consulenza per efficienza energetica

isolamento interno - Isolamento interno sotto i 3cm, i 4 pannelli più sottili presenti in commercio 1

Isolamento interno sotto i 3cm, i 4 pannelli più sottili presenti in commercio

12 risposte

Lasciando perdere un isolamento interno come impone il BONUS CASA che vuole rispettata la Trasmittanza termica U per accedere alle detrazioni fiscali del 50% progettiamo un isolamento interno per non perdere troppo spazio in casa 😉 (Se ben ricordate, nell’articolo “Isolamento interno e la 1a decisione importante” (qui il link diretto: https://wp.me/p9uw8S-ayi) ne avevamo  già parlato)

Vuoi guardare l’articolo? vai al VIDEO

unknown.jpg

isolamento interno con poco spessore

Visto che moltissimi lettori

  1. sono interessati a fare uno strato di isolamento termico sottile proprio per salvare lo spazio
  2. non vogliono portarsi veleni in casa
  3. odiano o hanno appena tolto il cartongesso isolante perchè dietro si era formata la muffa

andiamo a vedere insieme se un isolamento interno con poco spessore porta veramente un enorme beneficio o è tempo perso.

isolamento interno - Isolamento interno sotto i 3cm, i 4 pannelli più sottili presenti in commercio 2

Parleremo di:

  1. fibra di legno intonacabile da 2cm
  2. calce canapa da 2,5cm
  3. idrati di silicato di calcio da 3cm
  4. e calcio silicato da 2cm

la zona climatica E

Per dare qualche numero ho preso come riferimento la zona climatica E che interessa la maggioranza delle famiglie e per rendere più realistico anche un Calcolo Semplificato del Risparmio Energetico ante e post, ho scelto i Gradi Giorno di Milano che più o meno sono il tipico esempio di zona E.

un Calcolo Semplificato del Risparmio Energetico ante e post

E’ un Calcolo Semplificato, quindi ci aiuta fondamentalmente a fare un confronto tra materiali diversi e non è la sfera di cristallo per scoprire l’importo della prossima bolletta 😉

Semplicemente ci mostra l’ Energia primaria risparmiata (Qpr espressa in kWh/anno + Risparmio economico espresso in €/anno secondo i seguenti criteri :

1. Gradi Giorno e Zona Climatica della Provincia di riferimento
2. Potere calorifico inferiore combustibile = 8,79 (kWh/Nmc)
3. Costo unitario combustibile = 0,90 €/mc
4. Superficie di riferimento verso l’esterno = 100 mq
5. Trasmittanza ante & post operam in W/mqK
6. Rendimento globale medio stagionale ?g = 0,85

isolamento interno - Isolamento interno sotto i 3cm, i 4 pannelli più sottili presenti in commercio 3

Direi che comunque una cifra espressa in €uro e riferita a 100mq di superficie, aiuta molto a toccare con mano un concetto di risparmio energetico così astratto per tutti noi.

Qui, nel caso dell’isolamento interno interno con max 3cm di spessore gli €uro sono una cifra ridicola che non cambia le sorti di un bilancio economico familiare, ma quando in un altra occasione andremo a vedere cosa succede se isolo il sottotetto con 20cm di isolante… allora le cifre di risparmio energetico iniziano ad essere appetitose 😉

isolamento interno - Isolamento interno sotto i 3cm, i 4 pannelli più sottili presenti in commercio 4

chi prende la strada di un isolamento interno sottile

Ovviamente, chi prende la strada di un isolamento interno sottile di solito non è la persona che vuole dare un taglio alla bolletta per riscaldamento, sì c’è ovviamente anche un risparmio…, ma il committente di solito è stufo 🙁 anzi infastidito 😐 dalle superfici fredde, dalle condense che succedono in alcune zone e dalla presenza di muffa.

Avere una superficie interna con qualche grado in più è veramente un sollievo: un enorme beneficio! è comfort 🙂

isolamento interno - Isolamento interno sotto i 3cm, i 4 pannelli più sottili presenti in commercio 5

ad esempio una muratura in mattoni e sassi

isolamento interno - Isolamento interno sotto i 3cm, i 4 pannelli più sottili presenti in commercio 6

Prendiamo a titolo di esempio una muratura in mattoni e sassi con il suo intonaco interno ed esterno:

  • se anche riscaldiamo l’ambiente a 20°, la parete esterna in mattoni e sassi avrà un superficie interna con temperature appena sopra i 15°C e questo è insopportabile 🙁
  • quindi, un isolamento interno con max 3cm di spessore, capace di alzare la temperatura superficiale interna di 2-3°C, significa un  enorme beneficio e molto più comfort di prima 🙂

 

eccola qua la parete disperdente:

isolamento interno - Isolamento interno sotto i 3cm, i 4 pannelli più sottili presenti in commercio 7

ed ecco qui sotto la sua scarsa prestazione invernale:

ha un’inerzia eccezionale, peccato che non la si possa sfruttare perchè d’estate tende a surriscaldarsi (se fosse un po’ più spessa molto meno) e d’inverno disperde allegramente: basta guardare la Trasmittanza U che è elevatissima 🙁

isolamento interno - Isolamento interno sotto i 3cm, i 4 pannelli più sottili presenti in commercio 8

i 4 pannelli più sottili presenti in commercio

Andiamo a testare i 4 pannelli più sottili presenti in commercio e vediamo se è vera la favola che racconto sempre:

  • con pochi cm di isolamento interno riusciamo già a dimezzare le dispersioni termiche di una parete (all’incirca)

1° TEST: fibra di legno intonacabile da 2cm di spessore

isolamento interno - Isolamento interno sotto i 3cm, i 4 pannelli più sottili presenti in commercio 9

con soli 20 mm di fibra di legno abbiamo esattamente dimezzato le dispersioni invernali, guadagnato un’oretta e mezzo di sfasamento termico: grazie all’argilla come collante e come rasante abbiamo una superficie salubre, igroscopica e raggiungiamo una piacevole temperatura interna di ben 17,7°C

isolamento interno - Isolamento interno sotto i 3cm, i 4 pannelli più sottili presenti in commercio 10

2° TEST: calce canapa da 2,5cm di spessore

isolamento interno - Isolamento interno sotto i 3cm, i 4 pannelli più sottili presenti in commercio 11

con soli 25 mm di calce canapa in pannello abbiamo abbassato le dispersioni invernali, guadagnato oltre un’ora e mezzo di sfasamento termico: grazie alla calce come collante e come rasante abbiamo una superficie salubre, igroscopica e alziamo la temperatura interna di 2°C. Anche l’inerzia è rimasta abbastanza alta (il pannello ha una densità di 375kg/mc 😉 )

isolamento interno - Isolamento interno sotto i 3cm, i 4 pannelli più sottili presenti in commercio 12

3° TEST: idrati di silicato di calcio da 3cm di spessore

isolamento interno - Isolamento interno sotto i 3cm, i 4 pannelli più sottili presenti in commercio 13

il pannello Multipor più sottile attualmente è quello compact da 30 mm di spessore e abbassiamo le dispersioni invernali oltre la metà, guadagnamo un’ora e mezzo di sfasamento termico: il collante e rasante specifico è una malta leggera che garantisce una buona igroscopicità e alza la temperatura interna fino ai 18°C. L’inerzia è ovviamente rimasta molto scarsa 😉

isolamento interno - Isolamento interno sotto i 3cm, i 4 pannelli più sottili presenti in commercio 14

4° TEST: calcio silicato da 2cm di spessore

isolamento interno - Isolamento interno sotto i 3cm, i 4 pannelli più sottili presenti in commercio 15

con soli 2o mm di calcio silicato abbiamo abbassato le dispersioni invernali più o meno come con il pannello in calce canapa, guadagnato oltre un’ora di sfasamento termico: grazie alla calce come collante e come rasante abbiamo una superficie salubre, con pH elevato e sgradito alla muffa, incredibilmente  igroscopica e alziamo la temperatura interna sempre di 2°C. Anche l’inerzia è rimasta abbastanza alta (il pannello ha una densità di 168kg/mc 😉 )

isolamento interno - Isolamento interno sotto i 3cm, i 4 pannelli più sottili presenti in commercio 16

che dire?

Isolare è sempre una buona idea 🙂

ovviamente la superficie fredda che andiamo ad isolare non ha risolto tutti i nostri guai:

  • dovremo anche progettare il contorno finestra e anche se non sostituiamo i serramenti nello stesso momento
  • poi dobbiamo attenuare il ponte termico del soffitto, e quello dei divisori interni che sono in contatto diretto con la muratura fredda
  • e magari convincerci che una VMC aiuterebbe la nostra vita in casa come pochi altri aggeggi: un’aria interna migliore non è un dettaglio da nulla 😉

federico sampaoli espertocasaclima

copywriter, content creator & web editor – Federico Sampaoli  consulente tecnico per l’isolamento termico dell’involucro edilizio

Qui sotto puoi lasciare un commento” – non devi registrarti e il tuo indirizzo email non sarà mai pubblicato, approfittane!  riceverai presto una risposta!

acquistando da QUI il prezzo per te non aumenterà, ma Amazon riconoscerà una piccola cifra a sostegno di espertocasaclima.com che intende rimanere libero da insopportabili Pop-up

oppure sostieni l’informazione libera e imparziale di espertocasaclima con un un Buono Regalo Amazon digitale (via e-mail o SMS)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

12 risposte a “Isolamento interno sotto i 3cm, i 4 pannelli più sottili presenti in commercio”

  1. @ dario

    la fibra di legno può trovarla qui https://www.steacom.it/bioedilizia/331-pannello-isolante-in-fibra-di-legno-naturatherm.html
    la calcecanapa viene dalla puglia, quindi per una casa intera vale la pena la spedizione

  2. Ho visto e letto il suo intervento sui materiali per cappotto interno.
    sarei interessato alla fibra di legno intonacabile da 2cm oppure alla canapa calce da 2,5 cm

  3. @ dario

    è la verità. i magazzini edili spesso tengono solo il peggio dell’offerta… per comodità economica penso.
    cosa stava cercando?

  4. Buongiorno e grazie per le informazioni.
    Abito a Torino e nonostante sia una grande città spesso però risulta difficile trovare in commercio i prodotti che lei descrive.
    Spesso i magazzini edili vendono ciò che dispongono, Cartongesso fibra di vetro ecc.
    Voi avete dei riferimenti?
    Sarebbero delle informazioni molto utili
    GRAZIE

  5. @ francesco

    riempire l’intercapedine vuota è sempre una buona idea, le palline di polistirene non sono le mie preferite, meglio la perlite.
    il Multipor è perfetto per l’isolamento interno e va incollato sui vecchi intonaci dopo aver picchettato tutte le superfici per migliorarne l’aggrappo

  6. Avatar Francesco
    Francesco

    Buonasera e complimenti per la qualita’ degli interventi ed il buon senso che cercate sempre di condividere con chi ascolta. Vi scrivo dal Lussemburgo dove mi accingo a rinnovare una villetta del 1984. Rivestimento esterno in cortina di mattoni ed intercapedine riempita di polistirene in granuli.
    Come alternativa al rifacimento del cappotto dall’esterno, sto valutando intervento dall’interno sui muri perimetrali e ponti termici. Secondo vostra esperienza, un pannello come il multipor puó essere applicato anche sulla parete finita, senza togliere intonaco per tornare al mattone? Per quel che riguarda l’umiditá, nella ristrutturazione é prevista una vmc doppio flusso.
    Grazie
    Francesco

  7. @ stefano

    un primo problema potrebbe essere il rischio di infiltrazione futura 🙁
    perchè all’interno possiamo inventare diverse soluzioni, compresa quella di rimuovere lo strato di lana di roccia o di vetro di circa 30 anni fa (proteggersi dalla testa ai piedi dalle pericolose fibre)

  8. La copertura è in laterocemento senza guaina esterna.
    Grazie

  9. @ Ugo

    è raro che un magazzino edile tenga pannelli in calcio silicato quindi per non perdere tempo io farei online (https://www.steacom.it/soluzioni-per-la-muffa/588-pannello-naturale-antimuffa-muffaway-klimaplatte-plus-spessore-40-mm-cm-61×100.html)
    attenzione se il tetto della mansarda è in legno!

  10. Avatar Avogadro ugo
    Avogadro ugo

    salve Federico, le scrivo da Solferino (mn) seguo con molto interesse i suoi video. Avrei intenzione di effettuare un cappotto interno alla casa nel locale mansarda. Dove posso acquistare i pannelli in silicato di calcio che consiglia? Grazie per l’attenzione. Avogadro ugo

  11. @ stefano

    delicato questo intervento. però non ha scritto se la copertura è in legno o in laterocemento e se esternamente c’è anche una guaina o solo tegole.
    in ogni caso, lasciata così quella mansarda sarà non solo disperdente, anche molto surriscaldata in estate

  12. Avatar Stefano

    Salve, quale dei materiali sarebbe adatto anche come isolante per il soffitto inclinato di una mansarda? Attualmente c’è uno strato di lana di roccia o di vetro di circa 30 anni fa, ricoperto da cartongesso. Se ne applicassi uno, c’è il rischio o la certezza che cada il controsoffitto? Cosa si può fare in alternativa? Ho intenzione di isolare dall’interno questo locale mansardato, ma lasciare il soffitto disperdente mi disturba.
    Grazie