quit but knew of no other way to make a living. Upon being dipped into the baptismal waters of Passive House they we reborn. They were up late at night designing with their new found concepts and then at it again early in the morning applying Passive House to their houses and schools and duplexes and apartments and brown stones and chicken coups. But there is a dark side to the Passive House movement. A sided only whispered about. Once you delve into the building science catacombs of Passive House you begin to look at your fellow peers in a different light. And this may be difficult for some. With this said I highly encourage you to walk down to the river and take a dip into its cool waters. Dave Gano Washington DC 
Posted by David Gano

 

federico_sampaoli_espertocasaclimacomipha_member

View federico sampaoli's profile on LinkedIn

Vuoi offrire un sostegno a questo BLOG? Diventerai sostenitore di EspertoCasaClima.

 esperto casaclima

La Casa Passiva ha 5 principi.

  Chi ha cominciato a leggere di case passive, forse starà pensando che la sua prossima casa sarà proprio una Casa Passiva.

O passiva o niente!

In qualsiasi progettazione, strada facendo, per un motivo o per l’altro, si accettano compromessi: se progettiamo seguendo lo standard passivo questo non può accadere. Alla qualità costruttiva non si può derogare.

Qui sotto i 5 principi della progettazione per costruire una Casa Passiva:

casa-passiva-i-5-principi 

  1. buona coibentazione
  2. buona serramentistica
  3. ventilazione confortevole con recupero del calore
  4. ermeticità all’aria
  5. assenza di ponti termici

…sembra facile, ma non è difficile.

federico_sampaoli_espertocasaclimacomipha_member

View federico sampaoli's profile on LinkedIn

Vuoi offrire un sostegno a questo BLOG? Diventerai sostenitore di EspertoCasaClima.

 esperto casaclima

Trasformare una casa in una Casa Passiva

 Avete scoperto la Casa Passiva e Vi è venuto il pallino del Passive House? aah come Vi capisco!

passiv-haus

Devo avvertirvi che pur avendo grandi disponibilità economiche spesso è impossibile raggiungere gli standard previsti dal Passivhaus Institut, quegli standard sono stati concepiti per le nuove costruzioni: le "scatole" finestrate a sud.

standard-casa-passiva

Però possiamo provarci usando accorgimenti, materiali e componenti tipici "da casa passiva" e riuscire addirittura ad ottenere il certificato "EnerPHit – Qualitätsgeprüfte Modernisierung mit Passivhaus-Komponenten" in tedesco, "EnerPHit – New PHI certification for old buildings modernization" in inglese, e un consumo per riscaldamento di 25 kWh/m²anno:

 enerphit

Non pensate ad una scorciatoia: una nuova costruzione o nasce passiva – perchè si è progettata così – o non potrà ottenere nemmeno l’ EnerPHit-Zertifikat. Quindi non facciamo i furbi!

Ecco alcuni criteri da rispettare per un "restauro passivo" – così lo voglio chiamare fino a che il Passivhaus Institut non conierà un "marchio" in italiano:

  • le strutture opache, se coibentate dall’esterno, devono avere trasmittanza U ≤ 0,15 W/(m2K)
  • le strutture opache, se coibentate dall’interno, devono avere trasmittanza U ≤ 0,35 W/(m2K)
  • il tetto o l’ultimo solaio, devono avere una trasmittanza U ≤ 0,35 W/(m2K)
  • i serramenti, e non il vetro o il telaio (EN 10077) devono avere una trasmittanza Uw ≤ 0,85 W/(m2K)      [w sta per window]
  • il portone d’ingresso deve avere una trasmittanza Ud ≤ 0,80 W/(m2K)       [d sta per door]
  • la ventilazione con recupero di calore deve avere efficienza ηWRG,eff ≥ 75 % con una efficienza elettrica ≤ 0,45 Wh/m3
    e deve servire tutti i vani dell’edificio con almeno una mandata e una ripresa oppure garantendo una ventilazione trasversale
  • la tenuta all’aria dell’edificio deve tendere a n50 ≤ 0,6 h-1 con valore limite n50 ≤ 1,0 h-1
  • la temperatura superficiale interna della pavimentazione non deve essere inferiore ai 17 °C

EnerPHIt o no, io propongo sempre di fare il meglio che si può. Meglio essere la miglior scopa della valle se non si può essere il più grande pino della montagna.

federico_sampaoli_espertocasaclimacomsostegno-al-blog-espertocasaclima.com

View federico sampaoli's profile on LinkedIn

 

PHPP, software per la progettazione di case passive

 E’ in vendita il Passivhaus Projektierungs-Paket PHPP Version 7 (2012) – DE ( in lingua tedesca) (Passivhaus Projektierungs-Paket – Bilanzwerkzeuge) al prezzo di 130.00 EUR. Si tratta della versione 7, ad oggi il più aggiornato PHPP.

 phpp

Per ordinarlo online potete cliccare qui. Il prezzo è 4 volte più basso che in Italia. E poi ci si chiede perchè l’Italia è fanalino di coda in Europa… forse anche per questo!

Il Passive House Planning Package, Pacchetto per la progettazione di case passive, (PHPP) è disponibile in diverse lingue in molti paesi: la versione disponibile in italiano è la 2007 dalla quale deriva l’attuale versione 2007it-PatchRevision 2010.2. PHPP

Esiste una versione multilingue (PHPPxML) dove si può scegliere la lingua desiderata e cambiarla in tempo reale.
TBZ è il responsabile per l’edizione italiana e xML internazionale.

Ricordate che il  PHPP non è stato concepito come Software per una certificazione amministrativa, ma come strumento di calcolo scientifico-tecnico! E’ uno strumento di progettazione!

Il Software PHPP distribuito in Italia da TBZ costa 400,00€, ovviamente IVA esclusa (4 volte più caro che in Germania: si sa, le importazioni intra UE hanno dazi a 2 zeri…).

corso-phpp

Visto che agli italiani piace tanto ricevere uno sconto, il 3×2, o il paghi 2 e prendi 3, o le raccolte punti o tutte le varie trappole che si inventano – perchè noi ci caschiamo sempre sempre sempre – anche per il PHPP c’è lo sconto:

  • Chi ordina il software PHPP ha il 10% di sconto sul corso pacchetto per la progettazione di case passive PHPP. Felici di essere italiani?

 

federico_sampaoli_espertocasaclimacomsostegno-al-blog-espertocasaclima.com

View federico sampaoli's profile on LinkedIn

 

Dopo la casa passiva, o prima

 Sarà bene pensare alla mobilità.  Oltre alla bicicletta:

Dopo la casa passiva

un’elettrica due posti veri con quattro freni a disco, cinture a quattro punti per il posto anteriore e a tre punti per quello posteriore, oltre all’airbag per il conducente.

Dopo la casa passiva

  • 7 kW/9 CV, coppia massima di 33 Nm disponibile già all’avviamento, velocità massima di 45 km/h (potrà essere guidata anche dai quattordicenni
  • 13 kW/17 CV, 57 Nm di coppia, velocità di 80 km/h.
  • piano di noleggio delle batterie elettriche. Canoni più bassi di quelli per l’i Phone…
Dopo la casa passiva

 

federico_sampaoli_espertocasaclimacomsostegno-al-blog-espertocasaclima.com

View federico sampaoli's profile on LinkedIn