Vai al contenuto

esperto casaclima facile part #11 la scelta del mini Fotovoltaico senza immissione in rete

Con le esplosioni degli importi della bolletta della luce mi sono detto… ORA! e non MAI Più.

Riassumo i punti fermi dello scorso articolo “part #10 mini Fotovoltaico per abbassare la bolletta della luce spendendo meno di 1.000€

  1. l’autoconsumo sul posto aumenta in maniera considerevole il risparmio economico
  2. va analizzato per bene solo il consumo diurno della fascia oraria F1
  3. a casa nostra ho calcolato una media di 3,5 kWh di consumo diurno: togliendo alcuni picchi momentanei, la realtà sarà certamente inferiore ai 320Wh nelle ore 8-19:00
  4. l’intento è pareggiare il consumo in Wattora di ogni apparecchio che resta acceso tutto il giorno senza immissione in rete 😉
  5. è giusto produrre energia pulita al 100% in casa e auto consumarla in casa fino all’ultimo Watt

Senza perdere altro tempo, cominciamo da zero:

L’argomento FV interessa moltissimi, quindi adesso faccio con voi i ragionamenti preliminari che ho fatto per me: anche per espertocasaclima inizia l’era del Fotovoltaico 🙂

la scelta del mini Fotovoltaico

Possiamo decidere

  • con la pancia,
  • oppure con un budget massimo che vogliamo investire nel mini Fotovoltaico,
  • oppure in base a dei limiti di spazio (pensate a chi ha solo un balcone),
  • ma possiamo scegliere di dedicare un po’ del nostro tempo libero per fare una simulazione esatta dell’energia che produce questo mini fotovoltaico

simulazione dell’energia prodotta da 1 modulo Fotovoltaico

Se facciamo una simulazione dell’energia che riesce a produrre 1 modulo da 345 Wp sarà facile poi moltiplicare tutti i risultati

mini fotovoltaico autoconsumo - esperto casaclima facile part #11 la scelta del mini Fotovoltaico senza immissione in rete 1

  • per 1 se dobbiamo limitarci ad 1 solo modulo FV perchè disponiamo di un solo balcone o perchè, pur avendo un giardino, riteniamo di avere moderatissimi consumi giornalieri (nessuno a casa durante il giorno)
  • per 2 se avete più spazio disponibile o siete molto presenti in casa durante il giorno e ritenete come scelta minima 2 moduli FV 345 Wp + 345 Wp
  • per 3 se lo spazio non è un problema, siete molto presenti in casa, e siete intenzionati ad ottenere più energia nei mesi invernali, notoriamente sempre troppo scarsi, quindi 3 moduli FV 345 Wp x 3

scoprire l’energia annuale e mensile prodotta in kWh con piena irradiazione

come avrete già sentito dire o letto da qualche parte, tutto dipende da

  1. irraggiamento locale (su questo non potete farci niente 😉 )
  2. inclinazione del modulo fotovoltaico (Slope angle [x°])
  3. orientamento del modulo fotovoltaico (Azimuth angle [+-x°])

Dunque:

  1. per l’irraggiamento locale non dovete fare ricerche, ve lo dirà il software che poi dovete aprire in una nuova pagina del vostro Browser (non adesso!)
  2. per l’inclinazione del modulo fotovoltaico (Slope angle [x°]) dovete voi stessi fare una misurazione sul posto con un vecchio goniometro di scuola oppure vi prendete un Misura angoli e lunghezze in Acciaio inox pieghevole per i vostri futuri lavoretti, o calcolate! non tralasciate questo punto perchè ogni simulazione non vale nulla senza questo dato 😉
  3. per indicare il corretto orientamento del modulo fotovoltaico (Azimuth angle [+-x°]) dovete aprire in una nuova pagina del vostro Browser il vostro indirizzo in Google Maps, e poi trascinare l’immagine qui sotto sulla mappa per aiutarvi a decifrare il reale orientamento (Azimuth angle [+-x°]) 😉  Se tralasciate questo punto la simulazione non vale nulla 😉

mini fotovoltaico autoconsumo - esperto casaclima facile part #11 la scelta del mini Fotovoltaico senza immissione in rete 3

Se non mi sono spiegato bene, ecco l’esempio di casa nostra qui sotto per calcolare l’Azimut sulla mappa:

  • quella barra nera (immaginatela come il monitor su piedistallo) dovete orientarla immaginariamente come quando sarà installata a casa e leggere immaginariamente la linea tratteggiata ortogonale quanti gradi restituisce 😉 gradi positivi se guarda verso Ovest o negativi se guarda a oriente
  • la mappa, se non l’avete maneggiata cercando la vostra casa, è già con il Nord in alto!

mini fotovoltaico autoconsumo - esperto casaclima facile part #11 la scelta del mini Fotovoltaico senza immissione in rete 5

qui sotto un ripassino scolastico per capire l’angolo di Azimuth:

mini fotovoltaico autoconsumo - esperto casaclima facile part #11 la scelta del mini Fotovoltaico senza immissione in rete 7


Se vuoi dare un'occhiata a questo Annuncio, ma anche proseguire la lettura dell’articolo senza perdere il filo e dover ritornare attraverso il bottone indietro < del tuo browser, ricorda di cliccare sul link tenendo premuto Control (per Chrome e Firefox) oppure Command (per Safari)



Se siete pronti e avete sia l’inclinazione che l’angolo di Azimuth possiamo finalmente andare a questa pagina per usare il software che dovete aprire in una nuova pagina del vostro Browser (adesso!), ecco cosa vi troverete davanti:

mini fotovoltaico autoconsumo - esperto casaclima facile part #11 la scelta del mini Fotovoltaico senza immissione in rete 9

ora seguite questa guida per i passi da fare:

  • con il mouse lavoratevi la mappa fino ad individuare la vostra casetta
  • modificate la potenza installata da 1 a 0,345 (la potenza di 1 modulo tipo da 345 Wp)

mini fotovoltaico autoconsumo - esperto casaclima facile part #11 la scelta del mini Fotovoltaico senza immissione in rete 11

  • inserite i vostri valori: sia l’inclinazione che l’angolo di Azimuth

mini fotovoltaico autoconsumo - esperto casaclima facile part #11 la scelta del mini Fotovoltaico senza immissione in rete 13

  • ora siete già pronti per visualizzare i risultati premendo “visualize results”

mini fotovoltaico autoconsumo - esperto casaclima facile part #11 la scelta del mini Fotovoltaico senza immissione in rete 15

  • a destra trovate anche il pulsante per creare un PDF dei vostri risultati: molto utile se volete fare simulazioni diverse di inclinazione ecc e fare dei confronti più tardi 😉

Ci siete riusciti? Forza! Nessuno ha mai detto che il cammino verso la libertà sarebbe stato facile 🙂 Se state per gettare la spugna… un consulente ce l’avete sotto il naso 😉


energia annuale e mensile prodotta in kWh

Tutti i risultati che leggerete saranno riferiti ad 1 solo modulo FV, quindi basterà moltiplicare 😉 mentre se state pensando ad un modulo FV con potenza superiore o inferiore correggete subito quel 0,345 Wp che vi ho suggerito. Magari avete adocchiato un modulo da 380Wp…

ecco la stima dell’energia annuale e mensile prodotta (in kWh) con i miei 2 moduli installati sulla pergola:

mi correggo, che installerò sulla pergola 😐

come anticipato, la pergola disegna un arco di profilo, dunque il modulo fotovoltaico più in alto sarà più piatto e presenta un’inclinazione di soli 22° (si può già notare una cosa: con meno inclinazione è ancora più scarso d’inverno, ma in giugno e in luglio con il sole bello alto produce di più):

mini fotovoltaico autoconsumo - esperto casaclima facile part #11 la scelta del mini Fotovoltaico senza immissione in rete 17

non tutti vanno in brodo di giuggiole 🙂 per un grafico, quindi ecco i dati mensili in kWh prodotti (E_m energia /mese):

mini fotovoltaico autoconsumo - esperto casaclima facile part #11 la scelta del mini Fotovoltaico senza immissione in rete 19

il modulo fotovoltaico più in basso  ha invece inclinazione di 37° (si può già notare una cosa: con maggiore inclinazione è più performante d’inverno):

mini fotovoltaico autoconsumo - esperto casaclima facile part #11 la scelta del mini Fotovoltaico senza immissione in rete 21


Se vuoi dare un'occhiata a questo Annuncio, ma anche proseguire la lettura dell’articolo senza perdere il filo e dover ritornare attraverso il bottone indietro < del tuo browser, ricorda di cliccare sul link tenendo premuto Control (per Chrome e Firefox) oppure Command (per Safari)


ed ecco i dati mensili in kWh prodotti (E_m energia /mese):

mini fotovoltaico autoconsumo - esperto casaclima facile part #11 la scelta del mini Fotovoltaico senza immissione in rete 23


la raccolta dei dati per mese, per giorno, per ora e ore ombra :

Naturalmente ho già riportato tutti i miei dati raccolti in un file excel che mi serve più che altro a peggiorare la situazione calcolando anche le ore ombra. Nel mio caso la pergola resta in ombra nelle prime ore di luce del mattino e questo andrebbe conteggiato per bene. Ma non per questo deciderei di rinunciarvi 🙂

qui sotto un estratto del foglio excel per il modulo FV con inclinazione 22°:

mini fotovoltaico autoconsumo - esperto casaclima facile part #11 la scelta del mini Fotovoltaico senza immissione in rete 25

e qui sotto un estratto del foglio excel per il modulo FV con inclinazione 37°:

mini fotovoltaico autoconsumo - esperto casaclima facile part #11 la scelta del mini Fotovoltaico senza immissione in rete 27

Parleremo di questi risultati, anzi di queste stime, nei commenti o nei prossimi articoli.


ecco i Vostri compiti per casa:

avete un’intera settimana prima dell’uscita del prossimo articolo, dovete calcolare:

  1. l’inclinazione che potreste dare al vostro modulo Fotovoltaico
  2. l’angolo di Azimuth
  3. andare a questa pagina per usare il software e calcolare quanta energia potete realmente produrre con il vostro futuro mini Fotovolatico

intanto io sto già buttando giù l’articolo per lunedì prima di Pasqua 😉 dove parleremo del mio pensiero e i miei principi del Fotovoltaico:

  • limiti e benefici del Fotovoltaico
  • dimensionamento di un impianto Fotovoltaico
  • investimento senza indebitamento

A titolo di esempio, parleremo di componenti e prezzi per

  • kit 1 modulo Fotovoltaico
  • kit 2 moduli Fotovoltaico
  • kit 3 moduli Fotovoltaico

mini fotovoltaico autoconsumo - esperto casaclima facile part #11 la scelta del mini Fotovoltaico senza immissione in rete 29

Parleremo di energia NON autoconsumata, in eccedenza, e cosa fare? Quindi indagheremo le strategie dell’accumulo per NON sprecare nemmeno un Watt.

E preparerò anche il pippone settimanale:


Se vuoi dare un'occhiata a questo Annuncio, ma anche proseguire la lettura dell’articolo senza perdere il filo e dover ritornare attraverso il bottone indietro < del tuo browser, ricorda di cliccare sul link tenendo premuto Control (per Chrome e Firefox) oppure Command (per Safari)


il fotovoltaico Plug & Play, quello che basta inserire la spina nella presa, è realmente il fotovoltaico semplice? proverò a dare delle risposte sintetiche a queste domande molto pertinenti:

  • non richiede alcun lavoro?
  • non finirà che l’energia prodotta dal FV va da qualche altra parte?
  • può essere tranquillamente collegato alla linea elettrica?
  • non serve nessuna presa particolare?
  • può funzionare con il “fai da te”?
  • sarà a norma di legge?
  • possiamo installarlo anche in condominio?
  • devo sostituire il contatore?
  • diventiamo un produttore di energia e dobbiamo fare comunicazioni al gestore?
  • la cessione del credito al 50%

Dovete sapere che chi vuole iniziare a produrre energia da fonti rinnovabili DEVE compilare moduli e produrre documentazione per presentare la richiesta 🙁 Roba da far passare la voglia al più ecologista degli italiani! Ovviamente parleremo di questo in lungo e in largo 😉 e troveremo LA SOLUZIONE 🙂 🙂 🙂



Mentre tutti noi ci informiamo e leggiamo per agire alla svelta, l’Unione Europea conta di mettere in campo diversi provvedimenti, riuniti nell’Energy Compact. Ecco cosa si legge al punto 3:

  • Verranno introdotte condizioni favorevoli per l’installazione di pannelli solari sui tetti delle abitazioni.

Pensiamo di poter stare sul divano mentre i grandi governanti correranno a salvarci con le condizioni favorevoli? Abbiamo tanta fiducia? Fidiamoci del nostro naso, ascoltiamo il nostro buon senso, agiamo in sicurezza, aiutiamoci che Dio ci aiuta 😉 e lasciamo ai grandi della terra, quelli che si spostano in grandi e grosse auto scure con i vetri scuri e pensieri spesso oscuri, partorire i topolini

mini fotovoltaico autoconsumo - esperto casaclima facile part #11 la scelta del mini Fotovoltaico senza immissione in rete 31

Il solare e l’eolico hanno prodotto insieme per la prima volta oltre il 10% dell’elettricità mondiale nel 2021 🙂 l’eolico e il solare devono sostenere alti tassi di crescita fino al 2030, diamo il nostro contributo! senza rimanere intontiti dal gas 😉


"Poco più in basso puoi lasciare un commento" - non devi registrarti e il tuo indirizzo email non sarà mai pubblicato, approfittane!  e iscriviti al blog tramite email per ricevere la notifica di nuovi post: vai sulla colonna di destra e cerca ISCRIVITI al Blog


copywriter, content creator & web editor - Federico Sampaoli  



Ricorda che acquistando da QUI il prezzo per te non aumenterà, ma Amazon riconoscerà una piccola cifra a sostegno di espertocasaclima.com che può rimanere pulito da fastidiose pubblicità per una lettura tranquilla:



Vuoi cercare tra le RISPOSTE ai commenti di altri lettori? usa la finestra Google qui sotto, e prima della parola che cerchi, digita espertoCasaClima:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

4 commenti su “esperto casaclima facile part #11 la scelta del mini Fotovoltaico senza immissione in rete”

  1. Da un pannello plug n play, mi passa a tre? Modifiche in vista al suo progetto ?

  2. @ angy

    accumuliamo, accumuliamo… hai ragione, non facciamo come la cicala, ma come la formica 😉
    ma in che modo?
    come accumulare è il dilemma. io a riempire una batteria nel sottoscala non ci credo |:
    più per i limiti della batteria e del suo costo che per il principio!

    il principio è più che corretto: come raccolgo l’acqua piovana, così dovrei raccogliere i Watt non utilizzati.
    ma ho altre idee, e lunedì ne parleremo nel nuovo articolo!

    aggiungere un pannello per le stagioni dove il Fotovoltaico è scarso è una mia “grande tentazione”! grande! anche perchè il ritorno è più veloce rispetto all’impianto intero…
    eppure non vorrei diventare un produttore di energia in surplus 🙂

  3. Certo che è stata una vittoria raggiungere il 10% dell’ energia mondiale green.
    Lasciamo pure che i grandi della terra facciano la lotta per l’ ultimo goccio di metano, petrolio e carbone.
    Giusta la tua riflessione nel sfruttare tutto quello che ci è gratis.
    Voglio solo aggiungere al tuo articolo fatto in maniera dottorale due piccole note.
    La prima che come consuetudine oggi purtroppo si lavora in 2 e spesso la.corrente si usa nei momenti di non autoproduzione.
    Ci sono dei metodi molto spartano per l’ accumulo per poter auto consumarsi l’ energia così non si produce solamente nel momento del mio fabbisogno ma per tutta la durata delle ore di sole. Accumuliamo, accumuliamo, accumuliamo come delle formichine
    Diamo maggiore efficienza al nostro impianto.
    L’ altro punto visto è che in inverno e primavera l’irraggiamento è scarso si potrebbe aggiungere un pannello se il posto lo permette da poterlo usare in queste stagioni.
    Dando una mano in più al pianeta.
    Bravo Federico sei sempre il migliore e puntiglioso.


  4. Se vuoi dare un'occhiata a questo Annuncio, ma anche proseguire la lettura dell’articolo senza perdere il filo e dover ritornare attraverso il bottone indietro < del tuo browser, ricorda di cliccare sul link tenendo premuto Control (per Chrome e Firefox) oppure Command (per Safari)



%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: