Archivi tag: tecnica

i miei 8000, non sul tetto del mondo

8000 millimetri naturalmente – non metri.

In questi ultimi anni ho progettato veramente tanti tetti. In genere succede che il tetto è già stato quotato economicamente, oppure tra due proposte non ci si decide, e sono chiamato per una consulenza.

Leggendo il computo metrico e le voci che lo compongono si vede chiaramente se la stratigrafia è buona o no – poi ci sono gli errori madornali e poi ci sono le stratigrafie che complicano tutto e non si sa perchè.

Prendere il progetto del tetto fatto da altri e rimescolare le carte dimostrando che si può far meglio è facile!

  • se si sa cosa si vuole e si deve ottenere dalla nuova copertura
  • se si sa cosa serve alla casa del committente che ti sta pagando la parcella.

In ogni caso bisogna proporre il meglio del meglio, il tetto è importantissimo in una casa e, in assenza di sottotetto, gli ambienti godranno di tutti i benefici di una stratigrafia ben fatta!

Protetti d’inverno e protetti d’estate.

Poche dispersioni e poco surriscaldamento.

Che il tetto sia in legno o che sia con tavelle o che sia in laterocemento non ha importanza… deve avere ottime prestazioni per garantire comfort agli ambienti sottostanti in ogni stagione dell’anno.

A volte ho l’occasione di fare direzione tecnica durante la fase esecutiva. Finalmente non stiamo più progettando il tetto, lo stiamo proprio facendo, stanno salendo i materiali e sta anche salendo la preoccupazione per il meteo. Eh sì, la pioggia è un problema lassù.

Direzione tecnica? cioè sventolare qualche foglio in faccia a chi usa i muscoli per posare tagliare segare avvitare nastrare pulire issare spostare e lo fa con attenzione? Avevo anch’io qualche foglio nello zaino, il resto tutto in mente, ma ho lavorato insieme: intanto dirigere e guardare soltanto è noioso: lavorare sul tetto non è una cosa di velocità, ma di attenzione. Meglio vestirsi in modo adeguato, avere la scarpa giusta, e iniziare.

Chi pensa ad un cantiere pensa subito ai rumori, alla polvere, alla fatica, al troppo freddo o al troppo caldo e in effetti è così a volte: assordante polveroso e poco confortevole. Sul tetto è tutta un’ altra cosa, un altro mondo.

Sul tetto sei sopra a tutto e tutti, lassù, a 8000 millimetri di quota, vedi quello che giù non vedresti mai, non sei disturbato o scavalcato da altri che lavorano, non stai attento a chi è sopra di te, sei il più vicino all’azzurro, vedi il sole che nasce, il sole alto e vedi dove scende, i rumori che senti sono quasi sempre i tuoi, quelli dei tuoi attrezzi. Sono bei posti la falda, il colmo, meno le linee di gronda e la vicinanza al precipizio.

Anche la mia scrivania è un bel posto, ma è bello e utile alzarsi e cambiare punto di vista, toccare i materiali che consigli, provare le viti che hai ordinato e attaccare i nastri che pensavi indispensabili, risolvere qualche dettaglio imprevisto.

Lassù a 8000 millimetri di quota lavorare può essere veramente bello e pieno di soddisfazioni perchè il lavoro lo vedi, ce l’hai nelle mani.

Lavorare è più bello che progettare?

Isolare bene un tetto e abbronzarsi anche, significa che il meteo era perfetto per lavorare con materiali naturali che, come si sa, non amano l’acqua!

Le cose belle della vita sono le cose che fai, non le cose che possiedi… dice Lui, Reinhold Messner.

 

è più bello progettare o lavorare?

 

            

lettura senza banner pubblicitari grazie alla generosità dei lettori – dona anche Tu!

+ involucro - impianti copyright

federico_sampaoli_espertocasaclimacom  ipha_member   articolo ideato, scritto e diretto da Federico Sampaoli, impegnato a favore delle persone, del comfort e dell’open information, titolare e caporedattore di espertocasaclima.com – blog di formazione e comunicazione online dal 2009.

Se vuoi conoscere il mio profilo LinkedIn

Entra anche Tu nella lista dei sostenitori del Blog espertoCasaClima :

Visita il profilo di federico su Pinterest.