Farsi la rubinetteria nuova con l’ecobonus al 65%

Se partirà l’Ecobonus col 65% per rubinetti, soffioni doccia e scarico WC saranno coperte le spese sostenute durante il 2020, 2021 e 2022 fino a 3.000€.

acqua calda sanitaria & solare termico - Farsi la rubinetteria nuova con l'ecobonus al 65% 1

L’intento è spingere gli italiani ad acquistare solo rubinetterie con erogazione sotto i 6 litri/minuto, 9 litri/minuto per le docce, cassette di scarico WC con capienza media < 4 litri.

acqua calda sanitaria & solare termico - Farsi la rubinetteria nuova con l'ecobonus al 65% 3

L’emendamento alla Legge di bilancio 2020 è stato presentato dal Pd.

Che dire? dove non arriva il buon senso, arriva l’Ecobonus.

Andrà tutto bene?


per qualsiasi domanda, più in basso trovi la finestra “Lascia un commento” – non devi registrarti e il tuo indirizzo email non sarà mai pubblicato, approfittane! Ah, un’ultima cosa: sei dovuto andare su Google per capire questo articolo? Cerchiamo sempre di scrivere per farci ben capire, ma se alcuni termini richiedono un chiarimento, Ti prghiamo di scrivere nella finestra LA PAROLA che richiederebbe una definizione migliore o un link diretto per poterla capire. Scrivici e non farti spazientire


autore – Federico Sampaoli  acqua calda sanitaria & solare termico - Farsi la rubinetteria nuova con l'ecobonus al 65% 5


acqua calda sanitaria & solare termico - Farsi la rubinetteria nuova con l'ecobonus al 65% 7

acqua calda sanitaria & solare termico - Farsi la rubinetteria nuova con l'ecobonus al 65% 9

NB: Acquistando da QUI il prezzo non aumenterà, ma Amazon riconoscerà una piccola cifra a sostegno del sito che può rimanere pulito dai pubblicità per una lettura tranquilla.

 

 

7 commenti su “Farsi la rubinetteria nuova con l’ecobonus al 65%”

  1. Ho una Cila aperta per lavori straordinari, che sto pagando con bonifico parlante legge 449/97 (bonus ristrutturazioni) mentre l’acquisto della cucina l’ho fatto con bonifico Legge 090/2013 (bonus mobili). Il rubinetto pensavo di detrarlo in virtù del vostro articolo “https://espertocasaclima.com/2019/12/16/rubinetteria-nuova-ecobonus-65/comment-page-1/#comment-84042” pagandolo con bonifico legge 296(ecobonus).

    Sbaglio in qualcosa?
    Grazie

  2. @ Gennaro
    Se vuole accedere alla detrazione fiscale bonus mobili
    è indispensabile, realizzare una ristrutturazione edilizia (e usufruire della relativa detrazione), sia su singole unità immobiliari residenziali .

    GLI INTERVENTI EDILIZI NECESSARI PER AVERE LA DETRAZIONE:

    • manutenzione straordinaria, restauro e risanamento conservativo, ristrutturazione
    edilizia su singoli appartamenti. I lavori di manutenzione ordinaria su singoli
    appartamenti (per esempio, tinteggiatura di pareti e soffitti, sostituzione di pavimenti,
    sostituzione di infissi esterni, rifacimento di intonaci interni) non danno diritto al bonus

    • ricostruzione o ripristino di un immobile danneggiato da eventi calamitosi, se è stato
    dichiarato lo stato di emergenza

    • restauro, risanamento conservativo e ristrutturazione edilizia, riguardanti interi
    fabbricati, eseguiti da imprese di costruzione o ristrutturazione immobiliare e da
    cooperative edilizie che entro 18 mesi dal termine dei lavori vendono o assegnano
    l’immobile

    • manutenzione ordinaria, manutenzione straordinaria, restauro e risanamento
    conservativo, ristrutturazione edilizia su parti comuni di edifici residenziali.

    Dal 1° gennaio 2018 vanno comunicati all’Enea gli acquisti di alcuni elettrodomestici per i quali si può usufruire del bonus (forni, frigoriferi, lavastoviglie, piani cottura elettrici, lavasciuga, lavatrici).

    Tutte le informazioni sull’invio della comunicazione sono disponibili sul sito dell’Enea, alla pagina http://www.acs.enea.it/ristrutturazioni-edilizie/. La mancata o tardiva trasmissione non implica, tuttavia, la perdita del diritto alle detrazioni (risoluzione n. 46/E del 18 aprile 2019).

    Il rubinetto del lavello NON è possibile gestirlo con ecobonus (ci mancherebbe non facendo parte di una riduzione dei consumi energetici)

  3. Buongiorno. Sto facendo a casa lavori di ristrutturazione straordinaria.
    Vorrei acquistare la cucina con Bonus elettrodomestici. Essendo dotata di :
    -forno
    -frigo
    -lavastoviglie
    -lavatrice
    -cappa
    tutti elettrodomestici di classe A+ (tranne la cappa di classe A) volevo sapere, per godere della detrazione, quali documenti inviare all’Enea (penso l’asseverazione non sia necessaria) e se anche la cappa può essere detratta e se bisogna avere due fatture separate per cucina ed elettrodomestici.
    Inoltre il rubinetto del lavello vorrei acquistarlo con ecobonus, devo inviare qualcosa anche per quest’ultimo all’Enea?
    Grazie
    Gennaro

  4. Salve. sono di nuovo io … Sto ristrutturando casa e devo dire che è davvero difficile destreggiarsi tra la marea di leggi e tipologie di detrazioni: eco bonus(?)bonus casa(?)bonus ristrutturazioni(?) mah. Vi espongo la mia problematica. Ho rifatto l’impianto termico per cui nuovi termosifoni e termovalvole fatti installare dalla ditta che segue tutti i lavori. Devo installare la nuova caldaia a condensazione e due condizionatori di classe A+++ che fungano da condizionatori d’estate e integrino il riscaldamento in inverno. La caldaia ho pensato di farla installare da chi le vende e fornisce la cessione del credito con sconto in fattura (ecobonus 65%?) mentre i condizionatori vorrei acquistarli e farli installare dalla Ditta che segue tutti i lavori. Potrei cosi usufruire sempre dell’eco bonus al 50% (o 65?) per l’acquisto? Quali sono i documenti da presentare all’Enea? Inoltre vorrei detrarre con ecobonus anche la spesa sulle termovalvole e termostato della Netatmo come dispositivi intelligenti e quindi eco bonus domotica?
    Avrei altre mille cobnsiderazioni e domande ma per ora mi fermo qui … grazie anticipatamente della pazienza e delle risposte

  5. @ Lucrezia

    Qualunque sia la detrazione della quale il contribuente intende beneficiare, l’errata indicazione della causale non andrà a comprometterne l’applicazione, a patto però che sia tutto in regola con gli altri requisiti previsti
    per leggere tutto sull’argomento leggi questo post.

  6. Buongiorno. Sto ristrutturando il mio appartamento. Ho comprato la rubinetteria e pagato con bonifico parlante facendo riferimento alla legge 16-bis del Dpr 917/1986 e con bonifico previsto dalla banca ‘per ristrutturazioni edilizie’ che danno il 50% di detrazione. Documentandomi ho visto che esiste il bonus rubinetti (facente parte dell’ecobonus?) che dà diritto alla detrazione al 65%. Posso usufruirne avendo però sbagliato la tipologia di bonifico parlante?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.