Archivi tag: lastrico

La porta d’ingresso “energetica”

Leggi questo articolo grazie alle donazioni dei lettori Giovanni Faro, Ignazio Simone Boragina, Luca Alunni, Federica Sanna, Daniele Amato. Partecipa anche Tu, sostieni l’informazione attraverso espertocasaclima.com!


La porta d’ ingresso, che fino a qualche anno fa doveva essere solo blindata, nelle nuove costruzioni e nelle ristrutturazioni complete è diventata un elemento che deve garantire la continuità delle prestazioni dell’involucro edilizio.

Stop agli spifferi, ai materiali poco coibenti, alle guarnizioni poco valide e ai ponti termici del telaio.

Non tutti sanno che oggi un portoncino di ingresso riesce egregiamente a rispondere a tutte le esigenze energetiche ed acustiche attuali: altissimi valori di classe anti effrazione (anche Classe 4), altissimi valori di isolamento termico (Ud = 0,63 W/mqK), dove d sta per door, e ottimi valori di isolamento acustico (-46 dB):

Ma se è giusto dedicare molta attenzione alla scelta, alla posa e alle caratteristiche della porta evitando che la preziosa energia del volume riscaldato se ne vada dall’ingresso attraverso tutti i soliti difetti, non sentite l’esigenza di progettare un ingresso che influisca positivamente sul flusso energetico che circola all’esterno della nostra abitazione – che invogli ad entrare e farci visita?

Alcuni aspetti sono importantissimi per la porta (sicurezza, isolamento termo acustico, tenuta all’aria)

 altri lo sono per progettare bene l’ingresso:

La porta d’ingresso è la “Bocca del Qi” della nostra casa!

Vi è mai capitato di essere davanti ad una porta e sentirvi attratti – sentire qualcosa che vi spinge ad entrare? o respinti – sentire qualcosa per nulla invitante?
Come ci suggerisce il Feng Shui, l’ingresso di ogni edificio, definito “Bocca del Qi”, indica il passaggio attraverso il quale circa il 60% delle energie entra nello spazio abitativo.
L’entrata deve essere ben visibile e riconoscibile dall’esterno! deve creare una zona invitante dove le spinte energetiche e le opportunità siano invogliate ad entrare nella nostra casa e nella nostra vita. La fortuna deve trovare facilmente la via!

“Guidiamo l’energia verso la nostra casa e diamo il benvenuto al flusso del Qi!”

Impariamo qualche cosa:

  • in corrispondenza dell’ingresso è importante sia presente una zona esterna d’accoglienza dell’energia – è chiamata “Ming Tang” e attenua, filtra e armonizza i flussi che arrivano dall’esterno.

Può essere un parcheggio, un giardino, un piccolo slargo situato davanti all’ abitazione. Un vialetto d’accesso dovrebbe presentare un andamento sinuoso, essere mosso da qualche lieve curva in modo da evitare che il Qi non arrivi all’interno con forza troppo intensa:

Ogni percorso deve essere curato, ordinato, privo di impedimenti e ben illuminato.
Anche l’utilizzo di luci ad intervalli regolari che segnalano e marcano la via verso la porta di casa può avere un effetto positivo.


Il passaggio lastricato deve presentare pietre integre e non vacillanti, simbolo di una situazione di vita stabile delle persone che abitano la casa.

“L’ingresso trasmette la prima impressione di noi all’ospite!”

Quindi facciamo autoanalisi e corriamo ai ripari.

Il verde laterale non deve invadere il vialetto. In genere sono da preferire piante dalle linee sinuose e morbide che vanno potate regolarmente per evitare che ostacolino la circolazione del Qi.

Il Feng Shui offre un valido aiuto nell’analisi e nella progettazione dei giardini ed in genere di tutti gli spazi esterni adiacenti la nostra casa e fornisce consigli preziosi relativi alla disposizione e tipologia di piante ed arredi esterni.

Ai lati della porta d’ingresso è bene posizionare guardiani simbolici con la funzione di attirare il flusso energetico, ma allo stesso tempo donare protezione alla casa e agli abitanti. Ad esempio, nell’architettura tradizionale cinese si utilizzavano due statue uguali poste in posizione simmetrica rispetto all’apertura che ricreavano le polarità complementari, lo Yin e lo Yang.


Ancor oggi si mantiene l’usanza di porre presso la porta d’ingresso di ristoranti e negozi delle lanterne rosse: la loro forma simboleggia il melograno, frutto tondo e pieno di semi, simbolo di ricchezza e prosperità. Da sempre quindi sono di buon auspicio per il successo negli affari, che per un’attività economica è d’obbligo!

Risulta curioso il fatto che anche in Occidente troviamo infiniti esempi di leoni di pietra, aquile, gufi, talvolta figure umane di santi o guerrieri che vigilano in corrispondenza di edifici rappresentativi quali chiese, palazzi del potere, teatri, ma anche sontuose dimore quali le Ville Palladiane.
Provate a farci caso quando passeggiate per le vie delle nostre città…

Nel mondo moderno tali figure spesso sono sostituite da elementi più essenziali quali piante ornamentali, punti luce o altri elementi decorativi in linea con lo stile architettonico dell’edificio:

Questi sono solo alcuni esempi utilizzati per dare identità agli spazi esterni. A seconda del contesto in cui ci si trova l’obiettivo principale è dare importanza all’ingresso e guidare l’energia verso la persona. Applicare correttivi per potenziare gli effetti positivi oppure mitigare e indebolire i flussi non benevoli che bussano alla nostra porta!
Seguire tutte queste regole, oltre a migliorare l’aspetto estetico della porta, porterà anche benefici e positività nella vostra vita!

Da sempre e in molte culture diverse, consapevolmente o meno, la scelta della posizione e della tipologia della porta d’entrata ha sempre ricoperto un momento importante nella fase progettuale e in generale nel momento della scelta della propria dimora.

L’ubicazione e la direzione della porta principale, insieme ad altri fattori, va a concorrere nello stabilire l’impronta energetica di base dell’abitazione. Ogni casa può essere classificata in 8 tipologie associate ai 5 elementi (fuoco, terra, metallo, acqua e legno), che vanno poi confrontate con le caratteristiche personali degli abitanti per capire la compatibilità che sussiste o meno.


Inoltre con l’ausilio del metodo delle Stelle Volanti, una delle tecniche utilizzate nel Feng Shui avanzato (vi prometto un’affascinante chiacchierata in merito, in un prossimo articolo “La porta d’ingresso principale”), è possibile determinare

  • le energie statiche presenti in ogni ambiente della casa
  • e quelle dinamiche, che entrano attraverso le aperture e si muovono all’interno degli spazi abitativi.

autore: Federica De Concini
revisione: Federico Sampaoli


lettura senza banner pubblicitari grazie alla generosità dei lettori – dona anche Tu 😉 sostieni l’informazione attraverso espertocasaclima.com!


marco de pinto passivhaus planer

 

Federica De Concini,

Ingegnere, Progettista certificato Passivhaus Institut (Certified Passive House Designer) appassionata di Architettura Feng Shui, coeditrice di espertoCasaClima – blog di informazione tecnica e comunicazione

Entra anche Tu nella lista dei sostenitori del Blog espertoCasaClima :

Visita il profilo di Andrea su Pinterest.

Lastrico solare, isolare e trasformare

I nuovi proprietari dell’ultima unità in alto in un condominio (di un palazzo.. fate voi)  sono di solito i più interessati tra tutti i condòmini ad intervenire sull’ultimo solaio: un po’ per garantirsi dal rischio di infiltrazioni e un po’ perchè sono interessati a riqualificare energeticamente il loro ultimo piano che, come noto, è quello che più di ogni altro soffre di dispersioni termiche invernali e importante surriscaldamento nella stagione estiva.

Da un lato la lotta in sede di riunione condominiale per proporre i lavori, dall’altro la burocrazia.

