Il tetto è, in ogni modo, una copertura logica, perfetta, leggera, areata, coibente. Giò Ponti

Leggi questo articolo grazie alle donazioni dei recenti “esperti” lettori Paolo Montagnini, Mauro Tassinari, Giovanni Faro, Guerra Stefano, Andrea Momesso, Gaddo Tarchiani. Partecipa anche Tu, sostieni l’informazione attraverso espertocasaclima.com!


Giò Ponti, 1957, a proposito di “Tetti”:

“L’architettura finisce alla gronda, al coronamento… l’architettura finisce al sommo tetto, il tetto è metà di un’architettura di una casa… Il tetto è, in ogni modo, una copertura logica, perfetta, leggera, areata, coibente”.

Rileggere questa frase alle soglie del 2020, dà da pensare. Intanto Giovanni Ponti, architetto, designer industriale, artigiano, professore, pittore, redattore e giornalista, sta già parlando di “coibente“, quindi di isolamento termico del tetto: e siamo nel dopoguerra!

Invece noi, umani del terzo millennio, gran produttori di CO2, siamo ancora qui a non comprendere bene quale isolante sia adatto ad una copertura nel nostro clima, ancora non ci è chiaro il problema del surriscaldamento e non ci è chiaro il problema dell’acustica. In tutta franchezza le proprietà dei vari materiali coibenti disponibili sul mercato sono mal conosciute, o in modo poco approfondito. Questo è triste dirlo, ma così è, a giudicare le stratigrafie che si leggono in tanti progetti. Forse è proprio questo il problema che ci trasciniamo: non progettiamo con accuratezza.

Anche la migrazione del vapore attraverso l’elemento tetto è spesso poco chiara, di conseguenza l’argomento guaine teli e manti è preso un po’ alla leggera.

Ma torniamo alla frase iniziale:

Il tetto è, in ogni modo, una copertura logica, perfetta, leggera, areata, coibente”.

Ponti parla di copertura logica: quindi dà una buona dose di importanza al realizzare un tetto logico e non illogico. Ora non voglio prendere in giro nessuno, ma tante volte mi sembra che sia in progetto un tetto assai poco logico.

Una copertura perfetta: beh, se la perfezione non è di questo mondo, almeno sforziamoci di fare bene le cose. Già il rispetto della normativa sarebbe un passo per tutti nella giusta direzione: Una norma ci dice come fare bene una certa cosa.

Una copertura leggera: certamente un elemento leggero in alto è staticamente la cosa migliore possibile. Aggiungo però che la leggerezza non può essere una scusa per progettare stratigrafie di copertura che non prevedono uno strato di massa sul lato interno o materiale fibroso e denso come isolante. Il giusto mix di materiali, di prestazioni isolanti, di densità e qualità e di capacità di accumulare il calore è la base per costruire una ottimale stratigrafia dalle buone prestazioni in periodo invernale ed estivo.

Una copertura areata: sono mille le buone ragioni per optare per un tetto ventilato e anche uno strato di ventilazione per un rifacimento di un tetto che prevede l’isolamento nel sottotetto, ma certamente un tetto piano, con la sua impermeabilizzazione esterna non può presentarsi come un pacchetto traspirante nei due sensi: sarà un pacchetto traspirante verso l’interno. Oppure si progetterà una vera barriera al vapore che non permetterà all’umidità ambiente di migrare liberamente nell’isolante di copertura.


lettura senza banner pubblicitari grazie alla generosità dei lettori – dona anche Tu 😉 sostieni l’informazione attraverso espertocasaclima.com!


se stai scrollando una pagina dove visualizzi molti articoli uno sotto l’altro e vuoi intervenire con un tuo commento, clicca prima sul titolo del Post – in basso troverai la finestra per scrivere il tuo commento!


federico_sampaoli_espertocasaclimacom  ipha_member

articolo ideato, scritto e diretto da Federico Sampaoli, impegnato a favore delle persone, del comfort e dell’open information, titolare e caporedattore di espertoCasaClima – blog di informazione e comunicazione

Il mio profilo LinkedIn

Entra anche Tu nella lista dei sostenitori del Blog espertoCasaClima :

Visita il profilo di federico su Pinterest.

