Tag Archives: Co2

Anche se non si vede, la VMC abbassa il livello di Co2

Ogni committente che si prepara per una ristrutturazione o qualche opera interna vede nella ventilazione meccanica controllata, anche solo puntuale – o decentralizzata come si dice, l’apparecchio ideale per riuscire a diminuire il livello di umidità interna nel periodo invernale.

Tutti i committenti di nuove costruzioni vedono nell’impianto di vmc l’apparecchio ideale per fare l’ultimo salto verso l’alto nella classe energetica dell’edificio.

Tutto esatto e corretto. Sono rari invece i committenti che si rivolgono a questa tecnologia di rinnovo dell’aria con recupero di calore perché preoccupati del livello di Co2 negli ambienti – la VMC.

VMC abbassa il livello di Co2

L’alto tasso di concentrazione di Co2, specialmente nelle camere da letto padronali dove due adulti consumano molto ossigeno per molte ore consecutive, non si vede. Il livello di Co2 si può monitorare naturalmente, ma non si vede, è invisibile.

Il problema di troppa Co2 non è solo un problema della camera da letto, il pianeta sta soffrendo di livelli mai conosciuti:

la VMC abbassa il livello di Co2

Leggi di più sul tema qui: Atmospheric carbon dioxide is at its highest level in human history and is changing our climate before our eyes. NASA’s new Orbiting Carbon Observatory-2 space satellite will probe the carbon cycle like never before, telling us where the carbon is going and giving us clues as to where we will end up.

federico_sampaoli_espertocasaclimacom ipha_member View federico sampaoli's profile on LinkedIn

  questo articolo è stato ideato, scritto e diretto da federico sampaoli, vuoi pubblicare un tuo articolo? scrivimi, lo prenderò in grande considerazione.

diventa anche Tu sostenitore del Blog espertoCasaClima :

- il mio profilo LinkedIn: Lin  - articoli pubblicati di recente: eCC  - commenti al blog: feed        - i miei tweet: Tw

Calce per intonaco interno di qualità

In diversi articoli ho sottolineato l’importanza di ogni singolo strato di una stratigrafia, anche quello più interno – che poi sarà la nostra terza pelle.

Ho spesso ricordato che vivere avvolti nell’isolante non è la migliore soluzione per abbattere le dispersioni termiche – quindi eseguire una coibentazione interna solo se ci si è costretti!

Torniamo alla terza pelle, l’intonaco interno. Ogni volta che io calcolo le proprietà termiche di un componente edilizio salta all’occhio come un materiale dello strato più interno influisce positivamente o negativamente sulle prestazioni di una stratigrafia: lo spessore, il calore specifico (J/kgK) e la densità (kg/mc) dello strato o degli strati più interni incidono molto sulla capacità termica periodica del lato interno (sulla capacità areica interna) e con un po’ di attenzione nella progettazione ottengo meno surriscaldamento estivo e più accumulo termico invernale. Due aspetti non da poco se stiamo progettando per offrire la migliore soluzione possibile!

Non sto parlando di isolamento termico – quello lo do per scontato. E’ inutile progettare senza una corretta coibentazione – lo do per scontato.

Se abbiamo ben compreso l’idea di avere a che fare con la nostra terza pelle, abbiamo anche ben capito l’importanza della qualità del materiale, e poi della sua finitura: entrambi saranno nostri coinquilini per anni e anni! Scegliamoli con attenzione.

calce

Spendiamo due parole sulla calce.

calce

Più o meno sappiamo che è un componente importante di intonaci, marmorini, ma anche di tinteggiature e malte (sì le malte, fino alla comparsa del cemento era normale).

Ma non siamo abituati ad apprezzarne l’invecchiamento. Il grassello di calce invecchiato porta nel mondo della calce più qualità – il latte di calce può essere messo in vasche a stagionare, come il Parmigiano, 12, 24 e anche 48 mesi.

calce certificato di invecchiamento

La stagionatura della calce migliora la sua plasticità, la sua lavorabilità e la velocità di presa.

calce

Penserete all’ennesima trovata bio qualitativa, giusto per farne lievitare il prezzo, invece si tratta di una cosa molto seria e certificata: la Banca della Calce offre il Certificato di Invecchiamento che accompagna il grassello di calce che state acquistando, quello che avete visto sopra!

calce

Magari state leggendo questo articolo ma non state costruendo o restaurando un bel niente, però avete voglia di migliorare qualcosa in casa, e farlo da voi, con idee chiare e informazioni giuste.

Beh, in questo blog un po’ di informazioni le ho condivise e le avete trovate! spero chiare e facilmente comprensibili, come è giusto che sia.

Ma torniamo un attimo a parlare di calce – state tinteggiando o volete chiamare i pittori? decidete bene cosa appiccicate sui muri, e mi raccomando… nessun veleno – ne abbiamo già che bastano. Potreste imbiancare a calce!

calce

Imbiancando a calce potete star certi che la tinteggiatura sia salubre, evitando emissioni e solventi: caspita – parliamo dei nostri polmoni!

La calce ha solo vantaggi:

Credereste di poter imbiancare casa con latte di calce aggiungendo latte, zucchero e acqua? State sorridendo vero! Non credete più che questo articolo sia una lettura professionale vero? Qui vi “linko” alla ricetta CalceLatte e alla ricetta CalceLatte a colori così continuerete a prendermi sul serio.

Se amate il fai da te vorrete sicuramente autocostruirvi il cappello da pittore – quando ero piccolo il pittore arrivava in cantiere col giornale e con una delle pagine si preparava il cappello della mattina, faceva proprio così:

La calce e la bioedilizia non sono argomenti per fanatici vegetariani figli dei fiori che non hanno la televisione perchè fa male (e fa male in dosi inutili).

federico_sampaoli_espertocasaclimacom ipha_member View federico sampaoli's profile on LinkedIn  Tweet

Vuoi offrire un sostegno a questo BLOG? Diventerai sostenitore di espertoCasaClima.

 esperto casaclima

Controllare la concentrazione di Co2 e il meteo

Non possiedo un iPhone. Sono sempre davanti al computer, e se non sono lì, mi fa anche piacere ricevere solo telefonate.

Tutti quelli che conosco ce l’hanno, e allora ecco cos’ho visto di bello: sull’Apple Store ho trovato una stazione meteo che misura la qualità dell’aria interna ed esterna (Modulo interno e Modulo esterno)

monitorare Co2 in casa app netatmo

  • temperatura,
  • umidità,
  • pressione,
  • livelli di CO2 (Quando i livelli di CO2 diventano eccessivi, ricevi immediatamente un avviso sul tuo iPad, iPhone o iPod touch, così puoi agire immediatamente aumentando la ventilazione dell’ambiente),
  • e altro ancora sia all’esterno che all’interno.

Si connette tramite WiFi fornendoti l’accesso immediato ai dati raccolti dalla stazione. Tiene traccia e controlla il meteo e la qualità dell’aria. Ricevi avvisi sulla qualità dell’aria in tempo reale.

Più che altro mi sembra molto interessante per monitorare l’aria all’interno della casa conoscendo finalmente con esattezza la concentrazione di Co2, l’umidità interna e altri valori: forse in questo modo ci renderemmo meglio conto che una ventilazione meccanica controllata potrebbe veramente migliorare la nostra vita. Se invece la VMC è già installata potremmo controllare se lavora bene o male!

monitorare Co2 in casa app netatmo

App Netatmo è disponibile gratuitamente all’App Store.

Sembra un bell’aggeggio. Se avessi un iPhone, un iPod o un iPad penserei ad acquistarlo.

monitorare Co2 in casa app netatmo

Se conoscete questo prodotto, lasciate una recensione o proponete un’alternativa!! grazie

federico_sampaoli_espertocasaclimacomipha_member

View federico sampaoli's profile on LinkedIn

Vuoi offrire un sostegno a questo BLOG? Diventerai sostenitore di EspertoCasaClima.

 esperto casaclima

Ridurre la nostra “carbon footprint” (l’impronta ecologica relativa all’anidride carbonica)

Anche fuori di casa possiamo migliorare la nostra impronta ecologica: bicicletta per diminuire la nostra impronta ecologica

Riduciamo il numero di viaggi in auto per ridurre i costi del carburante, ridurre l’usura della nostra auto e aiutare l’ambiente.
Combiniamo i nostri viaggi!

Evitiamo i viaggi brevi!
Combiniamo diversi motivi per ogni viaggio!
Vediamo se è possibile sostituire un viaggio in auto con una telefonata, una e-mail, un SMS o un fax.

Comperiamo una bicicletta per le brevi distanze! Sarà gratis dopo soli 1.111 km. (150 euro/bici  /  1,35 euro/litro benzina) pari a 14 settimane percorso casa/ufficio.

Camminiamo! Può contribuire a migliorare la nostra salute.
Accompagniamo a piedi i bambini a scuola, andare con loro ha un sacco di vantaggi e loro imparano molte cose! La vostra scuola locale potrebbe essere interessata ad avviare un bus a piedi verso la scuola.
Utilizziamo il trasporto pubblico, può essere più conveniente e meno stressante di guidare.

Evitiamo il traffico delle ore di punta!

Lavoriamo da casa se possiamo! Proponiamolo! Si potrebbe anche avere più tempo libero.

Parco auto: se voi e la vostra famiglia potete vivere senza una seconda auto risparmierete migliaia di euro ogni anno (acquisto, registrazione, box, manutenzione e assicurazione).

E se proprio dovete andare in macchina, prima guardate questo bellissimo  video.

Come gli ambientalisti, Vi chiedo di lasciare la macchina a casa! So che non serve: esistono ancora paesi senza libertà religiosa, senza democrazia e senza diritti umani, ma non senza traffico. I pochi angoli della terra senza macchine non vedono l’ora di averle…

E’ certo che nessuno è riuscito a progettare una buona alternativa all’auto; l’autobus è un fallimento di progettazione, scomodo, rumoroso, maleodorante: una proposta perdente. Dobbiamo inventare un’esperienza di mezzo pubblico più affascinante, dobbiamo offrire scelte di movimento che siano entusiasmanti! bruce mau

Come dice Bruce Mau, per convincere sei miliardi di persone a cambiare, ci vuole seduzione, non sacrificio!

Case low carbon

 

casa-low-carbon

Il legno, materia prima ideale per la costruzione a basso impatto di edifici di lunga durata è poco utilizzato nel settore edile britannico che emette emissioni di CO2 per quasi il doppio della media mondiale: il 19%.

I ricercatori britannici hanno scoperto un materiale innovativo composito e naturale miscelando la canapa con la calce spenta, ottenendo così un componente per l’edilizia che oltre a una bassa “carbon footprint” (l’impronta ecologica relativa all’anidride carbonica) possiede anche ottime proprietà isolanti.

Taglio delle emissioni di gas dell’effetto serra in USA: -17% entro il 2020, -80% entro il 2050

 obama-al-congresso-americano

Barack Obama vuole imporre un taglio delle emissioni di gas dell’effetto serra in USA del 17% entro il 2020 e dell’80% entro il 2050.

Oggi gli Stati Uniti fanno leva su fonti nocive di energia per il 95% del fabbisogno: le emissioni di anidride carbonica e di altri gas crescono ancora dell’1% annuo.

Secondo i repubblicani la nuova normativa comporta il maggior aumento delle imposte nella storia americana.