Progettando la stratigrafia per isolare l’ultimo solaio (tetto piano) è sempre conveniente intervenire da fuori, cioè all’estradosso: così si ottengono le prestazioni migliori. Questa è anche l’occasione per fare una nuova impermeabilizzazione una volta finiti i lavori.

Non capita di rado che sia proprio il proprietario dell’ultimo piano ad accollarsi le spese per tali lavori – spesso l’unica alternativa alla battaglia di condominio. Sarà lui a finanziare tutti i lavori di manutenzione straordinaria e di riqualificazione e a questo punto si prende il lusso di ripavimentare il lastrico solare a suo gusto – parapetti, vasi e mobili da giardino inclusi.

Ma l’ex tetto piano malandato dell’edificio può trasformarsi in un terrazzo abitabile senza aver richiesto il permesso di costruire?

Di per sè, pavimentare un lastrico solare è solo un intervento di manutenzione straordinaria e non ne cambia la sua destinazione di utilizzo (è un tetto).

Volete che il lastrico solare diventi un terrazzo? ci vuole il permesso di costruire.


            

lettura senza banner pubblicitari grazie alla generosità dei lettori – dona anche Tu!

+ involucro - impianti copyright

federico_sampaoli_espertocasaclimacom  ipha_member   articolo ideato, scritto e diretto da Federico Sampaoli, impegnato a favore delle persone, del comfort e dell’open information, titolare e caporedattore di espertocasaclima.com – blog di formazione e comunicazione online dal 2009.

Se vuoi conoscere il mio profilo LinkedIn

Entra anche Tu nella lista dei sostenitori del Blog espertoCasaClima :

Visita il profilo di federico su Pinterest.

Isolare il lastrico solare anche contro il caldo, chi paga?

Il proprietario dell’appartamento all’ultimo piano è quello che più avverte il surriscaldamento estivo e più vive le problematiche delle elevate dispersioni invernali.

Nel caso in cui lo stabile si decida per il rifacimento del lastrico solare è proprio il proprietario dell’ultimo piano ad essere il diretto interessato alla qualità dell’intervento:

  • una nuova impermeabilizzazione garantirà molti anni senza infiltrazioni ma nessun miglioramento dal punto di vista energetico estivo ed invernale
  • un minimo isolamento termico con materiali di sintesi garantirà un certo contenimento delle dispersioni invernali e temperature superficiali interne dei soffitti molto più confortevoli
  • una corretta progettazione con materiali isolanti adatti anche alla protezione dal veloce surriscaldamento dei locali sottostanti garantirebbe un confort migliorato in tutte le stagioni e dunque un investimento utile per tutti i 12 mesi dell’anno

Riuscire a garantire una buona inerzia termica per smorzare correttamente la radiazione solare estiva si esprime in ore di sfasamento sufficienti a prolungare il tempo dell’arrivo dell’onda termica negli ambienti sottostanti.

Il problema del surriscaldamento estivo, lo abbiamo ormai capito tutti, non è esclusivo delle regioni meridionali, ma piuttosto delle isole di calore create dalle città senza sufficiente verde.

Io spingo sempre per ottenere almeno almeno 12 ore di sfasamento, in modo che l’onda termica raggiunga l’interno verso sera, quando sarà nuovamente possibile fare ventilazione naturale. Sì lo so anch’io che certe sere e anche certe notti si boccheggia e fuori fa ancora più caldo che dentro – che volete che vi dica? abbiamo cementato tutto, abbiamo tagliato gli alberi perchè sporcano… questo ci meritiamo!

Ma torniamo allo sfasamento! Quello che è tipico di un edificio con muri incredibilmente spesso si può ottenere con un’oculata progettazione: da cosa dipende il valore di sfasamento di un pacchetto isolante?

beh, dipende da un mix di caratteristiche importanti:

  • conduttività  termica
  • densità
  • capacità  termica massica

Ma chi dovrà sostenere le spese per questo utile intervento? in gran parte utile alle abitazioni dell’ultimo piano.

Saranno i millesimi a determinare la quota di spesa di ciascuno? Ecco quanto ho letto in un estratto del Il sole 24 ore:

La proiezione in verticale determina le spese per rifare il terrazzo di uso esclusivo.

Con una recente pronuncia, la Corte di Cassazione ha ribadito che i 2/3 delle spese per il lastrico solare di uso esclusivo sono a carico dei condomini proprietari individuali delle singole unità immobiliari comprese nella proiezione verticale del lastrico stesso.
1/3 dei costi sarà a carico del proprietario esclusivo e i rimanenti 2/3 a carico dei proprietari delle unità immobiliari comprese nella proiezione verticale del lastrico alle quali funge da copertura.

Ciò non toglie che chi cade nella proiezione del terrazzo è pur sempre un condomino a tutti gli effetti e, come tale, è obbligato a concorrere alle spese generali del condominio secondo i millesimi di proprietà.

La ripartizione delle spese secondo la Corte d’appello:

Abbiamo un fabbricato composto da 2 scale (“scala A” e “scala B”).

La lite nasce per la ripartizione delle spese relative al lastrico solare di proprietà esclusiva della “scala B”. Tale lastrico, a quanto pare, serve da copertura non solo agli appartamenti sottostanti, relativi alla “scala B”, ma anche ad alcuni beni comuni ai due corpi scala (galleria pedonale, portico pedonale, portineria, atrio, piani interrati, corselli dei box).

Secondo la Corte d’appello, i costi per il rifacimento del lastrico solare devono essere sostenuti, per 1/3, dal proprietario esclusivo del lastrico e, per i rimanenti 2/3, da tutti i restanti condòmini (ovvero sia da quelli rientranti nella “scala A”, sia da quelli della “scala B”.

Poiché nella proiezione del lastrico solare si trovano beni di proprietà comune ai due corpi scala, è logico che i costi per la ripartizione debbano essere ripartiti tra tutti i condomini.

L’art. 1126 cod. civ. stabilisce espressamente che «quando l’uso dei lastrici solari o di una parte di essi non è comune a tutti i condomini, quelli che ne hanno l’uso esclusivo sono tenuti a contribuire per 1/3 nella spesa delle riparazioni o ricostruzioni del lastrico: gli altri 2/3 sono a carico di tutti i condomini dell’edificio o della parte di questo a cui il lastrico solare serve, in proporzione del valore del piano o della porzione di piano di ciascuno».

Il problema dell’individuazione dei soggetti tenuti al pagamento dei rimanenti ?:

La Corte di Cassazione, con l’ordinanza del 10 maggio 2017, n. 11484, ha dettato il principio di diritto in base al quale i 2/3 delle spese devono essere ripartiti esclusivamente tra i proprietari delle unità immobiliari che si trovano nella proiezione verticale del terrazzo esclusivo (Cass., Sez. II, sent. 25 febbraio 2002, n. 2726; sent. 4 giugno 2001, n. 7472; sent. 15 aprile 1994, n. 3542; sent. 29 gennaio 1974, n. 244; sent. 16 luglio 1976, n. 2821).

La Cassazione peraltro sottolinea che l’art. 1126 cod. civ. non è compreso tra le disposizioni inderogabili richiamate dall’art. 1138 cod. civ. (l’art. 1126 cod. civ. è derogabile). Conseguentemente il regolamento del condominio può dettare modalità diverse per la ripartizione delle spese relative alla manutenzione del lastrico solare di uso esclusivo, ponendo le stesse a carico di tutti i condòmini e introducendo un’apposita clausola nel regolamento di condominio.

 

            

lettura senza banner pubblicitari grazie alla generosità dei lettori – dona anche Tu!

+ involucro - impianti copyright

federico_sampaoli_espertocasaclimacom  ipha_member   articolo ideato, scritto e diretto da Federico Sampaoli, impegnato a favore delle persone, del comfort e dell’open information, titolare e caporedattore di espertocasaclima.com – blog di formazione e comunicazione online dal 2009.

Se vuoi conoscere il mio profilo LinkedIn

Entra anche Tu nella lista dei sostenitori del Blog espertoCasaClima :

Visita il profilo di federico su Pinterest.

SalvaSalva

SalvaSalva