Archivio mensile:febbraio 2017

La Plug-in Hybrid che consuma come casa mia

Dieci anni fa parlavano tutti di cappotto? di isolamento termico? di efficienza energetica? di risanamento energetico?   Nessuno! Quasi nessuno.
E’ cambiato il mondo – anche in Italia, di coibentazione si parla con destrezza (e qualche incompetenza)! Gli italiani vogliono una casa efficiente, con bollette contenute e comfort interno: non vogliono un forno d’estate e non vogliono una ghiacciaia d’inverno. Il mondo è cambiato!

Ma se non ci arrendiamo più a bollette per riscaldamento da oltre 1.000€ l’anno – e vogliamo / pretendiamo efficienza – come sopportare la nostra vecchia auto che divora carburante come (o poco meno) quelle dei gloriosi anni ’80?

In casa vogliamo vivere come marziani, riscaldati dal sole, ventilati attraverso il recuperatore di energia, in un involucro ideale – poi – apriamo il garage, usciamo in macchina e per fare 15mila km l’anno siamo disposti a spendere oltre 1.500€ (7litri/100km) di carburante e avvelenare i passanti.

Non si tratta di una rigida, profonda e irrazionale dicotomia? Ma cosa succede dentro di noi?

Eh sì, è ancora presto per l’auto elettrica.

plug-in-hybrid-consumi-casa-mia-01

E non possiamo tutti girare in Tesla 100D, 613km di autonomia, batteria da 100kWh, 2,7 secondi da 0-100km/h 160.800€.

plug-in-hybrid-consumi-casa-mia-03

Però un’auto ibrida con 50 km di autonomia in modalità EV, e una velocità massima di 135 km/h non ci andrebbe bene?

plug-in-hybrid-consumi-casa-mia-05

Un consumo dichiarato di 1 litro per 100 chilometri non si sposerebbe benissimo con la nostra casa finalmente efficiente e parca nei consumi?

15mila km all’anno = 230€ (1litri/100km)

Immaginate la vostra nuova auto con una pompa di calore con iniezione di gas che permette di rinfrescare e riscaldare l’abitacolo (anche con temperature esterne di -10°C) quando viaggia in modalità EV (senza che il motore a benzina venga avviato).

plug-in-hybrid-consumi-casa-mia-02

Aggiungeteci un nuovo sistema di ricarica solare sul tetto con batteria dedicata, che può migliorare l’autonomia elettrica fino a 5 km/ giorno – basta con la noiosa ricerca di un parcheggio all’ombra!

Il mondo sta finalmente cambiando, in tante cose anche in peggio.. proviamo a fare la nostra parte!

Diciamo al nostro concessionario di auto preferito che vogliamo anche noi un’auto da 1 litro per 100km!

O un auto così, o di auto nuova non se ne parla!

Che se le tengano in salone tutte quelle bestie assetate! Noi quelle cose là non le vogliamo più. 

plug-in-hybrid-consumi-casa-mia-04

Però mi domando, quel poco di corrente che serve a caricare il nuovo pacco batterie agli ioni di litio da 8,8 kWh ricaricabili per via di un nuovo sistema di ricarica solare sul tetto con batteria dedicata, può anche venire solo dal sole? o per forza l’auto preleverà 8 kW dal mio contatore?

In questo caso, i 50km in elettrico costeranno circa 3,20€ di energia elettrica di casa! E non sono proprio poca cosa se confrontati con un’auto Hybrid NON Plug-in.

       

lettura senza banner pubblicitari grazie alla generosità dei lettori – dona anche Tu!

+ involucro - impianti copyright

federico_sampaoli_espertocasaclimacom  ipha_member   articolo ideato, scritto e diretto da Federico Sampaoli, impegnato a favore delle persone, del comfort e dell’open information, titolare e caporedattore di espertocasaclima.com – blog di formazione e comunicazione online dal 2009.

Se vuoi conoscere il mio profilo LinkedIn

Entra anche Tu nella lista dei sostenitori del Blog espertoCasaClima :

Visita il profilo di federico su Pinterest.

Pavimento galleggiante con attenzione all’acustica

E’ certamente indispensabile una fascia perimetrale antivibrante (minimo 6mm) ma si deve ricercare una completa desolarizzazione del pavimento calpestabile dalle pareti. A tal proposito non dimentichiamo che in un intervento di isolamento termico sul lato interno è conveniente desolarizzare il nuovo massetto dalla parete fredda verso ambiente non riscaldato o esterno con qualche centimetro di isolante insensibile all’umidità – evitando di accontentarsi dei pochi millimetri garantiti dalla fascia adesiva perimetrale.

Orizzontalmente sarà il materassino fonoisolante sul solaio a garantire la separazione del massetto dalla soletta: e questo si potrà definire galleggiante.

Quando è previsto un impianto radiante a pavimento si deve proseguire con l’attenzione di prevedere un collettore con innesto svincolato dalla parete, quindi i collettori dovranno risultare isolati dalle pareti retrostanti. E’ anche importante ricoprire i tubi di riscaldamento con guaine e collegare i tubi di risalita a parete con collari rivestiti in gomma.

Baublog Hausnummer 17 Verlegen Der Fubodenheizung Kosten Fussbodenheizung Luxus Kosten Fussbodenheizung Fotos

Durante le finiture interne i battiscopa in ceramica o pietra non dovranno toccare il pavimento. E un coprigiunto metallico nasconderà il taglio acustico in prossimità delle porte tra ambiente e ambiente.

La lotta contro le trasmissioni dei rumori deve continuare nelle mani dell’impiantista idraulico che non deve sottovalutare scarichi e condutture evitando il più possibile soluzioni con curve a 90°.

Insomma, ogni dettaglio è importante: se lo analizziamo lo risolviamo.

       

lettura senza banner pubblicitari grazie alla generosità dei lettori – dona anche Tu!

+ involucro - impianti copyright

federico_sampaoli_espertocasaclimacom  ipha_member   articolo ideato, scritto e diretto da Federico Sampaoli, impegnato a favore delle persone, del comfort e dell’open information, titolare e caporedattore di espertocasaclima.com – blog di formazione e comunicazione online dal 2009.

Se vuoi conoscere il mio profilo LinkedIn

Entra anche Tu nella lista dei sostenitori del Blog espertoCasaClima :

Visita il profilo di federico su Pinterest.

L’ ultima auto a benzina, la mia prima Hybrid

Uno studio norvegese dice che per soddisfare gli obiettivi climatici l‘ultima vettura a benzina dovrà essere venduta entro il 2035, e questo per mettere il mondo sulla buona strada, limitare il riscaldamento globale a raggiungere l’obiettivo più rigoroso impostato dai leader mondiali nel 2015.

auto-benzina-prima-hybrid-toyota-ch-r-18-2wd-03

Il carburante da trasporto emette circa il 14% delle emissioni di gas serra mondiali.

Se vogliamo rispettare il vertice di Parigi e l’ obiettivo di limitare l’aumento delle temperature a 2 gradi Celsius l’ultima auto diesel o benzina dovrà essere venduta entro il 2035 per vedere circolare gli ultimi veicoli a combustibili fossili nel 2050.

auto-benzina-prima-hybrid-toyota-ch-r-18-2wd-01

E’ troppo grande questo cambiamento in tutta l’industria automobilistica? 

Toyota ha una “sfida a zero emissioni di anidride carbonica” per i nuovi veicoli in base al quale si propone di ridurre le emissioni dei suoi veicoli del 90% entro il 2050 (dai livelli del 2010).

auto-benzina-prima-hybrid-toyota-ch-r-18-2wd 7

Altrimenti come abbassare il termostato globale entro la fine del secolo? Il 2016 è il più caldo mai registrato, con temperature intorno ai 1°C (1.8F) sopra ai tempi pre-industriali.

Siamo al 5% come quota di veicoli elettrici nell’Unione europea. Che fare?

Mi sono reso conto che la rete di ricarica elettrica è troppo scarsa al momento, poi, il tempo di una ricarica veloce è comunque troppo lungo. Volevo fare da pioniere, ma si può fare i pionieri nella vita di tutti i giorni? Forse da single sì!

Forse, per molti di noi, è tempo di passare all’ hybrid, anzi che all’elettrico!

Devo ammettere che fino ad oggi non ho mai pensato all’ibrido – mai! Sogno di viaggiare in elettrico e acquisto un’auto ibrida? Che senso ha? Il motore a combustibili fossili non lo voglio più vedere, non lo voglio più sentire, non lo sopporto più. Per me il suo tempo è passato, è out. Ed ora che la penso così dovrei guidare un auto con il motore vecchio aiutato e assistito dal motore elettrico?

Mai e poi mai!

Bestemmiare e poi sedersi in chiesa? Che senso ha? Se vuoi bestemmiare vai al bar, se vuoi ringraziare vai in chiesa.

Un’ auto con il motore vecchio aiutato e assistito dal motore elettrico? Mai e poi mai!

Poi ho prenotato un test drive alla Toyota:

Mi attendeva nel piazzale una CH-R 1.8 Hybrid 2WD che non avevo mai visto dal vero.

auto-benzina-prima-hybrid-toyota-ch-r-18-2wd-02

Vista davanti – mozzafiato. Il responsabile ci ha lasciati attendere fuori (la famiglia mi aveva seguito) mentre faceva manovra per girare l’auto verso il cancello d’uscita. E’ stato quello il momento più emozionante della prova, siamo rimasti a bocca aperta vedendo questo grosso mostriciattolo di 4 metri e oltre girare su se stesso in assoluto silenzio: un’astronave di un pianeta più avanzato del nostro? No – un’auto ibrida!

Saliamo, allaccio la cintura, nascondo il piede sinistro sotto il sedile e premo start. Non succede nulla, ma poi ci muoviamo. E poi ci muoviamo di più e poi di più e poi di più e poi il responsabile mi avverte che anche il motore termico sta lavorando.

auto-benzina-prima-hybrid-toyota-ch-r-18-2wd-05

Era proprio l’idea di passare dal volo elettrico al volo con combustibile che aveva da sempre instillato nella mia fantasia un momento di discomfort, di delusione, di – ah che schifo lo sapevo che non era piacevole – prima il silenzioso rotolare dei pneumatici e poi il solito rombo del motore a scoppio..

Questa Toyota CH-R 1.8 Hybrid 2WD ci stava portando a spasso per le strade di campagna in un relax incredibile, con una docilità indescrivibile. Il cambio cinetico si è comportato come un infinito elastico, assolutamente non fastidioso e non paragonabile ad uno scooter – l’auto sembrava correre sul sapone, e teneva la strada!

Tra l’emozione della prima ibrida sotto il sedere e la guida attenta non ho avuto il tempo di fissare tutte le informazioni del cruscotto e le varie spie avveniristiche: ho potuto solo auscultare il motore (che pareva sempre elettrico) e sentire attraverso il sedile, in lontananza, le irregolarità dell’asfalto. I suoi ruotoni (pneumatici 225/50 R18) regalavano sensazioni di mooooolta sicurezza.

auto-benzina-prima-hybrid-toyota-ch-r-18-2wd-06

Le mie idee sull’auto ibrida, solide di anni, si sbriciolavano come biscotti. Questa Toyota CH-R 1.8 Hybrid regala la netta sensazione di guidare un auto elettrica…, aiutata da un motore a benzina.

Aiutata, in tutti i sensi: non solo per pigiare allegramente sull’acceleratore e ricevere una bella spinta! anche per non rimanere a piedi. Potrei decidere di saltare in macchina e guidare fino a S.Vito Lo Capo da Padova, cosa che la futura mini Tesla Model 3 non mi permetterà mai e poi mai.

Il sogno di guidare un’auto elettrica, semplice di componentistica, con pochi pezzi, e puliti, deve rimanere ancora un sogno. Se Hybrid significa anche libertà e indipendenza dalle rare stazioni di ricarica veloce, posso digerire questa pillola.

Le cose cambieranno in fretta. Quando iniziai la mia attività di consulenza 8anni fa, di isolamento termico in edilizia quasi non si parlava, un cappotto da 4cm sembrava per case passive – oggi invece… Così forse anche per l’auto elettrica! Sta a noi: acquistiamole, e ci verranno offerte anche le colonnine!

Siamo noi il cambiamento! Who else?

Alea iacta est!

conoscete la locuzione latina che significa “il dado è tratto”? Questa frase si cita quando si prende una decisione dalla quale non si può più recedere.

Ahimè, la mia prossima auto non sarà una Tesla, ma sarà certamente un’ Hybrid!

Ma quale?

La Toyota CH-R 1.8 Hybrid 2WD ha un muso fantastico, è alta quanto basta per stare al sicuro, un posto guida senza critiche,

auto-benzina-prima-hybrid-toyota-ch-r-18-2wd-07

 ma l’aspetto così joung, aggresivo e japp, specialmente nel retro

auto-benzina-prima-hybrid-toyota-ch-r-18-2wd-04

(dinamismo sì, non voglio discuterne! hanno fatto bene a disegnarla così, è bella, è nuova, è oltre, avanti così!) non credo vada bene con me, un ragazzino di mezza età. Un mese me la strapazzerei volentieri, ma non so se la vorrei tenere per anni.

Guardiamoci intorno, Toyota ha sulle spalle un bel po’ di esperienza sull’ibrido e sull’auto in genere, ma ci sono altri giocatori globali. Penso alla Hyundai Ioniq per esempio.

Andremo a provarla.       E voi? che auto guidate?

       

lettura senza banner pubblicitari grazie alla generosità dei lettori – dona anche Tu!

+ involucro - impianti copyright

federico_sampaoli_espertocasaclimacom  ipha_member   articolo ideato, scritto e diretto da Federico Sampaoli, impegnato a favore delle persone, del comfort e dell’open information, titolare e caporedattore di espertocasaclima.com – blog di formazione e comunicazione online dal 2009.

Se vuoi conoscere il mio profilo LinkedIn

Entra anche Tu nella lista dei sostenitori del Blog espertoCasaClima :

Visita il profilo di federico su Pinterest.