Vai al contenuto

Le mie riflessioni dopo Tutto quello che devi sapere sulle POMPE DI CALORE per eliminare il gas

Domenica 4 settembre 2022, a circa -7 settimane dalle prove generali di lock-down energetico europeo,  mi sono sentito un po’ in colpa per essermi dedicato ad altro: ho risposto ad un cliente, ho finito un preventivo, sono sceso a sistemare un po’ il giardino e ho fatto (spero l’ultimo) trattamento anti-zanzara tigre fai da te (funzionante).

eliminare il gas

Pensavo: dovrei essere meno cicala e più formica, prevedendo “la fine del mondo senza gas russo” 😐

dovrei essere meno e più Pompa di Calore 😉

Tra 7 settimane, sulla metà di ottobre, tutto il Nord Italia vorrà accendere il riscaldamento negli edifici, come sempre. Ma non è più come sempre 😐

riscaldamento con PdC - Le mie riflessioni dopo Tutto quello che devi sapere sulle POMPE DI CALORE per eliminare il gas 1

l’eventuale passaggio da caldaia a Pompa di Calore

Allora per l’ennesima volta ho riguardato i mie consumi di gas metano degli ultimi 7 anni per rifare il punto della situazione. E nel mentre che pensavo pensavo e pensavo… ho ascoltato il favoloso Davide di Soluzioni Green nel video “Tutto quello che devi sapere sulle POMPE DI CALORE per eliminare il gas [CORSO COMPLETO]”.

E’ qui sotto potete vederlo in pace dopo. Dopo ho detto!

La mia caldaia a condensazione, che fa funzionare tutta la casa, è un amore-odio:

  • è amore perchè non si è mai rotta e mia ha chiesto solo di rabboccare la pressione un paio di volte l’anno da ormai ben 12 anni 🙂
  • è odio perchè per colpa sua ho un’utenza gas che non mi servirebbe e non vorrei avere più 😐 Cuciniamo a induzione e abbiamo un contatore con fornitura di 4,5kW.

Quindi mi sono fatto un’ennesimo bagno nel mare delle Pompe di Calore per l’eventuale passaggio da caldaia a a PdC:

  • chiudere l’utenza gas per sempre è una tentazione fortissima
  • far viaggiare tutta la casa in elettrico è una tentazione fortissima
  • affrontare i lavori e la spesa e la documentazione ecc ecc NON sono affatto una tentazione – ma se bisogna si fa 😉

Finito il video “Tutto quello che devi sapere sulle POMPE DI CALORE per eliminare il gas [CORSO COMPLETO]” ho lasciato un bel like (anzi l’avevo lasciato subito, in fiducia cieca) e ho ringraziato Davide:

riscaldamento con PdC - Le mie riflessioni dopo Tutto quello che devi sapere sulle POMPE DI CALORE per eliminare il gas 3

carta e matita, facciamo 2 conti l’ennesima volta, questi sono i numeri:

  • Siamo in Zona Climatica E (Padova)
  • abbiamo una superficie da riscaldare di 338mq su 3 piani
  • l’ultimo piano ha un radiante a pavimento (quasi sempre spento eccetto i bagni) mentre i 2 piani inferiori hanno radiatori e funzionano in bassa temperatura (dai 32 max 39°) con valvole termostatiche
  • le 4 persone abituali consumano per acqua calda sanitaria, ACS, prodotta istantaneamente nei 5 mesi estivi 75 mc di gas metano
  • il consumo medio annuale per riscaldamento & ACS è 1.200 mc di gas metano

se volessi eliminare il gas per quel che riguarda il riscaldamento:

Come detto prima, vorrei andare tutto elettrico, quindi penso ad una Pompa di Calore, e se penso ad una PdC installata in zona climatica E so che devo fare i conti con un C.O.P. (Coefficiente delle performance) pari a 4: che vuol dire che 1 kW di energia elettrica genera 4 kW di energia termica. Questa è la magia che mi affascina nella Pompa di Calore 🙂


Se vuoi dare un'occhiata a questo Annuncio, ma anche proseguire la lettura dell’articolo senza perdere il filo e dover ritornare attraverso il bottone indietro < del tuo browser, ricorda di cliccare sul link tenendo premuto Control (per Chrome e Firefox) oppure Command (per Safari)


riscaldamento con PdC - Le mie riflessioni dopo Tutto quello che devi sapere sulle POMPE DI CALORE per eliminare il gas 5

la Pompa di Calore aria-acqua

Stando in Città so anche che le temperature son più miti che in campagna e la mia nuova PdC non dovrà combattere contro le gelate 😉 Infatti la Pompa di Calore aria-acqua assorbe dall’aria esterna il calore che c’è per cederlo al fluido con cui riscaldo la casa.

una PdC monoblocco

Credo di desiderare una PdC monoblocco perchè avrei tutto integrato all’esterno (evaporatore, compressore e scambio termico tutto all’esterno) ma è un po’ prestino per entrare in questi dettagli.

la produzione di Acqua Calda Sanitaria

Un altro nodo che verrà al pettine presto o tardi è la produzione di Acqua Calda Sanitaria (io non la uso nemmeno per fare la doccia, ma devo fare i conti con la pace in famiglia 😐 ). Fino ad oggi la caldaia con 24kW può fare l’ACS istantanea 🙂 Da domani dovrò arrendermi ad un sistema di accumulo. E non mi piace l’idea di quell’acqua ferma che non vedo cosa succede lì dentro…

la potenza del contatore

Aumentare la potenza del contatore dagli attuali 4,5kW che ci bastano e avanzano per cucinare a induzione non lo sento come un problema, oggi basta inviare la richiesta dall’app del fornitore e via.

ho seguito il semplice ragionamento di Davide nel video e ho fatto due conti:

  • 1 mc di metano = 10 kWh di calore
  • quindi non consumerò più 1.200 mc di metano, ma 12.0000 kWh di calore
  • però ho un C.O.P.4 quindi 12.000 kWh / 4 = 3.000 kWh elettrici
  • se 1 mc di gas metano costa 1,40€ (d.P.)
  • se 1 kWh elettrico costa 0,40€ (d.P.)
  • da una spesa annuale per riscaldamento & ACS di 1.200 mc * 1,40€/mc = 1.680€ (prezzi d.P. 😐 nei 6 anni precedenti la media annua bolletta metano era 900-1000€)
  • si passerebbe con Pompa di calore ad una spesa annua per riscaldamento & ACS di 3.000 kWh * 0,40€/kWh = 1.200€

prospettiva di risparmio in bolletta

Con la Pompa di calore e i prezzi dell’energia d.P. andrei a risparmiare 480€ con i prezzi alle stelle attuali.

Non è un gran che 😐 ma ragioniamo ancora prima di arrenderci, mi son detto!

riscaldamento con PdC - Le mie riflessioni dopo Tutto quello che devi sapere sulle POMPE DI CALORE per eliminare il gas 7

da caldaia a condensazione a PdC, l’investimento

Non ho idea di quale sia la Pompa di Calore giusta per me, ma per sentito dire, so che con meno di 12.000€ non posso switchare (non commettere inutili anglicismi) da caldaia a condensazione a PdC.

allora ragioniamo su questi numeri:

  • risparmierò 480€ di gas ogni anno
  • ma devo spendere per la Pompa di Calore 12.000€

Con le detrazioni fiscali al 65% per sostituzione del vecchio generatore posso recuperare 7.800€ (780€/anno)

Con lo sconto in fattura potrei evitare di tirare fuori tutti i 12.000€, ma so anche che i prezzi si gonfierebbero, be’ non siamo pessimisti, forse me la caverei con 7.000€ ? Che dite?

Conti a spanne con Pompa di Calore per i prossimi 10 anni:

  1. ho risparmiato 4.800€ di gas
  2. ho speso 4.200€ per la PdC (avendo la disponibilità di pagare i 12.000€ e avviando la pratica del 65%)
  3. ho speso 7.000€ per la PdC (con lo sconto in fattura)

La proiezione a 10 anni dimostra che è perfettamente inutile, per me, avventurarmi nella sostituzione della caldaia con una PdC

Conti a spanne con Pompa di Calore per i prossimi 20 anni:

  1. ho risparmiato 9.600€ di gas
  2. ho speso 4.200€ per la PdC (avendo la disponibilità di pagare i 12.000€ e avviando la pratica del 65%)
  3. ho speso 7.000€ per la PdC (con lo sconto in fattura)

La proiezione a 20 anni dimostra che sarebbe invece da prendere in considerazione la sostituzione della caldaia con una PdC:

  1. optando per lo sconto in fattura oggi, nell’arco di vent’anni avrò risparmiato ben 2.600€

conclusione delle conclusioni:

La prospettiva di risparmiare 2.600€ nell’arco di 20anni non è impressionante 🙁 Sono soldi sì 🙂 ma aver ridotto la bolletta per riscaldamento di 260€ non sarà così gratificante. E se mettiamo in conto anche il lavoro che si nasconde dietro alla decisione di cambiare impianto:

  • la scelta
  • i tecnici
  • la documentazione
  • la burocrazia
  • il lavoro vero e proprio
  • l’interruzione del servizio
  • l’esborso economico
  • gli imprevisti
  • il mio tempo personale a seguire tutta la trafila

meglio lasciar perdere 😉


Se vuoi dare un'occhiata a questo Annuncio, ma anche proseguire la lettura dell’articolo senza perdere il filo e dover ritornare attraverso il bottone indietro < del tuo browser, ricorda di cliccare sul link tenendo premuto Control (per Chrome e Firefox) oppure Command (per Safari)


Ma cosa ci sta ad indicare questo veloce e superficiale ragionamento economico?

Qual’è il succo? …il succo è che se consumi poco, perchè hai isolato tanto, sarà ben difficile recuperare l’investimento da fare per passare alla Pompa di Calore.

E in questo momento storico, la prospettiva di un risparmio è anche “doppata” dai prezzi dell’energia alle stelle.

Se i prezzi fossero quelli di 1 anno fa, e se l’isolamento termico della casa fosse ancora più spinto, la sostituzione del generatore converrebbe ancora meno o per nulla!

E cosa potrebbe succedere di peggio? potrebbe piovere 😐 La caldaia potrebbe guastarsi e richiedere la sua sostituzione: be’ non sarebbe gravissimo, e’ pieno di offerte, non faticherei a trovarne una.

meglio isolare la casa che farcirla di impianti costosi

La storia è sempre questa, meglio isolare la casa che farcirla di impianti costosi. So che sto tirando l’acqua al mio mulino, ma è così che stanno le cose, e ce lo dicono i numeri.

riscaldamento con PdC - Le mie riflessioni dopo Tutto quello che devi sapere sulle POMPE DI CALORE per eliminare il gas 9

Nel mio caso, per scaldare la baracca devo ancora bruciare 1.200 mc di gas metano, è vero, ma è vero anche che ho lasciato i serramenti vecchi!

riscaldamento con PdC - Le mie riflessioni dopo Tutto quello che devi sapere sulle POMPE DI CALORE per eliminare il gas 11

Con serramenti ad alte prestazioni, con triplo vetro naturalmente, sono certo che la caldaia lavorerebbe molto molto meno e quei 1200 mc di metano si ridurrebbero fortemente.

Ora che ci penso,

forse mi piacerebbe di più spendere 12.000€ per delle finestre nuove che per una Pompa di Calore. Allora sì che i 220mm di fibra di legno sul tetto e i 180mm di EPS con grafite sulle pareti mostrerebbero le loro enormi potenzialità 😉

E voi? che conclusioni avete tirato?


"Poco più in basso puoi lasciare un commento" - non devi registrarti e il tuo indirizzo email non sarà mai pubblicato, approfittane!  e iscriviti al blog tramite email per ricevere la notifica di nuovi post: vai sulla colonna di destra e cerca ISCRIVITI al Blog


copywriter, content creator & web editor - Federico Sampaoli  



Ricorda che acquistando da QUI il prezzo per te non aumenterà, ma Amazon riconoscerà una piccola cifra a sostegno di espertocasaclima.com che può rimanere pulito da fastidiose pubblicità per una lettura tranquilla:



Vuoi cercare tra le RISPOSTE ai commenti di altri lettori? usa la finestra Google qui sotto, e prima della parola che cerchi, digita espertoCasaClima:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

29 commenti su “Le mie riflessioni dopo Tutto quello che devi sapere sulle POMPE DI CALORE per eliminare il gas”

  1. SALVE,

    POTREBBE DEDICARE UN PROSSIMO ARTICOLO ALLE CALDAIE ELETTRICHE?
    FACCIAMO UN CONFRONTO DI CONSUMI E PRESTAZIONI TRA LA CALDAIA ELETTRICA E LA POMPA DI CALORE?
    C’E’ UN MERCATO IN ITALIA DI CALDAIE ELETTRICHE? PERSONALMENTE MI SEMBRA DI RISPOLVERARE QUALCOSA DI VECCHIO E METTERLO A CONFRONTO CON LA MODA DEL MOMENTO.

    GRAZIE

  2. @ massimiliano

    grazie per il contributo.

    tanto involucro, tanto costa,
    ma sia per un tetto che per un cappotto, fermarsi a spessori ridotti non è comunque intelligente visto che le spese di realizzazione e lavorazione sono comunque le stesse.

    la VMC dovrebbe sempre essere installata, anche in caso di sola sostituzione serramenti. ahimè poche persone ne comprendono i pregi.

  3. Mi permetto di osservare che più la casa è isolata e più la pompa di calore deve avere una taglia piccola.. alla fine potrebbe costare molto meno dei 12.000€ stimati…
    Un macchina da 5Kw della Mitsubishi con sconto in fattura ti costa anche un decimo.
    Mi fermo se funziona o meno, non son certo termotecnico.
    Da notare + involucro è comunque un costo. Credo si debba bilanciare il tutto.
    A proposito di impianti, quello che mi spiace è che la VMC non la considera nessuno ed invece è la base

  4. SALVE

    COSA NE PENSA LEI DELLE CALDAIE ELETTRICHE IN ALTERNATIVA ALLA POMPA DI CALORE?

    GRAZIE

  5. @ fabio

    lei quest’anno può sempre provare a ridurre ancora di piu’ il consumo scendendo ai 19 gradi nei due bagni e ai 18 gradi nella taverna e nella camera riscaldata ma l’unica accortezza per non cadere dalla padella alla brace (dal risparmio alla muffa) è monitorare sempre la situazione termoigrometrica che senza andare in paroloni significa:
    monitorare il punto di rugiada in casa.
    ovviamente non posando il termoigrometro su un ripiano della libreria magari nel cuore della casa, ma nell’angolo più sfortunato di un ambiente notoriamente un po’ più freddo del resto della casa.
    leggendo quotidianamente il valore del punto di rugiada, lei può scendere di temperatura interna quanto vuole senza incorrere in condense superficiali che poi diventano muffe.
    purtroppo questi termoigrometri non sono proprio regalati, ma servono eccome.

    come piano ad induzione a 4 fuochi che ovviamente supera in totale i 4,5 kw, ma in realtà non può succedere mai se non per esperimento personale…
    posso solo consigliare quello di ikea che costa solo 399€ ed esiste anche a 2 fuochi, perchè è perfetto per la modulazione.

