Non sono contro il pellet

Coibentare le pareti, coibentare il tetto e sostituire le finestre sono senz’altro 3 mosse importanti per contenere il fabbisogno per riscaldamento, ma tra le difficoltà delle opere e la difficoltà di disporre del capitale per la loro realizzazione spesso ci si siede con il termotecnico a ragionare sugli impianti.

I prezzi del gasolio per riscaldamento, del metano o del gpl sono così cresciuti che la voglia di trovare qualche alternativa è tanta: una stufa a pellet può essere la liberazione dalle vecchie schiavitù?

Gli sgravi fiscali indicherebbero di sì, e i sacchi di pellet ormai li troviamo anche quando facciamo la spesa al supermercato, o possiamo non scomodarci e fare l’ordine su eBay.

professional-pellet-canada

Ma l’Italia sta imboccando la strada giusta oppure ha un’altra volta dimenticato di preparare una strategia energetica per i suoi cittadini? Tutto questo pellet che stiamo bruciando da dove viene?

pellet canadese

L’Italia è il primo importatore mondiale di biomassa da ardere. Gran parte del pellet importato arriva da Usa e Canada: loro esportano 400 milioni di dollari e noi? E noi prepariamo sgravi fiscali per incentivare l’installazione delle stufe a pellet per far esplodere le esportazioni di paesi più ricchi di noi?

Continuiamo a farci del male

Volevamo diminuire la dipendenza dai combustibili fossili e dare un taglio alle emissioni di CO2, e ci troviamo ad aver messo un’altra volta in difficoltà la bilancia dei pagamenti del nostro Stato. Sappiamo quel che facciamo?

trasporto pellet

Se l’invidia verso i numeri delle esportazioni di pellet di altri paesi ci lasciano indifferenti, possiamo almeno indignarci per la generazione di traffico intercontinentale di tonnellate di pellet, e poi via gomma fino alla porta di casa.

pellet su gomma

Non sono contro il pellet, volevo ragionarci con voi.


            


Se vuoi dare un'occhiata a questo Annuncio, ma anche proseguire la lettura dell’articolo senza perdere il filo e dover ritornare attraverso il bottone indietro < del tuo browser, ricorda di cliccare sul link tenendo premuto Control (per Chrome e Firefox) oppure Command (per Safari)


lettura senza banner pubblicitari grazie alla generosità dei lettori – dona anche Tu!

riscaldamento a legna - Non sono contro il pellet 1+ involucro - impianti copyright

federico_sampaoli_espertocasaclimacom  ipha_member   articolo ideato, scritto e diretto da Federico Sampaoli, impegnato a favore delle persone, del comfort e dell’open information, titolare e caporedattore di espertocasaclima.com – blog di formazione e comunicazione online dal 2009.

Se vuoi conoscere il mio profilo LinkedIn

Entra anche Tu nella lista dei sostenitori del Blog espertoCasaClima :

Visita il profilo di federico su Pinterest.


"Lascia un commento" - non devi registrarti e il tuo indirizzo email non sarà mai pubblicato, approfittane!  E un'ultima cosa: sei dovuto andare su Google per capire questo articolo? Se alcuni termini richiedono un chiarimento, scrivi nella finestra LA PAROLA che richiederebbe una definizione migliore o un link diretto per poterla capire.


autore - Federico Sampaoli  


NB: Acquistando da QUI il prezzo non aumenterà, ma Amazon riconoscerà una piccola cifra a sostegno del sito che può rimanere pulito da fastidiose pubblicità per una lettura tranquilla.




Vuoi cercare altre info nel web? usa la finestra Google qui sotto per sostenere il blog espertoCasaClima:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

3 commenti su “Non sono contro il pellet”

  1. prima di decidere la potenza della stufa a pellet io ripenserei all’installazione di una stufa a pellet con canalizzazione perchè costringerà nei prossimi anni a sopportarne il rumore e il laborioso quotidiano pulire e caricare.
    e l’acqua calda?

  2. Salve complimenti per il blog lo seguo sempre. Vorrei avere dei consigli da lei, mi trovo in una casa DI 100 MQ senza impianto di riscaldamento in zona climatica d, casa non coibentata con muri perimetrali di 50 cm e tetto piano non isolato e di ben 3 m e 20 con infissi alluminio Taglio termico e doppi vetri basso emissivi. Visto il freddo passato in questi anni sto prendendo in considerazione di installare una stufa a pellet nel corridoio con canalizzazione di ben 3 camere ( cucina, camera, camera) ne restano fuori solo 2. Facendo il calcolo se non erro mi servirebbe una stufa per 320 mc ovvero 14 -15 kw ( moltiplicando per coefficiente termico di 0,6 esce una 19 kw ) Ma riuscirà a riscaldare in parte la casa quella da 15 o opto direttamente per una da 18 kw? GRAZIE PER LE RISPOSTE

  3. Vero,infatti anche noi visti i costi eccessivi del riscaldamento stavamo valutando o la coibentazione del tetto dall interno (per motivi economici)oppure l’inst
    di una caldaia
    a pellet in sostituzione della attuale a gas


  4. Se vuoi dare un'occhiata a questo Annuncio, ma anche proseguire la lettura dell’articolo senza perdere il filo e dover ritornare attraverso il bottone indietro < del tuo browser, ricorda di cliccare sul link tenendo premuto Control (per Chrome e Firefox) oppure Command (per Safari)


Tag: