Fibra di legno o fibra di canapa, è questo il dilemma

Sei una persona attenta alla qualità dei materiali da costruzione? Preferisci usare materiali naturali, che fanno il bene del tuo pianeta e quindi il bene della nostra salute, dell’ambiente e delle prossime generazioni? Sei in dubbio tra la fibra di legno e la fibra di canapa? Sono entrambi ottimi materiali, usiamoli!

nozioni materiali naturali - Fibra di legno o fibra di canapa, è questo il dilemma 1

fibra di legno

I pannelli in fibra di legno flessibili sono materiali isolanti biologici di legno tenero. Venivano prodotti in Germania già dagli anni ’30 (uno dei più antichi materiali isolanti naturali).

La fibra di legno (scarto di lavorazioni legnose) lega la CO2 (bene per l’ambiente e dunque per noi) e offre un’eccellente protezione dal calore, dal rumore e dal freddo (ben per noi).

In Germania è abbastanza diffusa, ho letto che il 28% dei materiali isolanti flessibili sono in fibra di legno, ma resta una piccola nicchia se comparato all’intero mercato dei materiali isolanti (solo l’1%). E in Italia? Anche peggio. I committenti attenti sono pochi, le richieste sono poche e anche i vantaggi a NON usarlo sono pochi!

nozioni materiali naturali - Fibra di legno o fibra di canapa, è questo il dilemma 3

In cantiere è quasi un materiale sconosciuto la fibra di legno, eppure sarebbe un materiale perfetto per isolare quasi l’intera casa:

  • chi non si fida della fibra di legno per l’ isolamento del tetto può certamente usarla nel sottotetto, o, dall’interno, interposta tra le travi
  • chi teme l’utilizzo come pannello isolante in facciata può usarlo all’ interno.

I pavimenti possono anche loro essere isolati con la fibra di legno, io l’ho usata ad alta densità nello Studio per ottenere un taglio termico dal vecchio pavimento in piastrella.

Come già detto l’isolamento in fibra di legno non è “spinto” come altri isolanti, ma imbattibile come protezione dal calore e quindi per un isolamento valido sia d’inverno che d’estate è meglio di tutti gli altri materiali isolanti. Può assorbire e rilasciare l’umidità e quindi aiuta a regolare il clima indoor della casa.

su questo argomento potresti rileggere il mio articolo:   Isolamento contro il caldo e la ventilazione naturale

Paura del fuoco? Sì, la fibra di legno appartiene alla classe di materiali da costruzione B2. Cioè è “normalmente infiammabile”.

fibra di canapa

E la canapa? Per esperienza direi che la canapa, usata per secoli dall’uomo, è veramente diventato un materiale isolante sconosciuto. Colpa del marketing?

nozioni materiali naturali - Fibra di legno o fibra di canapa, è questo il dilemma 5

La canapa cresce 4 metri in 4 mesi e si raccoglie 2 volte l’anno, si coltivata senza problemi e senza l’uso di erbicidi e si utilizza completamente. Perciò dovrebbe essere la più utilizzata, invece no. A volte abbiamo la “soluzione” sotto il naso e non ce ne rendiamo nemmeno conto.

nozioni materiali naturali - Fibra di legno o fibra di canapa, è questo il dilemma 7


Se vuoi dare un'occhiata a questo Annuncio, ma anche proseguire la lettura dell’articolo senza perdere il filo e dover ritornare attraverso il bottone indietro < del tuo browser, ricorda di cliccare sul link tenendo premuto Control (per Chrome e Firefox) oppure Command (per Safari)


Senza addentrarci nei cicli di produzione, che forse avevo già affrontato in un vecchio articolo, basti sapere che per rendere l’isolamento di canapa non infiammabile viene aggiunto sale di boro, o soda, come per i fiocchi di cellulosa.

La fibra di canapa ha le migliori proprietà di isolamento acustico (con 4 cm si raggiungono 10 dB di abbattimento) e batte anche l’isolamento in fibra di legno con una migliore protezione dal caldo: pensate che ha una capacità termica specifica c = 2300 J/kgK.

Se ancora non vi ho convinti del tutto, sappiate che la a canapa è naturalmente resistente agli insetti.

ma il Kenaf cos’è?

Il kenaf somiglia alla canapa e cresce in pianura Padana e come la coltivazione della canapa, fa bene al terreno. Ma se vi state chiedendo come si comporta come isolante in estate posso assicurare che anche il kenaf ha una elevatissima capacità di accumulo del calore, oltre il doppio rispetto ad altri materiali isolanti come lana di roccia o lana di vetro.

Dunque kenaf o canapa è sempre un’ottima scelta se si punta sull’ isolamento dal caldo estivo, in più non teme l’umidità. Spesso i pannelli isolanti contengono sia fibre di kenaf che di canapa e presentano diametri leggermente diversi, dunque offrono un fonoisolamento maggiore.

I prodotti naturali ci confermano ogni giorno di poter competere con tutte le diavolerie non naturali, eppure restano isolanti di nicchia. Eppure sono materiali perfetti per il nostro clima. Eppure si vedono di rado in cantiere.

su questo argomento potresti rileggere il mio articolo:   Casa in legno, meglio senza formaldeide

lana di roccia

La lana di roccia può non solo  causare un significativo problema di rifiuti, ma in fase produttiva richiede una quantità elevata di energia primaria.

E non dimenticatelo mai, perché è un aspetto fondamentale: la lana minerale ha una scarsa capacità di accumulo di calore, quindi la tua casa diventerà rapidamente un forno in estate.

Nota per gli amanti del fai da te:

  • se nel sottotetto o nel tetto ante anni ’90 avete lana minerale fate attenzione perché quelle vecchie fibre sono probabilmente cancerogene. Se l’isolamento risale invece al dopo 1996 potete stare più tranquilli: la nuova generazione di lana minerale non è più considerata cancerogena.

sostituzione di vecchi isolanti fibrosi pericolosi

Non vale forse la pena considerare la sostituzione di vecchi isolanti fibrosi con alternative naturali e più rispettose dell’ambiente visto che offrono un isolamento comparabile e garanzie ambientali migliori?

i prezzi

Lo capisco, vi serve un prezzo per ragionarci meglio. Non sono d’accordo con voi (visto che la protezione dal caldo interessa tutti quanti, a parte gli alpini forse) ma se vogliamo buttarla in €/mq andiamo a vedere qualche pagina di listino prezzi.

Logicamente un prezzo reale dipende dalla quantità, dalla zona di fornitura e poi da chi è che sta facendo l’ordine 😉

Listino prezzi fibra di legno flessibile:

nozioni materiali naturali - Fibra di legno o fibra di canapa, è questo il dilemma 9

oppure

nozioni materiali naturali - Fibra di legno o fibra di canapa, è questo il dilemma 11


Se vuoi dare un'occhiata a questo Annuncio, ma anche proseguire la lettura dell’articolo senza perdere il filo e dover ritornare attraverso il bottone indietro < del tuo browser, ricorda di cliccare sul link tenendo premuto Control (per Chrome e Firefox) oppure Command (per Safari)


oppure

nozioni materiali naturali - Fibra di legno o fibra di canapa, è questo il dilemma 13


Listino prezzi fibra di canapa:

nozioni materiali naturali - Fibra di legno o fibra di canapa, è questo il dilemma 15

oppure

nozioni materiali naturali - Fibra di legno o fibra di canapa, è questo il dilemma 17

oppure

nozioni materiali naturali - Fibra di legno o fibra di canapa, è questo il dilemma 19

questo è il dilemma.


Siete incuriositi o affascinati dalla canapa? Volete farvi un’idea della fatica che stava dietro alla lavorazione della canapa fino a un po’ di decenni fa? Vi regalo queste immagini estratte dal video girato da Eugenio Monesma.

nozioni materiali naturali - Fibra di legno o fibra di canapa, è questo il dilemma 21

nozioni materiali naturali - Fibra di legno o fibra di canapa, è questo il dilemma 23

nozioni materiali naturali - Fibra di legno o fibra di canapa, è questo il dilemma 25

nozioni materiali naturali - Fibra di legno o fibra di canapa, è questo il dilemma 27

nozioni materiali naturali - Fibra di legno o fibra di canapa, è questo il dilemma 29