    non progettando impianti e non usando acqua calda 😉 , non sono la persona adatta al progetto per l’acqua calda sanitaria.

    circa la bella notizia “Anche io faccio le docce fredde, (la rigraziero’ sempre anche per questo insegnamento)… dobbiamo ringraziare solo il vecchio Messner 🙂

  6. Salve Federico, le spiego la mia situazione e il mio dubbio.
    Conosce gia’ un’po’ la situazione di casa mia.
    Casa di 200 mq. Provincia di Padova.
    La cucina ed il salotto li scaldo con la stube a legna ed ho eliminato i due ventil che non usavo piu’, mantengo 20 gradi.
    Le tre stanze del reparto notte non le riscaldo piu’, grazie alla stube e soprattutto al tetto super isolato che abbiamo fatto, (insufflaggio sotto tetto con 30 cm di fiocchi di cellulosa + 22 cm di fibra di legno sopra la copertura + tetto areato e relative menbrane), le stanze praticamente mantengono i 20 gradi circa, in pieno inverno da sole, senza fare altro.
    Il bagno della zona notte lo scaldavo tramite radiatore per mantenere i 21 gradi, valvola termo statica quasi completamente chiusa, 1,5 o 2 al massimo.
    La camera al piano di sopra, la scaldavo tramite radiatore per mantenere i 20 gradi, valvola termo statica a 2 o 2,5 circa.
    La taverna la scaldavo tramite riscaldamento a battiscopa per mantenere i 20 gradi, valvola termo statica quasi completamente chiusa, 1 o 1,5 al massimo.
    La lavanderia, unica parte della casa, ancora senza nessun tipo di isolamento, la scaldavo tramite radiatore per mantenere i 21 gradi, valvola termo statica completamente aperta, a 5.
    Quindi in totale tramite il riscaldamento, scaldo 2 bagni, una camera e la taverna, 4 stanze su tutta la casa, tramite caldaia a condensazione a metano, ho eliminato i termostati per scaldare in continuo 24 ore su 24, da quando decidero’ di accendere il riscaldamento in autunno, a quando decidero’ di spegnerlo in primavera. Cerco di modulare anche la temperatura di mandata della caldaia, tenendola sempre piu’ bassa possibile, usando come riferimento la lavanderia, che e’ la stanza piu’ difficile da scaldare, in piu’ la caldaia e’ dotata di sonda esterna per modulare ancora meglio la temperatura nel tempo. Non ricordo bene ma mi sembra che la caldaia difficilmente supera i 40 gradi come temperatura di mandata. Tutto questo pippone per spiegarle bene come scaldavo casa fino all’inverno scorso. Il mio obbiettivo era quello di garantire 20 gradi in zona giorno e 21 nei bagni.

    Cosa faccio quest’anno per salvarmi dalle situazioni che tutti bene conosciamo? Provo a ridurre ancora di piu’ il consumo di metano.

    Pensavo di tenere come obbiettivo di riscaldamento i 19 gradi nei due bagni e i 18 gradi nella taverna e nella camera riscaldata.
    La zona giorno resta a 20 gradi con la stube a legna, (consuma circa 11 kg di legna divisa in due volte, mattina e sera).
    Sto pensando di passare anche io al piano ad induzione, le pentole vanno gia’ bene, ho un potenza disponibile di 4,5 kw, devo solo capire quale modello faccia al caso mio. Ne ho trovato solo uno che si adatti al foro del mio piano in granito, mod. smeg, cod. SI1M4744D.
    Per la caldaia, invece di passare alla pompa di calore, che a mio avviso sembra molto costosa e impegnativa anche come installazione e spazio richiesto, mi chiedevo se potesse bastare un semplice scalda bagno elettrico? Visto che dall’esperienza che mi sono fatto a casa mia, non dovrei aver bisogno di scaldare tanta acqua a temperature alte.
    In fine preciso che siamo una famiglia di 4 persone, l’acqua calda sanitaria e’ gestita sempre dalla caldaia piu’ pannelli solari e accumulo di 300 litri.
    Anche io faccio le doccie fredde, (la rigraziero’ sempre anche per questo insegnamento), ma anche io devo scendere a compromessi per la “pace” con il resto della famiglia.

    Spero di essere stato piu’ chiaro possibile, grazie.

  7. @ davide

    siamo tutti nella stessa barca, ma non per tutti la spesa per le utenze è una grossa fetta della torta, quindi, come cantava De Gregori

    La prima classe costa mille lire
    La seconda cento, la terza dolore e spavento
    E puzza di sudore dal boccaporto
    E odore di mare morto

    Signor Capitano, mi stia a sentire
    Ho belle e pronte le mille lire
    In prima classe voglio viaggiare
    Su questo splendido mare

    Ma chi l’ha detto che in terza classe
    Che in terza classe si viaggia male?
    Questa cuccetta sembra un letto a due piazze
    Ci si sta meglio che in ospedale

    A noi “cafoni” ci hanno sempre chiamati
    Ma qui ci trattano da signori
    Che quando piove si può star dentro
    Ma col bel tempo veniamo fuori

  8. Articolo interessante, io ho messo pdc con super ecobonus 110, spero che la corrente non aumenta più di tanto, ma siam tutti sulla stessa barca…. ?

  9. @ giancarlo

    grazie ai lettori!
    trattamento anti-zanzara tigre:
    me ne vergogno un po’, ma eravamo arrivati al punto di dover vivere in terrazza 😐 e io amo pasticciare in giardino oltre che accudirlo e seguirlo.
    poi abbiamo anche 5 galline, che non possono andare dappertutto, ma anche stare con loro non ci era più possibile.
    siccome abbiamo 2 laghetti con pesci rossi, l’oasi è sfruttata anche da altri animali, famigliola di tortore stabili ormai, libellule…
    insomma, l’ultima cosa che volevo fare era un trattamento anti-zanzara tigre.

    nel vicolo, fuori dalla proprietà, ho usato Insetticida Larvicida Antizanzare in Compresse per tutti i tombini (anche quelli poco lontani)

    trattamento anti-zanzara tigre fai da te in breve:
    questa è l’artiglieria pesante:
    INSETTICIDA Anti ZANZARE CONCENTRATO con tecnologia BIA (solvente a basso impatto ambientale)

    e ovviamente mi sono dovuto comperare anche un Nebulizzatore A Pressione Per Giardino da 3 litri che secondo me sono più agevoli rispetto ai 5 litri

    Devo dire che continuerò a farlo, appena la situazione degenera, perchè altrimenti meglio andare dal notaio e vendere casa alle zanzare tigre.
    Il profumo del veleno è avvertibile con leggerezza e quel dolciastro che ricorda non so cosa ne è l’avvertimento. Indosso la mascherina a cui siamo abituati ormai, e sento che mi protegge. Comunque sto attento al controvento, anche per non nuocere ai pesci rossi e alle galline.

    Purtroppo il paese intero se ne sbatte dell’infestazione da zanzare tigre e ho notato che sono addirittura arrivate in Val d’Orcia… quindi abbiamo rovinato il paese per noi e per i turisti per sempre.
    Certo che ormai la stragrande maggioranza affronta l’estate in auto in casa e in ufficio con la climatizzazione accesa…
    Si salvi chi può 😐

  10. È sempre un piacere, e grazie mille per questi articoli sempre interessanti ed esaustivi. Sentir parlare di “un trattamento anti-zanzara tigre fai da te (funzionante)” è sconvolgente. Posso chiederle un piccolo cenno, o addirittura un suo articolo a riguardo?
    Il freddo quando arriverà si porterà almeno via le zanzare.

  11. @ andrea

    è vero, nella voce risparmio dovrei considerare anche i costi dei controlli annuali della caldaia che non ci sono per la PDC, ma (non posso fare nomi) ho scoperto una cosa negli anni:

    nel 2005 installai una nuova caldaia a condensazione
    e mi giurai di essere cittadino modello facendo bollino verde e analisi fumi anno per anno…
    ogni anno l’omino ci metteva le mani, e ogni anno tornava per una riparazioncina

    nel 2010 installai una nuova caldaia a condensazione per riscaldare i 2 piani inferiori con termosifoni
    e mi giurai di non permettere a nessun omino di toccarla

    nel 2015 in occasione del nuovo isolamento sulle pareti e sul tetto ho mantenuto solo la caldaia giovane per tutti 3 i piani,
    una scommessa. vinta 🙂
    e nessun omino ha il permesso di toccarla.
    mi occupo personalmente di rabboccare la pressione un paio di volte l’anno.

    sì, sono un po’ monello

  12. @ davide

    condivido, se un prodotto funziona, non sostituirlo.
    però c’è un però: ho un foglio excel dove analizzo il consumo giornaliero “tipico” o il consumo di un ciclo, se è una cosa come la lavastoviglie, per trasformare i Watt in €uro/anno:
    per molti apparecchi vecchiotti, si scopre che a tener duro (non sostituirlo) si spende quanto il capitale per acquisto del nuovo.

    presto uscirà il 1° di questi articoli (asap)

    circa l’induzione: attenzione, pochi la conoscono!
    noi siamo in 3 + 1
    noi 3 abbiamo un piano a induzione con 4 fuochi
    1 ha un piano a induzione da 2 fuochi

    tutti siamo allacciati con 4,5kW di potenza

    in realtà, quando si passa all’induzione si scopre la velocità, che è un aspetto, e la microregolazione per la cottura lenta.
    ad esempio se mi faccio la moka dico ad Alexa “timer 85 secondi” perchè è questo il tempo che ci mette l’induzione a farmi il caffè.
    dunque, concludendo, se rubo al mio FV 85 secondi di 1600Watt non cambia nulla.

    è che l’induzione non la si conosce ancora bene.
    le pentole ahimè devono essere quelle giuste 😐

  13. Ma non volevi comprare una pompa di calore usando il conto termico?
    Nella voce risparmio devi considerare anche i costi dei controlli annuali della caldaia che non ci sono per la PDC. Comunque il problema secondo me sono i 12000€ che chiedono per fare l’impianto, sono oggettivamente troppi. E per l’ambiente invece il metano costa ancora troppo poco

  14. Consumo annuo di metano circa 50 mc3. Ultima bolletta di 10mc3, 10€ di materia prima, 50€ tra canoni e varie, mercato tutelato. E se passassi al gpl per evitare costi fissi mensili ?

  15. @federico sì, fatto compromesso e registrato in luglio, adesso siamo in attesa di una piccola sanatoria su cui studio incaricato sta facendo accesso agli atti, poi ci sarà sopralluogo perito e quindi concessione mutuo acquisto + ristrutturazione (su cui spero che il computo sia valutato in maniera integrale e non abbattuto pesantemente)

  16. Grandissimo Fede come sempre!
    Ragionamento che non fa una grinza e condivido pienamente.
    Aggiungiamo un tassello: se un prodotto funziona, la soluzione migliore per non inquinare è non sostituirlo! E la caldaia, mi sembra che sia ancora in ottima forma.
    Allo stato attuale, personalmente, il passaggio alla PdC conviene solo in due case:
    – in abbinamento a tanto FV
    – Gratis… Con il 110%
    Per esempio, io ho fatto un ragionamento parallelo al tuo ma sul fornello del gas. Non ho messo l’induzione perché mi conviene spendere 10€ al mese di metano che portare via corrente dal FV alla PdC, soprattutto in inverno. E d’estate rivenderla. Anche perché il fornello funziona e le pentole attuali sono ancora intere, quindi non voglio spendere e incentivare inutile consumismo per sostituire prodotti funzionanti.
    Grazie per il bel post come sempre!
    Davide

  17. @ carlo

    in realtà, come non esiste l’isolamento giusto e corretto valido per qualsiasi casa, anche gli impianti vogliono il progetto sartoriale.
    ed entrambe le cose, involucro e impianti, dovrebbero conoscersi approfonditamente… ecco che la progettazione integrata non è un’idea stupida.
    come sempre, nulla è facile nella vita. per i più 😉

  18. @ nello

    vedi, ci danniamo a calcolare i risparmi, la resa, il tempo di rientro dell’investimento, il fornitore di energia e alla fine di questo infinito pellegrinaggio
    se ci guardiamo indietro,
    quando eravamo partiti,
    anche forti dell’entusiasmo,
    era meglio progettare una casa passiva.

  19. @ fabio

    grazie ai lettori come te!
    sì, un FV potrebbe alleggerire la bolletta della luce, ma un ulteriore impianto!
    e chi glielo va a dire a espertocasaclima che ho fatto + IMPIANTI e – INVOLUCRO ?

    certo il mc di gas metano è un delitto all’ambiente, lo so.
    però è una situazione esistente che quindi contiene anche l’energia grigia già spesa per “compiere il delitto”.

    se i 12000 Euro di finestre li spendessi in fotovoltaico non ne andrei fiero

    ma non so nemmeno io… i pensieri mi assediano senza tregua

  20. Premesso che sposo idea che tutti abbiano pompa di calore, fv, batterie, etc..perchè credo nelle comunità green e non nel singolo (finto) green, ricordo quando ho fatto lo stesso identico ragionamento ad un importante distributore italiano di una pompa di calore molto prestigiosa ed è rimasto praticamente allibito ed ha concluso con “son conti superficiali” e “cmq sarebbe un risparmio”…senza contare il fatto che in 20anni devi mettere ipotesi di sostituirla almeno una volta….anche se posso dire che un buon prodotto dura 20 anni e oltre.

  21. Buongiorno Federico, grazie per gli articoli: sempre molto stimolanti.
    Il tuo ragionamento lineare è molto chiaro ma a mio avviso non tiene conto di un aspetto fondamentale: i numeri cambierebbero notevolmente inserendo nel ragionamento un impianto fotovoltaico. Oltre al risparmio economico di gran lunga maggiore, ci sarebbe il risparmio ambientale. Il m3 di gas è un costo non modificabile (a parità di isolamento e abitudini): il KWh può essere azzerato o quasi con impianto fotovoltaico correttamente dimensionato.
    Se invece dei 12000 Euro di finestre, li spendessi in fotovoltaico?
    Saluti
    Fabio

  22. Ciao Federico,

    anch’io sto valutando che fare, per una casa da ristrutturare che sto comprando …per giunta in condominio con riscaldamento centralizzato. Per me la scelta di PdC sarebbe legata più ad un fattore di comfort estivo per usare raffrescamento radiante: rispetto a te
    1) potrei tenere ACS centralizzata (riducendo la cubatura della PdC)
    2) mi dovrei cmq tenere il 30% di consumi su base millesimale
    Anche lì cmq la strada è in salita, perché andando con monoblocco e evitando accumulo ACS, cmq:
    1) realizzare un minimo di centrale termica “sono soldi”
    2) servono spazi (per la PdC stavo considerando una Innova Stone per risparmiare spazio in balcone)
    3) anche la VMC o viene complicata e ridotta di efficienza o deve essere supportata da deumidificatore separato (altri spazi, impianti, soldi)
    Condivido che isolare, dove si può, sia un investimento più a lungo termine
    un saluto
    Marco


  23. Se vuoi dare un'occhiata a questo Annuncio, ma anche proseguire la lettura dell’articolo senza perdere il filo e dover ritornare attraverso il bottone indietro < del tuo browser, ricorda di cliccare sul link tenendo premuto Control (per Chrome e Firefox) oppure Command (per Safari)



%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: