consulenza per efficienza energetica

isolamento interno - Isolamento interno con pannelli in silicato di calcio 1

Isolamento interno con pannelli in silicato di calcio

240 risposte

L’isolamento interno è la soluzione perfetta per risolvere tutti i problemi dovuti alle condense superficiali interne: le zone interessate dalle muffe rivestite con pannelli in silicato di calcio, detto anche calcio silicato, non saranno più fredde e disperdenti come prima:

  • la muffa inizia a formarsi quando l’intonaco interno è attorno ai 16,7°C e per alcuni giorni abbiamo umidità relativa interna superiore all’ 80%… facile che succeda nei bagni o nelle camere da letto dove tendenzialmente manteniamo una temperatura ambiente più bassa 🙁

Vuoi guardare l’articolo? vai al VIDEO

unknown.jpg

isolamento interno pannelli calcio silicato-03

una superficie fredda a rischio muffa

Per l’isolamento di una superficie fredda a rischio muffa consiglio senza dubbio i pannelli in silicato di calcio:

  • materiale salubre
  • materiale sottile (anche 15mm di spessore)
  • materiale capillarmente molto attivo

isolamento interno - Isolamento interno con pannelli in silicato di calcio 2

pannelli in silicato di calcio, detto anche calcio silicato

Si producono con sabbia quarzosa e calce, poi armati con cellulosa per renderli stabili.

La struttura aperta con pori fini (90% di pori fini) offre:

  • elevata assorbenza capillare (quindi un enorme capacità di assorbimento di acqua) 🙂 🙂 🙂
  • proprietà termoisolanti discrete 🙂

isolamento interno - Isolamento interno con pannelli in silicato di calcio 3

La presenza di una minima parte di cellulosa conferisce al pannello:

  • stabilità degli spigoli
  • buona flessibilità.

I pannelli in silicato di calcio sono leggeri, hanno una certa stabilità di forma e si montano in maniera auto portante con il loro collante (quindi niente tasselli e nessuna struttura da costruire).

isolamento interno pannelli calcio silicato-02

il silicato di calcio ha:

  • un pH circa 10, quindi è leggermente alcalino
  • un µ = 6, cioè è molto aperto alla diffusione del vapore e infatti lo assorbe molto velocemente
  • un’elevata porosità che determina una grande capacità di accumulo dell’acqua e di trasporto capillare
  • una conduttività termica, valore Lambda, pari a 0,050 – 0,070 W/mK (non è un isolante spinto 😉 )
  • classe di infiammabilità 1

isolamento interno pannelli calcio silicato-04

come funzionano i pannelli in silicato di calcio, o calcio silicato

I pannelli a base di silicato di calcio garantiscono un clima dell’ambiente confortevole grazie alla regolazione attiva dell’umidità dell’aria e allo stesso tempo superfici interne più calde. Il loro valore pH 10 funge da anti muffa, quindi un ottimo materiale per il risanamento di zone spesso umide come i bagni.

Le superfici che prima erano fredde, disperdenti e rischio muffa, dopo il rivestimento con pannelli in silicato di calcio riusciranno a

  1. gestire l’eccesso di umidità
  2. sopportare piccole condense
  3. accumulare diversi grammi di vapore per capillarità
  4. smaltire l’umidità non appena l’ambiente risulta più asciutto

isolamento interno pannelli calcio silicato-05

posa dei pannelli in silicato di calcio, o calcio silicato

I pannelli a base di silicato di calcio vengono applicati con il loro collante che garantisce il collegamento capillare tra parete e pannello (senza lasciare vuoti).

Il vecchio intonaco non deve essere a base gesso 😉

Sulla rasatura armata, la pittura murale definitiva deve essere di qualità simile perchè è proprio una pittura sbagliata che rovina tutto l’intervento e la elevata qualità del materiale appena acquistato e posato!

isolamento interno pannelli calcio silicato-01

costo dei pannelli in silicato di calcio, o calcio silicato

Con un prezzo di circa 1 € per millimetro di spessore, questi pannelli in calcio silicato non battono la concorrenza sul costo materiale, ma offrono qualità e salubrità ineguagliabili.

Se state pensando di ritinteggiare gli interni, dopo aver bonificato le zone attaccate dalle muffe riflettete un attimo prima di decidere:

  • sarebbe il momento ideale per affrontare un rivestimento interno, i disagi sarebbero quasi gli stessi, ma il risultato enormemente superiore. 

isolamento interno - Isolamento interno con pannelli in silicato di calcio 4

l’occasione per installare una VMC

Attenzione alla stagione dei lavori! Il lavoro non è a secco, deve asciugare 😉 e cioè smaltire l’acqua contenuta nell’impasto del collante e del rasante.

Se avete colto l’occasione per installare una VMC potete delegare a lei il compito di superare il problema della cattiva stagione, perchè con temperature più basse fuori, il suo ricambio d’aria costante riesce a smaltire una buona quantità di umidità interna 😉

isolamento interno - Isolamento interno con pannelli in silicato di calcio 5

funzione risanante

Il pannello può anche essere il sostituto di un intonaco molto traspirante con funzione risanante di pareti che devono asciugare.


federico sampaoli espertocasaclima

copywriter, content creator & web editor – Federico Sampaoli  consulente tecnico per l’isolamento termico dell’involucro edilizio

Qui sotto puoi lasciare un commento” – non devi registrarti e il tuo indirizzo email non sarà mai pubblicato, approfittane!  riceverai presto una risposta!

acquistando da QUI il prezzo per te non aumenterà, ma Amazon riconoscerà una piccola cifra a sostegno di espertocasaclima.com che intende rimanere libero da insopportabili Pop-up

oppure sostieni l’informazione libera e imparziale di espertocasaclima con un un Buono Regalo Amazon digitale (via e-mail o SMS)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

240 risposte a “Isolamento interno con pannelli in silicato di calcio”

  1. @ matteo

    purtroppo dietro ad un isolamento interno, il fondo a base gesso non è adatto, anzi
    una parte dell’acqua d’impasto viene trattenuta quando il gesso si indurisce… Il gesso è infatti molto bravo ad assorbire l’umidità, ma non può rilasciarla del tutto e trattiene l’acqua: questo porta all’instabilità, cioè l’intonaco di gesso diventa morbido

  2. Avatar Matteo D'Odorico
    Matteo D’Odorico

    Perchè il vecchio intonaco NON DEVE essere a base gesso ??
    Che rischi ci sono ??

  3. @ lorenzo

    probabilmente avrà solo una finitura liscia finale in gesso…
    fresatrice o levigatrice vibrante: tipo (https://amzn.to/49B1MyI)
    e preparare il fondo esistente con la fitta picchettatura

  4. Salve,
    Grazie mille per gli articoli che pubblica, sempre molto interessanti e ricchi di informazioni.

    Avrei una domanda riguardo l’applicazione di questi pannelli su parete con intonaco.
    Lei fa riferimento nell’articolo al fatto che l’intonaco non deve essere in gesso.
    Se ci ritroviamo nel caso di avere un intonaco in gesso, come suggerisce di procedere?

    Grazie mille

  5. @ massimiliano

    isolando le pareti e risvoltando l’isolamento sui ponti termici tutte le zone fredde aumentano la loro temperatura superficiale, inoltre la finitura a calce è sgradita alla muffa.
    non è un pannello anti muffa con pH elevato ma ha tutte le carte in regola per garantire superfici senza muffa.
    se esiste umidità di risalita, consiglio di usare un pannello specifico

  6. Avatar Massimiliano zaganelli
    Massimiliano zaganelli

    Buongiorno, se l’abitazione non ha mai avuto problemi di muffa, può andare bene anche un materiale come il Multipor che dovrebbe essere fatto con idrati di silicato di calcio ? Si previene la muffa anche con questo tipo di pannello ?

  7. @ eustachio

    le tracce degli impianti al suo interno??? esce giusto questo articolo domani alle 16 🙂

    utilizzare il silicato di calcio come cappotto interno e nasconderci gli impianti non si può perchè è troppo sottile.
    dobbiamo progettare con pannelli in idrati di silicato di calcio che sono più spessi

  8. Salve ho un mattone poroton da 20 e vorrei utilizzare il silicato di calcio come cappotto interno creando le tracce dell impianti al suo interno.Potrebbe essere una buona soluzione?grazie

  9. @ fabio

    🙂

  10. come sempre ottime spiegazioni

  11. @ pasquale

    sì, senza inventarsi una rasatura diversa da quella del produttore.
    però se ha molto spazio disponibile, è inutile optare sul sottile e costoso calcio silicato

  12. Avatar pasquale
    pasquale

    salve,
    la ringrazio per la risposta, quindi se dovessi usare il silicato
    senza il laterizio forato si procede con la classica rasatura armata.
    grazie.

  13. @ pasquale

    ah no, rivestire con laterizio un isolante pregiato come il calcio silicato non ha senso.
    è vero che ristabilirebbe una buona massa sul lato interno ma non ha senso.
    se proprio vuole una rifodera interna in laterizio forato con isolamento salubre e naturale può usare la canapa, ma a questo punto possiamo progettare un isolamento interno in calce canapa (che le permette anche di fare i risvolti sui ponti termici del solaio e dei divisori interni) con un ottimo intonaco a calce

  14. Avatar pasquale
    pasquale

    Salve,
    praticamente il forato da 8x25mm lo uso come tamponamento a ridosso del silicato per avere una parete aggiuntiva.
    grazie.

  15. @ pasquale

    partire dal pavimento non causa nulla alla stratigrafia ma si usa staccarsi e anch’io lo farei con una semplice striscia isolante che vendono per montanti dei cartongessi oppure quelle che si usano per il perimetro del massetto a distanziale dalla parete.
    non ho invece compreso quel tavolato da 8cm dove sarà 😐

  16. Avatar pasquale
    pasquale

    Buongiorno,
    avrei bisogno di un suo consiglio.
    le scrivo da Bergamo,
    ho una parete del soggiorno a nord e avrei intenzione di isolarla perché ovviamente più fredda.
    il muro esterno e costruito in poroton.
    la mia intenzione era usare un Pannello isolante antimuffa in silicato di calcio 25mm, (muffaway KLIMAPLATTE Naturalia-Bau) rasare e realizzare un tavolato da 8 cm così da creare una stratigrafia della parete.
    quindi poroton, silicato, tavolato da 8cm e relativo intonaco.
    cosa ne pensa?
    nelle specifiche della posa dicono di lasciare una fuga di ca. 8 mm tra la prima fila di pannelli e il pavimento e di 2 mm tra i vari pannelli.
    se dovessi iniziare con le file posate sulle piastrelle c’è qualche problema?
    grazie!

  17. @ giancarlo

    provo a rispondere così per punti (ognuno un ulteriore spunto di riflessione):
    l’intonaco termoisolante o termointonaco non costa poco
    l’intonaco termoisolante o termointonaco di solito da scheda tecnica richiede uno spessore minimo 20-30mm
    l’intonaco termoisolante o termointonaco come ultimo strato non favorisce l’inerzia e non corregge la mancanza di massa interna alla stratigrafia, quindi se volessi fare un’opera eccellente dovrei aumentare lo spessore del pannello isolante e poi intonacare con massa (argilla o calce)

    spero che gli spunti siano utili a ulteriori ragionamenti.

  18. Avatar giancarlo dardi
    giancarlo dardi

    buongiorno
    ho visionato il video e vorrei porre una domanda
    visto che i pannelli in silicato di calcio hanno conducibilita’ termica di 0,05-0,07,possono essere intonacati con un intonaco termoisolante?.

  19. Avatar Federico Sampaoli