Se vuoi dare un'occhiata a questo Annuncio, ma anche proseguire la lettura dell’articolo senza perdere il filo e dover ritornare attraverso il bottone indietro < del tuo browser, ricorda di cliccare sul link tenendo premuto Control (per Chrome e Firefox) oppure Command (per Safari)


nozioni materiali naturali - Fibra di legno o fibra di canapa, è questo il dilemma 31

nozioni materiali naturali - Fibra di legno o fibra di canapa, è questo il dilemma 33

nozioni materiali naturali - Fibra di legno o fibra di canapa, è questo il dilemma 35

nozioni materiali naturali - Fibra di legno o fibra di canapa, è questo il dilemma 37

nozioni materiali naturali - Fibra di legno o fibra di canapa, è questo il dilemma 39

nozioni materiali naturali - Fibra di legno o fibra di canapa, è questo il dilemma 41

nozioni materiali naturali - Fibra di legno o fibra di canapa, è questo il dilemma 43

nozioni materiali naturali - Fibra di legno o fibra di canapa, è questo il dilemma 45

nozioni materiali naturali - Fibra di legno o fibra di canapa, è questo il dilemma 47

Non perdetevi il suo filmato intero:


 


"Lascia un commento" - non devi registrarti e il tuo indirizzo email non sarà mai pubblicato, approfittane!  E un'ultima cosa: sei dovuto andare su Google per capire questo articolo? Se alcuni termini richiedono un chiarimento, scrivi nella finestra LA PAROLA che richiederebbe una definizione migliore o un link diretto per poterla capire.


autore - Federico Sampaoli  


NB: Acquistando da QUI il prezzo non aumenterà, ma Amazon riconoscerà una piccola cifra a sostegno del sito che può rimanere pulito da fastidiose pubblicità per una lettura tranquilla.




Vuoi cercare altre info nel web? usa la finestra Google qui sotto per sostenere il blog espertoCasaClima:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

8 commenti su “Fibra di legno o fibra di canapa, è questo il dilemma”

  1. @ andrea
    i valori descritti nella scheda tecnica e nella DoP del prodotto sono quelli attendibili.

    se la lana di roccia è degradata e si sfibra varrebbe la pena fare una bonifica e togliersi quell’eco-mostro dalla soffitta.
    io almeno dividerei i 2 strati isolanti con un tessuto tnt per non inquinare il prezioso pannello di canapa con le fibre artificiali vetrose, che però voleranno ovunque calpestando e lavorandoci sopra 🙁

    circa la canapa come isolante, la muffa è raramente un problema proprio perchè i pori aperti delle fibre della canapa sono in grado di assorbire l’umidità e rilasciarla nuovamente quando si asciuga.
    Se la percentuale di canapa non è il 100% e vengono aggiunti altri materiali, questa resistenza può diminuire.

    Un tetto che fa vedere la luce tra le tegole indica anche una continua ventilazione quindi il problema reale sarebbe solamente un’infiltrazione per rottura o spostamento di tegole

  2. Ho fatto diverse ricerche di materassini in canapa ma ho letto nella scheda tecnica che hanno un C di 1600-1700 e una densità di 50-60kg/m3, più basso rispetto ai valori dell’articolo.
    Mi farebbe comodo da sovrapporre al vecchio isolamento in lana di roccia che sembra non essere più efficace da quanto è degradato.
    Ho il dubbio però se vada protetto dalle intemperie visto che tra le tegole entra chiaramente la luce e quindi anche l’umidità

  3. @ boris cerello

    fa fatica a reperire il materiale? non fa fatica… non lo trova!

    anche la fibra di legno è diventata isolante introvabile. secondo le mie ricerche bisogna prenotare una consegna oggi per avere il materiale in cantiere in marzo, la data più vicina che ho trovato è stata gennaio.

    il costruttore, se vuole sostituire la fibra di legno con la cellulosa, che di solito è in fiocco, dovrà progettare una soluzione di posa diversa da quella prevista: un conto è posare un pannello ad alta densità in fibra di legno in doppio strato e un altro è realizzare un’intercapedine da riempire con fiocchi di cellulosa.
    la cellulosa è di per sé un validissimo materiale isolante,
    solo che la densità non è elevata e quindi la stratigrafia va ricalcolata per capire lo spessore che deve sostituire i 100+100mm di fibra di legno del progetto iniziale. specialmente per capire quanto sfasamento si può ottenere e con che spessore.
    realizzare un’intercapedine in cui insufflare i fiocchi di cellulosa ha un costo (parzialmente recuperato dal più basso prezzo della cellulosa rispetto alla fibra di legno, ma bisogna anche tener conto dello strato da maggiorare).

    la cellulosa è carta di giornale, è un isolamento termico in fibre di cellulosa e il materiale di base è sempre il legno, infatti ha capacità termica elevatissima (come la fibra di legno).
    viene mescolata con sali minerali e macinata et voilà ecco i fiocchi di cellulosa resistenti al fuoco, alla decomposizione, ai parassiti e alle muffe.

    per dormire sonni tranquilli meglio chiarire:

    soluzione costruttiva
    soluzione di posa
    confronto stratigrafia vecchia stratigrafia nuova
    analisi dell’aumento di spessore
    analisi dello sfasamento ottenibile
    costo complessivo

    unica alternativa è la canapa
    la canapa, materiale isolante ottimissimo, è sempre stata un materiale di nicchia per il suo costo un po’ più elevato.
    dunque oggi è ancora trovabile

  4. Sto ristrutturando una casa in valle d’Aosta nel computo era previsto nella copertura “isolamento in fibra di legno da 20 cm” ma il costruttore adesso mi dice che fa fatica a reperire il materiale e mi dice che lo potrebbe sostituire con fibra di cellulosa, cosa ne pensa?

  5. @ andrea de simone

    consiglio il materiale canapa perché non credo esista un materiale isolante con le stesse caratteristiche eccezionali.
    ma è vero, i materiali flessibili non hanno mai elevata densità quindi se il progetto sta cercando di ottenere il massimo sfasamento termico estivo deve certamente puntare su pannelli rigidi che arrivano anche a 160kg/mc di densità.
    non sempre però è possibile lavorare con pannelli isolanti rigidi e dunque si devono progettare spessori diversi.

  6. Andrea De Simone

    Ciao federico grazie per l articolo. Non capisco perché consigli la fibra di canapa/kenaf perché pur avendo alta capacità termica specifica ha bassa densità(30-40 kg/m3) quindi lo sfasamento non mi sembra eccelso. Tu cosa ne pensi?

  7. @ Andrea

    Se si ha il fotovoltaico il raffreddamento estivo costa quasi zero: ipse dixit.

    un edificio che dipende vita natural durante dall’impianto di raffrescamento non offre molto comfort proprio per il surriscaldamento delle strutture.

    però è vero, gli isolanti naturali hanno conduttività superiore (peggiore) rispetto a EPS e altri, quindi, per garantire la stessa trasmittanza U richiedono qualche cm di spessore in più.
    invece, riportando l’attenzione alla protezione dal surriscaldamento, succede l’esatto contrario: a parità di spessore, gli isolanti naturali garantiscono uno sfasamento termico superiore.

    circa i prezzi dei materiali: prendendo solo questo parametro per scegliere i materiali, ci si costringe a portare in casa ogni sorta di …. quindi attenzione: leggere le etichette e le SDS schede di sicurezza prima di scegliere.

  8. Ottimi materiali però ho qualche considerazione da fare. Se si ha il fotovoltaico il raffreddamento estivo costa quasi zero quindi la capacità termica passa in secondo piano; questi materiali hanno di solito una trasmittanza più alta rispetto al eps e al pur quindi necessitano di spessori molto elevati e non sempre c’è lo spazio; costano di più del eps.
    Poi io sono d’accordo che l’EPS è meglio non metterlo ma il portafoglio spesso dice altro


  9. Se vuoi dare un'occhiata a questo Annuncio, ma anche proseguire la lettura dell’articolo senza perdere il filo e dover ritornare attraverso il bottone indietro < del tuo browser, ricorda di cliccare sul link tenendo premuto Control (per Chrome e Firefox) oppure Command (per Safari)