Redigere un capitolato degli impianti

Non siamo tutti esperti di impianti. Allora come scegliere il riscaldamento, il raffrescamento (se possiamo permettercelo), l’impianto solare (se previsto), l’accumulo di acqua sanitaria, il loro dimensionamento e tutti gli accessori?

Affidarsi all’idraulico?

nozioni di saggezza - Redigere un capitolato degli impianti 1

Avere in mano un computo impianti con l’elenco di cosa si vuole fare è il modo migliore per mettere sullo stesso piano tutti gli installatori e confrontare realmente i prezzi.

Per decenni era il progettista stesso che riuniva idraulico e committente oppure era proprio il committente che arrivava con l’idraulico di fiducia. Oggi che cerchiamo di costruire un involucro con elevate prestazioni, come possiamo accettare un impianto progettato come al solito?

L’idraulico può non aver ben compreso lo sforzo del progettista nella coibentazione! Per case molto coibentate quale impianto installare per fornire così poco calore ma riuscire anche a fare l’ACS (acqua calda sanitaria) e magari integrare con le rinnovabili?

Tutto deve trovarsi in equilibrio! tutto deve trovare il miglior compromesso altrimenti la committenza si trova a pagare l’ottimo involucro + l’impianto + le rinnovabili e la casa costerà inutilmente troppo.

L’impianto dà ciò che manca all’edificio: qui ci vuole il termotecnico! poco da fare! Un buon termotecnico!

Gli architetti, i geometri e gli ingegneri devono essere i primi a capire bene la valenza dell’impiantistica. E il termotecnico deve spiegare a tutti i come mai della sua scelta e fino a quale temperatura di riscaldamento garantisce e a quale temperatura garantisce il raffrescamento. Sempre con i giusti compromessi tecnico/economici.

Vi sembra sbagliato chiedere un piano di ammortamento nel tempo? Farsi fare un progetto degli impianti non è un costo ma un futuro beneficio. Progettare un impianto e far capire al cliente quanto si sta facendo è un vantaggio non da poco per due motivi:

  • si sceglie l’impianto migliore in funzione alle richieste del cliente cercando di svilupparlo in modo tale che non sia troppo costoso,
  • si redige un computo impianti per le offerte in modo che sia finalmente possibile confrontare gli installatori e loro preventivi.

Avere in mano un computo impianti con l’elenco di cosa si vuole fare è il modo migliore per mettere sullo stesso piano tutti gli installatori e confrontare realmente i prezzi.

Da parte loro, gli installatori non se ne avranno perchè saranno ben contenti di ricevere un progetto e soprattutto un capitolato bell’e pronto

Alla fine, il costo del termotecnico diventa nullo se sostenuto dallo sconto che fa la ditta idraulica.


per qualsiasi domanda, più in basso trovi la finestra “Lascia un commento” – non devi registrarti e il tuo indirizzo email non sarà mai pubblicato, approfittane! Ah, un’ultima cosa: sei dovuto andare su Google per capire questo articolo? Cerchiamo sempre di scrivere per farci ben capire, ma se alcuni termini richiedono un chiarimento, Ti prghiamo di scrivere nella finestra LA PAROLA che richiederebbe una definizione migliore o un link diretto per poterla capire. Scrivici e non farti spazientire


autore – Marco De Pinto  nozioni di saggezza - Redigere un capitolato degli impianti 3


autore – Federico Sampaoli  nozioni di saggezza - Redigere un capitolato degli impianti 5


nozioni di saggezza - Redigere un capitolato degli impianti 7

     

2 commenti su “Redigere un capitolato degli impianti”

  1. Buon giorno Sig. Ivo,
    il capitolato è il frutto delle richieste del committente dopo una attenta valutazione tecnica ed economica. A seguito la redazione del capitolato permette alle ditte di esprimersi in un corretto e leale confronto. A seguito dei preventivi la committenza dovrebbe sempre, richiedere al tecnico di controllare le offerte per verificare che non vi siano errori di battitura o di valori economici troppo elevati o bassi. Successivamente si richiedono eventuali chiarimenti alla ditta che ha provveduto alla redazione del capitolato e in seguito le tre o quattro ditte sono chiamate dalla committenza per un confronto a tavolino per conoscersi, comprendere le capacità e le possibilità delle ditte per poi concludere il tutto scegliendo la persona più idonea. L’impiantista nel momento in cui osserva delle mancanze progettuali dovrà sempre confrontarsi con il progettista e la committenza per risolvere il dubbio.

  2. Giusto: credo però che sia giunto il momento di mettere in campo anche le qualità dell’installatore Termoidraulico, il progettista deve confrontarsi con l’impiantista mentre redige il progetto per evitare un sacco di incomprensioni poi durante le lavorazioni. Vorrei vedere un fax-simile di capitolato per capire se realmente ci siano proprio tutti i passaggi per portare il lavoro finito alla regola dell’arte. Ricordo che al termine tutta la responsabilità ricade sull’impiantista che redige la DICO.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.