Un pacchetto isolante traspirante vuole che le membrane siano 2

Leggi questo articolo grazie alle donazioni dei recenti “esperti” lettori Paolo Montagnini, Mauro Tassinari, Giovanni Faro, Guerra Stefano, Andrea Momesso, Gaddo Tarchiani. Partecipa anche Tu, sostieni l’informazione attraverso espertocasaclima.com!


Sconfitta o vittoriosa, nessuna bandiera non stinge al sole

ma cosa sto dicendo?

Quando si parla di tetto isolato e traspirante, e lo stesso vale per una parete (per esempio di una moderna casa in legno che prevede una finitura esterna in legno o lamiera seguendo ragioni estetiche) è normale che tra le scelte da fare non vi sia solo il materiale coibente e relativo spessore: ci saranno anche le membrane.

Ho usato precisamente il plurale perchè un pacchetto isolante traspirante normalmente vuole che le membrane siano 2: Continua a leggere

La migrazione del vapore attraverso gli elementi di un edificio

Leggi questo articolo grazie alle donazioni dei recenti “esperti” lettori Paolo Montagnini, Mauro Tassinari, Giovanni Faro, Guerra Stefano, Andrea Momesso, Gaddo Tarchiani. Partecipa anche Tu, sostieni l’informazione attraverso espertocasaclima.com!


E’ buffo che tutti conoscano il vapore, l’acqua allo stato gassoso, e la condensa quando esso si deposita su di una superficie, ma facciano fatica a comprendere esattamente cosa succeda quando la pressione di vapore cambia ( a seconda della temperatura esterna ed interna) ed inizi una migrazione del vapore attraverso un elemento edile.

Beh, se state leggendo questo articolo probabilmente vorrete saperne di più, oppure cercate una conferma di aver capito bene il meccanismo della condensa rispetto alla temperatura di rugiada che dipende da Continua a leggere

Evitare di andare in rosso in casa nuova

Leggi questo articolo grazie alle donazioni dei recenti “esperti” lettori Paolo Montagnini, Mauro Tassinari, Giovanni Faro, Guerra Stefano, Andrea Momesso, Gaddo Tarchiani. Partecipa anche Tu, sostieni l’informazione attraverso espertocasaclima.com!


Finire una ristrutturazione o entrare in casa nuova è un po’ come iniziare una nuova vita. Per molti significa anche un cambio di residenza e dunque un vero nuovo inizio. Potrebbe venirvi voglia di cambiare completamente registro! Un po’ come il primo giorno di scuola si vorrebbe iniziare col piede giusto.

in che senso? Continua a leggere

Evitare valanghe di pubblicità in casa nuova

Leggi questo articolo grazie alle donazioni dei recenti “esperti” lettori Paolo Montagnini, Mauro Tassinari, Giovanni Faro, Guerra Stefano, Andrea Momesso, Gaddo Tarchiani. Partecipa anche Tu, sostieni l’informazione attraverso espertocasaclima.com!


Finire una ristrutturazione o entrare in casa nuova è un po’ come iniziare una nuova vita. Per molti significa anche un cambio di residenza e dunque un vero nuovo inizio.

Continua a leggere

Ferragosto e la casa con buon isolamento contro il caldo

Leggi questo articolo grazie alle donazioni dei recenti “esperti” lettori Paolo Montagnini, Mauro Tassinari, Giovanni Faro, Guerra Stefano, Andrea Momesso, Gaddo Tarchiani. Partecipa anche Tu, sostieni l’informazione attraverso espertocasaclima.com!


Sembra che l’alta pressione nord africana abbia raggiunto il suo massimo e oggi si toccherà il culmine del caldo. I picchi anche superiori ai 40°C mettono gli edifici a dura prova, specialmente quelli che sorgono in una cosiddetta isola di calore dove manca il verde e il normale raffreddamento notturno.

Quando la ventilazione notturna è impossibile la casa continua a caricarsi di energia e anche il migliore isolamento termico non aiuta più.

Naturalmente sto parlando di protezione passiva dal caldo, quindi mi riferisco solo alla forza di resistenza dell’involucro edilizio. Non considero nessun impianto di raffrescamento. La casa è gestita con l’ombreggiatura (manuale o del verde esterno) e con la ventilazione notturna: in condizioni estive più normali queste 2 soluzioni ben gestite permettono agli ambienti interni di non superare Continua a leggere

Posizione dell’edificio e le 4 forze che influenzano chi ci abita

Leggi questo articolo grazie alle donazioni dei recenti “esperti” lettori Paolo Montagnini, Mauro Tassinari, Giovanni Faro, Guerra Stefano, Andrea Momesso, Gaddo Tarchiani. Partecipa anche Tu, sostieni l’informazione attraverso espertocasaclima.com!


Negli articoli precedenti abbiamo parlato di

fronte, retro, sinistra e destra

riferiti all’edificio e delle relative caratteristiche; il Feng Shui riassume questi 4 punti nel modello psicologico dei Quattro Animali simbolici:

  • la Tartaruga nera è il retro della casa, la montagna
  • la Fenice rossa: il fronte, l’apertura, la vista estesa
  • il Drago verde: il lato sinistro della casa, una collina lunga e distesa (osservato dall’interno con le spalle verso il retro)
  • la Tigre bianca: lato destro della casa, una roccia o collina compatta, di altezza inferiore rispetto all’elemento che rappresenta il Drago.

Perché la presenza o mancanza di questi elementi in un sito dovrebbe interessarci? Continua a leggere

Isolare il sottotetto che è pertinenza dell’appartamento sito all’ultimo piano

Leggi questo articolo grazie alle donazioni dei recenti “esperti” lettori Paolo Montagnini, Mauro Tassinari, Giovanni Faro, Guerra Stefano, Andrea Momesso, Gaddo Tarchiani. Partecipa anche Tu, sostieni l’informazione attraverso espertocasaclima.com!


Chi vive in un condominio all’ultimo piano sogna spesso di ottenere dagli altri condòmini maggior attenzione verso il problema del surriscaldamento estivo e della difficoltà in inverno a mantenere temperature confortevoli nella sua unità. Quasi tutti i condomini italiani costruiti fino agli anni ’90 presentano un solaio verso il sottotetto molto disperdente e con il cambio della stagione l’ultimo appartamento in alto diventa un forno.

Ma il proprietario dell’ultimo piano che vorrebbe intervenire ed isolare anche a spese sue ha veramente le mani legate? E’ per forza costretto all’accidia? o può attivarsi, intervenire e progettare l’isolamento che vuole?

dipende, come tutte le cose, dipende: Continua a leggere

Regolazione delle temperature degli ambienti, il complicato ruolo del termostato

Leggi questo articolo grazie alle donazioni dei recenti “esperti” lettori Paolo Montagnini, Mauro Tassinari, Giovanni Faro, Guerra Stefano, Andrea Momesso, Gaddo Tarchiani. Partecipa anche Tu, sostieni l’informazione attraverso espertocasaclima.com!


La regolazione della temperatura interna dell’ ambiente serve a gestire la temperatura desiderata, ma i termostati hanno capacita’ diverse di funzionamento, andiamo a conoscerli:

Esistono 3 tipi di TERMOSTATO AMBIENTE ovvero REGOLATORE e/o DISPOSITIVO

  1. TERMOSTATO AMBIENTE PROPORZIONALE – P
  2. TERMOSTATO AMBIENTE PROPORZIONALE INTEGRALE – PI
  3. TERMOSTATO AMBIENTE PROPORZIONALE INTEGRALE DERIVATA – PID

Prima di chiarire quali sono i relativi funzionamenti è importante capire perché servono questi terostati e soprattutto quali sono i fattori che li influenzano. Continua a leggere

Risolvere il problema dell’umidità in cantina o nel seminterrato

Leggi questo articolo grazie alle donazioni dei recenti “esperti” lettori Paolo Montagnini, Mauro Tassinari, Giovanni Faro, Guerra Stefano, Andrea Momesso, Gaddo Tarchiani. Partecipa anche Tu, sostieni l’informazione attraverso espertocasaclima.com!


Nell’articolo Esiste una soluzione alla condensa di primavera o estiva? avevo già parlato del problema che affligge cantine, seminterrati e taverne, tutti ambienti con problemi di umidità in eccesso. E avevo spiegato perchè l’umidità è in eccesso! Nell’articolo Riscaldare un seminterrato, comfort e temperatura operante avevo descritto brevemente che la temperatura operante dipende dalla temperatura dell’aria interna, ovviamente, ma anche dalle temperature superficiali interne.

L’umidità e il basso comfort che si percepisce in questi locali è colpa nostra o colpa della casa?

E’ colpa nostra quando non facciamo ventilazione in modo corretto e di conseguenza peggioriamo la situazione – aggiungiamo altra umidità a quella esistente. Continua a leggere