Vai al contenuto

Come recuperare i vecchi scuri con lo spessore del cappotto

L’utilità del sistema a cappotto è innegabile: senza un sistema di isolamento termico è inutile sperare di avere comfort tutto l’anno, sia in inverno che d’estate, senza bollette energetiche sempre più elevate.

Ma quali sono le difficoltà nella progettazione di un cappotto esterno in una riqualificazione energetica? Sicuramente sono legate alla forma più o meno favorevole dell’edificio. Una costruzione di forma semplice di solito non presenta molti ostacoli, tranne uno veramente frequente:

  • lo scuro del foro finestra.

E’ certamente fastidioso trovarsi davanti all’idea di sostituire tutti gli scuri per colpa dello spessore del cappotto! E non solo economicamente perché rappresenta una spesa imprevista.

Allora che fare? Io di solito ragiono con l’applicatore per il recupero al 100% dei vecchi scuri e mi invento una soluzione ad hoc in base allo stato di fatto e allo stato di progetto della facciata.

Ecco alcuni schizzi che ho preparato!

  • situazione ideale: il foro finestra libero che permette la posa del cappotto in facciata con il risvolto nell’imbotte fino ad andare in battuta al serramento esistente o nuovo che sia

recuperare i vecchi scuri con lo spessore del cappotto-10

la soglia della porta finestra resta ponte termico non risolto se non si decide la demolizione o il taglio, ma a volte la quota non permette miglioramenti

recuperare i vecchi scuri con lo spessore del cappotto-05

situazione normale: sono stati tolti gli scuri esistenti per il recupero successivo, si è rivestita la spalletta con il pannello isolante isensibile all’umidità e all’acqua

recuperare i vecchi scuri con lo spessore del cappotto-09

recuperare i vecchi scuri con lo spessore del cappotto-08

la luce del foro finestra è diminuita per colpa dello spessore dell’isolante! per recuperare gli scuri abbiamo bisogno però della stessa dimensione del foro originario…

ci vuole un montante in legno fissato alla parete proprio a filo vecchio foro finestra per tornare ad avere la larghezza originale adatta agli scuri da recuperare.


Se vuoi dare un'occhiata a questo Annuncio, ma anche proseguire la lettura dell’articolo senza perdere il filo e dover ritornare attraverso il bottone indietro < del tuo browser, ricorda di cliccare sul link tenendo premuto Control (per Chrome e Firefox) oppure Command (per Safari)


il cappotto in facciata presenterà una risega

recuperare i vecchi scuri con lo spessore del cappotto-01

recuperare i vecchi scuri con lo spessore del cappotto-02

recuperare i vecchi scuri con lo spessore del cappotto-03 recuperare i vecchi scuri con lo spessore del cappotto-04

per lasciare invariata l’altezza dello scuro da recuperare, bisogna eseguire la stessa risega anche in alto

recuperare i vecchi scuri con lo spessore del cappotto-06 recuperare i vecchi scuri con lo spessore del cappotto-07


 


"Lascia un commento" - non devi registrarti e il tuo indirizzo email non sarà mai pubblicato, approfittane!  E un'ultima cosa: sei dovuto andare su Google per capire questo articolo? Se alcuni termini richiedono un chiarimento, scrivi nella finestra LA PAROLA che richiederebbe una definizione migliore o un link diretto per poterla capire.


autore - Federico Sampaoli  


NB: Acquistando da QUI il prezzo non aumenterà, ma Amazon riconoscerà una piccola cifra a sostegno del sito che può rimanere pulito da fastidiose pubblicità per una lettura tranquilla.




Vuoi cercare altre info nel web? usa la finestra Google qui sotto per sostenere il blog espertoCasaClima:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

21 commenti su “Come recuperare i vecchi scuri con lo spessore del cappotto”

  1. @ ivo

    se le sembra possibile riutilizzare i vecchi scuri nelle loro dimensioni originali bisogna per prima cosa fare un dettaglio esecutivo del foro finestra compreso il nuovo spessore del cappotto immaginando di ricreare nell’isolante la sede dove si chiuderanno gli antoni.
    poi, in base alla soluzione si deve scegliere la ferramenta necessaria all’installazione

  2. mi interessa spostare all’esterno gli oscuri esistenti x recuperare lo spessore dei 16 cm del cappotto, come fare e che ferramenta usare grazie

  3. @ luca fissore

    i pannelli in idrati di silicato di calcio sono perfetti per essere sagomati facilmente.
    pur avendo una certa densità non sarebbero adatti all’ancoraggio diretto quindi si devono utilizzare i sistemi di fissaggio a taglio termico per pareti con cappotto:
    a seconda del tipo di muratura sottostante questi fissaggi possono essere usati fino allo spessore massimo cappotto 185mm/205mm

    così è risolto anche l’attacco delle persiane 😉

  4. Si mi sembra l’idea più veloce e naturale (senza….polimeri) per montare vecchie ante su una muratura dotata di nuovo cappotto. Però nel mio caso avrò un cappotto on lastre tipo Ytong da 15 – 20 cm . Cosa mi proporrebbe?
    grazie cordiali saluti

  5. Buongiorno,
    Su una finestra mi trovo costretto ha dare cosi come in foto con un correntino di legno.
    La persiana sara fissata sul correntino in legno o avrà il tassello lungo che va ad ancorarsi al muro e il corrente di legno serve per dare stabilità?
    Grazie

  6. @ francesca

    non so quale sia il sistema e il produttore di questo cappotto in Aerogel, ma per quel che mi è capitato finora si tratta di un pannello isolante ultrasottile a base di Aerogel (10-40mm massimo) con collante + armatura + rivestimento murale…
    il raddoppio del pannello non so se abbia un certificato del produttore quindi approfondirei l’argomento molto di più.

    sì, le spallette delle finestre, se c’è lo spazio, possono essere isolate internamente e l’isolante va anche risvoltato sulla parete interna a mo’ di quadro.

  7. Ha ragione, in realtà lo spessore totale del cappotto è di 16 cm, essendo composto da pannelli in aerogel e intonaco termoisolante, due pannelli accoppiati da 6 cm più due strati di intonaco termoisolante, uno per regolarizzare la muratura esterna che è in pietra a faccia vista ed uno a protezione dei pannelli. È stata fatta questa scelta per contenere gli spessori essendo un immobile vincolato in zona climatica E. Che ne pensa? Gli infissi sono collocati a 3/4 della parete da 60 cm verso l’esterno. Quindi, se ho ben capito, sarebbe possibile isolare le spallette delle finestre dall’interno, giusto? In questo modo si salverebbero le ornie in pietra. Grazie

  8. @ francesca
    non credo verrà installato un cappotto in aerogel da 160mm
    probabilmente era inteso l’aerogel (che permette bassi spessori) per l’attenuazione del ponte termico del foro finestra.
    se sul contorno finestra è impossibile intervenire con isolamento si deve prevedere una “cornice” di isolamento interno della finestra (che io non so se sia a filo interno o in mezzeria.

  9. Salve, invece degli scuri io ho una situazione in cui sono presenti delle bellissime ornie in pietra che vorrei riposizionare dopo aver istallato il cappotto esterno dello spessore di 16 cm con pannello di aerogel di silice. È possibile ridurre lo spessore dell’isolante nelle spallette senza creare un ponte termico? Esiste qualche altra soluzione? Grazie

  10. Buongiorno redazione di “espertocasaclima.com”

    chiedo se ci sono nuove soluzioni rispetto a quelle riportate nell’ articolo di Federico Sampaoli, per il recupero degli scuri esistenti quando si provvede ad installare il cappotto termico (aumentando quindi lo spessore dei muri esterni) e quale e’ il tipo di capotto (dal punto di vista dei materiali di composizione e altre caratteristiche tecniche) che garantisce un maggior isolamento termico .

    Ringrazio anticipatamente ed attendo un Vs cortese riscontro .

  11. se non ricordo male, il monoblocco in legno permette agli scuri un’apertura in aderenza alle spallette dell’imbotte finestra.
    parlando di prestazioni, un pannello isolante che riveste l’imbotte e va in battuta al telaio fisso del serramento è certamente più performante di un ulteriore telaio in legno.
    credo però che sia intelligente cercare un buon compromesso se lo scopo è allungare la vita dei serramenti esistenti trovando una soluzione alla posa del cappotto.

  12. Salve, le spiego il mio caso. Serramento in legno a filo interno, telaio del serramento in monoblocco unico in legno che supporta zanzariera e scuri. Spessore parete 38 cm, di cui mezza gia’ impegnata con il monoblocco. Decido di fare il cappotto in fibra di legno spessore 18/20 cm. A livello prestazionale e’ meglio rivestire il resto dell’ imbotte con legno massiccio sp. 45 mm, che mi permette anche di spostare all’esterno gli scuri oppure lasciare libero l’imbotte e farlo rivestire dall’applicatore con fibra di legno di pari spessore? Grazie

  13. l’imbotte in legno del foro serramento esistente è una peculiarità della sua casa, proseguire con questa tecnica può funzionare, ma il dettaglio della linea d’incontro tra isolamento e legno imbotte è molto importante. l’adesione è impossibile, quindi suggerirei
    o una linea di nastro autoespandente BG1
    o un profilo per cappotto d’intradosso autoadesivo con guarnizione e rete (come se il cappotto andasse in battuta al serramento)

  14. Zanetti Giovanni

    Buongiorno, un mio cliente vuole eseguire il cappotto sul proprio fabbricato. Purtroppo hanno i serramenti esterni con tutta la spalletta rivestita da un imbotte di legno, lui propone di prolungare l’imbotte di legno verso l’esterno in modo tale da creare la battuta del cappotto in facciata. Sostiene inoltre che l’isolamento della spalletta verrà in questo modo garantito dallo spessore in legno dell’imbotte (6 cm)….a me pare un lavoro non fatto a regola d’arte….voi che ne pensate?

  15. La cornice in legno viene utilizzata quando esiste il monoblocco in legno e non è possibile isolare l’imbotte della finestre. Almeno questa è una soluzione che pensavo per casa mia…..

  16. Alcuni so che murano dei blocchetti di legno come supporto per gli scuri ma con l andar del tempo il cappotto sovrastante segna…..
    Forse può essere una buona idea la cornice in legno a vista…. Ma costi e manutenzione?

  17. Avrei un osservazione; Ma posare il cappotto sopra il montante in legno non potrebbe creare movimenti strani con la parete?
    Per mia esperienza mi è capitato piu volte la stessa situazione (a volte con monoblocchi esistenti in legno) e io ho optato per aggiungere una cornice a vista in legno su cui fissare le persiane (il legno comunque isola), anche perchè coi monoblocchi in legno non è neppure possibile isolare la spalletta.


  18. Se vuoi dare un'occhiata a questo Annuncio, ma anche proseguire la lettura dell’articolo senza perdere il filo e dover ritornare attraverso il bottone indietro < del tuo browser, ricorda di cliccare sul link tenendo premuto Control (per Chrome e Firefox) oppure Command (per Safari)




%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: