Archivi tag: blumartin

Installazione di una VMC molto intelligente

Leggi questo articolo grazie alle donazioni dei recenti “esperti” lettori Mauro Tassinari, Giovanni Faro, Guerra Stefano, Andrea Momesso, Gaddo Tarchiani, Ignazio Simone Boragina. Partecipa anche Tu, sostieni l’informazione attraverso espertocasaclima.com!


Livelli di umidità interna sempre troppo alti, un passato di muffe negli angoli e in altre zone fredde, ambiente interno sempre interessato da odore di umido e freddo; un cliente dello studio, ma come ce ne sono tanti altri, basta leggere i commenti sotto gli articoli, mi incarica di aiutarlo a risolvere definitivamente il problema: vuole una casa asciutta e non più a rischio muffa.

Il budget per l’intervento è inesistente (già è stato speso molto l’anno scorso per ritinteggiare tutti gli interni inseguendo l’idea di bonificare tutte le stanze dalle muffe che continuavano a ripresentarsi), quindi

si deve fare solo il necessario.

Ma qual’è questo necessario se non affrontare il toro per le corna? Il ricambio d’aria insufficiente e le zone fredde che sono i ponti termici strutturali e geometrici dell’edificio continueranno a presentare il conto: la condensa superficiale interna.

Non c’è il capitale necessario per un intervento di isolamento interno e per ripetere un’altra volta i lavori di finitura interna?

Si deve almeno pensare al ricambio d’aria,

e senza un impianto VMC con recupero di calore sarà veramente difficile dare una svolta al problema delle muffe. Se non si pensa alla salute degli adulti, si pensi almeno a quella dei più piccoli che stanno crescendo il loro apparato respiratorio. No, non vendo macchine per ventilazione controllata, ma le devo consigliare: sono la soluzione.

E’ chiaro che una VMC può risolvere il problema del ricambio d’aria, dell’umidità interna elevata e del rischio muffa. Ma cosa rispondere al committente che è tanto convinto della decisione quanto spaventato dai lavori in casa.

Inutile minimizzare: avere gente per casa che ti vuole demolire la casa e far polvere e calcinacci e chi sa che altri danni… spaventa! Ma le forometrie sono necessarie: la VMC deve comunicare con l’esterno e l’installazione prevede come minimo un’apertura nel muro perimetrale per la macchina + altri eventuali fori interni che sono indispensabili per far comunicar la VMC con ambienti più lontani.

Tutto sarebbe stato più semplice al tempo del cantiere o prima di abitarci, lo so.

Guardate cosa sono riuscito a combinare in casa mia qualche anno fa, per riuscire con 1 sola VMC ad offrire un po’ di ricambio aria a 2 stanze e a 1 bagno cieco:

ho dovuto aprire una finestrina nel muro perimetrale e poi far passare i corrugati da 75mm di diametro dove serviva. Nulla di impossibile, ma lavorare in una casa finita non offre la stessa libertà che offre un cantiere.

Nei mesi scorsi ho parlato di VMC intelligente, e molti lettori vorranno buttare un’occhiata ai lavori durante la giornata d’installazione di una VMC bluMartin. Buona visione!

cominciamo con qualche misura da conoscere:

proteggere da danni e polvere il contenuto degli ambienti prima di iniziare a riportare sul muro le forometrie da realizzare è fondamentale:

demolire con precisione e cautela non significa perdere tempo, ma eseguire un ottimo lavoro:

prevedere le brevi canalizzazioni verso altri ambienti fa parte del progetto:

dalla demolizione interna, per evitare danni, non si può passare fino alla facciata esterna:

meglio proteggere gli occhi in alcune fasi:

chi lavora bene e con cura non è malvisto dagli altri condomini:

il lavoro preparatorio comincia a prendere forma e dare un senso, la sede della VMC va al suo posto:

per sfruttare una macchina VMC servendo altri locali si devono prevedere dei carotaggi attraverso alcuni divisori interni:

notare la tipologia di costruzione dell’edificio che prevedeva un sottile isolamento termico tra blocco di tamponamento esterno e rifodera in laterizio forato interna (naturalmente questa soluzione costruttiva porta con sè il problema della ripetuta interruzione dell’isolante ogni volta che si arriva ad un elemento strutturale, qui si vede il solaio interpiano):

come sapete, il ricambio d’aria degli altri locali necessita o di canali di ripresa o del modulo di trasferimento aria freeAir plus:

e finalmente arriva il momento di installare la bluMartin freeAir 100:

anche all’esterno è il momento di concludere e mettere via la scala:

per agevolare il passaggio di aria tra gli ambienti anche con porte chiuse è bene prevedere qualche millimetro libero a pavimento con il vecchio trucco della rondella, se possibile:

da così:

a così: il canale di ripresa del bagno può essere inscatolato ad evidenziare un elemento architettonico strutturale finto:

il modulo di trasferimento aria freeAir plus non disturba:

come concludere? il lavoro va fatto, e le soddisfazioni poi si raccolgono da sole!


lettura senza banner pubblicitari grazie alla generosità dei lettori – dona anche Tu 😉 sostieni l’informazione attraverso espertocasaclima.com!


federico_sampaoli_espertocasaclimacom  ipha_member

articolo ideato, scritto e diretto da Federico Sampaoli, impegnato a favore delle persone, del comfort e dell’open information, titolare e caporedattore di espertoCasaClima – blog di informazione e comunicazione

Il mio profilo LinkedIn

Entra anche Tu nella lista dei sostenitori del Blog espertoCasaClima :

Visita il profilo di federico su Pinterest.

VMC decentralizzata che consuma poco e rende molto

Leggi questo articolo grazie alle donazioni dei lettori Giovanni Faro, Ignazio Simone Boragina, Luca Alunni, Federica Sanna, Daniele Amato. Partecipa anche Tu, sostieni l’informazione attraverso espertocasaclima.com!


Nell’articolo di dicembre VMC very cool anche d’estate avevo fatto notare che mentre la VMC recupera energia per 230 Watt, i ventilatori stanno consumando circa 4 Watt.

La VMC è una macchina veramente efficiente già di per sè e questa freeAir 100 è un top di gamma tra le decentralizzate (quando ben installata).

Ma cos’è consumare poco?

 

Solo grazie ad un altissimo livello di efficienza è possibile guadagnarsi il voto più alto A+ secondo l’EU-Ökodesign-Richtlinie che rappresenta la Direttiva sulla progettazione ecocompatibile (ridurre il più possibile l’impatto ambientale dei prodotti connessi all’energia, tenendo conto dell’intero ciclo di vita).

E se non vi convince l’etichetta energetica potete rassicurarvi con quella rilasciata dal Passivhaus Institut che testa i componenti e premia con una sua etichetta quelli che rispettano gli alti standard richiesti dalle Case Passive.

 

 

Nel primo articolo avevo sommariamente descritto come questa VMC con cervello distribuisce l’aria negli altri locali senza canalizzare tutta la casa. Ricordate? sfrutta la depressione generata dai canali di estrazione e prevede qualche unità interna di trasferimento posizionata in alto (dove l’aria è più calda e più umida) sopra l’architrave di una porta di una camera per esempio (estrae dalla stanza l’aria e questa depressione richiama aria fresca all’interno). Questa unità interna, grazie al suo sensore VOC, regola automaticamente il flusso d’aria analizzando la concentrazione di CO2

Ebbene, questa progettazione non è solo ardita, o innovativa, come vi piace vederla non ha importanza, è super efficiente: infatti l’unità che trasferisce alcuni volumi d’aria (e solo se necessario naturalmente: ha un cervello) ha un fabbisogno energetico medio di 1 solo Watt.

Possiamo tranquillamente ammettere che l’unità freeAir Plus contribuisce ad un ulteriore aumento dell’efficienza energetica del sistema.

Il software (e non credo sia truccato come alla Volkswagen) visualizza continuamente l’eccellente rapporto tra energia termica recuperata e energia operativa del sistema di ventilazione. Fa anche notare il recupero del raffreddamento in estate. Il rapporto tra energia utilizzata e recupero è compreso tra 1:30 e 1:50 :

Ma torniamo a parlare di Componenti certificati dal Passivhaus Institut : costruire con standard passivo significa progettare un involucro coi fiocchi, tanto isolamento termico, tanta tenuta all’aria e ponti termici free. Ma significa anche che per serramenti e impianti non possiamo andare ad acquistare quello che ci salta in mente, anche qui si deve puntare in alto. Come diceva Steve Jobs, se nella tua azienda lavorano mezze calzette, l’intera azienda diventerà una mezza calzetta:

Perciò mettiamocela via l’idea di installare qualche impianto VMC che non sia al top. E non è da vedere come un ostacolo, anzi si potrebbe dire che l’Istituto Passivhaus di Darmstadt ha già fatto il lavoro sporco di individuare i componenti buoni e meno buoni. E ci si può fidare.

Forse l’unica cosa che si potrebbe lamentare è che magari c’è un costruttore bravissimo, ma bravissimo veramente, che non ha deciso di investire capitali nell’iter di certificazione per salire nell’Olimpo dei Zertfizierte Komponente… Lo farà nel 2020. oooh se lo farà!

Dunque, efficienza: ora lasciamo da parte l’efficienza del recuperatore del calore ( ovviamente > del 75% ), parliamo di efficienza elettrica delle VMC in generale. Per il Passivhaus Institut una VMC di qualità deve avere un’efficienza elettrica inferiore a 0,45 W ora/mc aria. Ma dove si legge questo dato di efficienza elettrica della VMC Wh/mc aria (oppure Watt/(mc aria /h) ?

efficienza elettrica

Questo dato è riportato nell’allegata Omologazione dal DIBT (Deutschen Institut fuer Bautechnik – Istituto tedesco per la tecnica delle costruzioni) documento in lingua tedesca, o bisogna calcolarselo.

La mia VMC preferita, quella tedesca, di cui non faccio il nome, ma comincia per M e finisce per eltem 😉 con scambiatore di calore in alluminio, e 2 ventilatori radiali riporta tutti i dati che vorreste conoscere (vedi sopra):

I dati tecnici della VMC freeAir riportano i consumi di corrente elettrica in base alle portate d’aria orarie:

quindi se vogliamo calcolare l’efficienza elettrica basterà prendere il pallottoliere o una potente calcolatrice o domandare ad Alexa di dividere i 4W per i 20mc aria ora e ottenere 0,20 W ora/mc aria: noterete che anche alla massima portata di 100mc aria ora la VMC consuma solo 38W quindi 0,38 W ora/mc aria (che è sempre inferiore a 0,45).

Quando la VMC è in sola meditazione e sta annusando l’aria di casa vostra vi consumerà 1 Watt, forse meno della televisione che sta lì a far nulla aspettando sera.

Concludo ricordando che una VMC non si installa perchè avete la CasaClima, perchè abitate in classe A, perchè l’ha detto il termotecnico, o perchè avete la muffa in casa. Si installa perchè dobbiamo respirare, perchè l’aria è un diritto.


lettura senza banner pubblicitari grazie alla generosità dei lettori – dona anche Tu 😉 sostieni l’informazione attraverso espertocasaclima.com!


federico_sampaoli_espertocasaclimacom  ipha_member

articolo ideato, scritto e diretto da Federico Sampaoli, impegnato a favore delle persone, del comfort e dell’open information, titolare e caporedattore di espertoCasaClima – blog di informazione e comunicazione

Il mio profilo LinkedIn

Entra anche Tu nella lista dei sostenitori del Blog espertoCasaClima :

Visita il profilo di federico su Pinterest.

Benvenuta VMC decentralizzata intelligente

Leggi questo articolo grazie alle donazioni dei lettori Ignazio Simone Boragina, Luca Alunni, Federica Sanna, Daniele Amato, Daniele Bertollo. Partecipa anche Tu, sostieni l’informazione attraverso espertocasaclima.com!


Se siete già convinti di installare una VMC decentralizzata ma siete indecisi sulla tipologia di macchina, questo è l’articolo dedicato a voi….   e io sono di parte naturalmente – dalla vostra parte!

Se una decina d’anni fa si sentiva parlare di macchine per ventilazione con recupero di calore solamente per edifici con elevata Classe energetica, oggi, direi che l’argomento VMC sia molto più diffuso. Non è più solo la Classe A che vuole un impianto VMC, è la classe media!  E’ il popolo!  Siamo tanti.

Non so se la VMC sia nata per far quadrare il bilancio energetico di un edificio a basso consumo (quindi per contenere le perdite per ventilazione) oppure per migliorare la qualità dell’aria interna. Non lo so.
Per i progettisti ottenere un minor fabbisogno termico per riscaldamento è un traguardo importante, specialmente dopo gli sforzi fatti per un involucro ben isolato – ma per tutti noi?

che importanza ha una VMC?

L’aria è o non è quella cosa di cui non possiamo fare a meno? La VMC sarà anche stata inventata per far tornare i conti, ma a noi serve un ambiente con aria migliore. Una CO2 più bassa e un’ umidità interna sotto controllo sono veramente la base del comfort indoor. Non possiamo pensare di vivere ambienti con finestre sigillate come se nulla fosse.

Allora? come scegliere? quale VMC ordinare? con quale criterio fare i giusti confronti?

Ho la convinzione che la VMC decentralizzata sia un argomento proprio utile al popolo, a tutti: di questi tutti ovviamente c’è la piccola percentuale di fortunati che costruiscono la loro casa da zero e allora quasi certamente s’informeranno per una VMC centralizzata (macchina, collettore, canalizzazioni, silenziatori ecc.).

A noi appassionati di aria, con casa già fatta, non resta che studiare il posizionamento migliore possibile tenendo conto di

  • struttura esistente,
  • reali possibilità di eseguire fori sulle murature esterne,
  • mobilio interno
  • necessità diverse di tutti gli ambienti
  • preferenze personali
  • abitudini e orari dei familiari.

La VMC decentralizzata con le migliori caratteristiche è senza dubbio quella con scambiatore di calore con flusso incrociato o controcorrente, non economica come una VMC a tubo e flusso alternato, ma sicuramente con un’offerta di filtri aria valida e un principio di funzionamento non del tutto concentrato sull’economicità dei pezzi.

Ma evitiamo di parlare di tutte queste differenze, che poi ho già affrontato in altri articoli e in centinaia di risposte ai commenti dei lettori. Vorrei arrivare ad un altro punto oggi: avete letto vecchi post miei? saprete già come la penso allora:

  • per me la migliore VMC è sempre stata quella tedesca, di cui non faccio il nome, ma comincia per M 😉 e dispone di uno scambiatore di calore in alluminio, flusso incrociato, elevata silenziosità, una bellissima varietà di filtri a prezzi pagabili e – cosa più importante di tutte – brevemente canalizzabile:

Con un po’ di fantasia e un progetto un po’ ardito, possiamo gestire fino a 4 ambienti vicini con 1 sola VMC!

Ci risiamo con i canali direte voi…

Sono anch’io contro le canalizzazioni, la sporcizia, e la manutenzione a pagamento, ma qui si tratta di qualche metro (tutto dipende dalla disposizione dei vani ovviamente) e ne vale la pena: riusciamo a creare un flusso d’aria correttamente progettato ed evitiamo che la VMC lavori in un solo punto della casa. Ne vale la pena.

Come ho detto, tutto dipende dalla disposizione dei vani:

  • a casa mia sono riuscito a piazzare una VMC in cameretta, da lì ho portato mezza mandata sempre in cameretta (80cm.) e mezza mandata in camera (1,8m.). Tra le due camere c’è un bagno e qui ho predisposto mezza ripresa (80cm.). Per non perdere il ritmo, con coraggio ho portato l’altra mezza ripresa fino all’altro capo della cameretta sbucando in un angolo della zona giorno (4,5m.). La disposizione dei vani mi ha certo favorito, ma ogni casa può offrire dei colpi di fortuna. Basta pensarci, basta iniziare a progettare.

Ora non fatevi idee strane… che con poco più di mille €uro di una sola VMC standard si possa ottenere una sorta di impianto centralizzato e da settembre ad aprile non aprire più le finestre: dobbiamo comunque ricorrere alla ventilazione manuale con la periodica apertura delle finestre, non abbiamo 25mc aria/ora per persona disponibili, ma quando non lo facciamo la CO2 arriva a 700 800 anche 1000 parti per milione, ma non arriviamo agli estremi come 1800 o oltre i 2000 ppm. Inoltre, il livello di umidità interno è sempre sotto controllo e l’umidità del bagno lentamente se ne va. Niente muffe e buon comfort.

Scelta della macchina:

oltre che nel modello standard, la mia VMC preferita esiste con radiotelecomando, con display, con diversi programmi, con gestione basata su umidità, CO2, oppure orari, oppure temperature esterne. Insomma potete scegliere tra modelli diversi e passare le giornate ad impostare, comandare, controllare, giocare con la VMC.

Per come la penso io, i soldi non crescono sugli alberi, quindi sono sempre favorevole ad uno studio attento della installazione e all’acquisto del modello standard: la accenderete o la spegnerete, punto! Di norma parte a fine estate e si spegne a maggio. Magari passerete da velocità 1 a velocità 2, a volte 3. Non serve altro.

Vi sembro sempliciotto? so accontentarmi della semplicità. Voi no? non dovete fare quello che ho fatto io.

E vi capisco in pieno! Siete disposti ad affrontare lavori in casa, sporco e rumore per avere finalmente una ventilazione che funzioni e vi dovreste accontentare di 2 ventilatori radiali (6-10) e 2 interruttori stile Krups 1975 (9)? Noooo, mai accontentarsi!

Forse vorreste una VMC più tecnologica, e monitorare e interagire con l’unità tramite App o PC, vedere e archiviare tutti i dati raccolti dagli 8 sensori di controllo – questo sì che è coooool:

Magari desiderate una VMC con un suo cervellino, che analizzi la concentrazione di CO2, la temperatura esterna, quella interna, il livello di umidità e altri parametri per modulare in automatico la portata d’aria. E magari vorreste anche eliminare i canali di mandata (per avere la certezza assoluta di pulizia e salubrità nel corso degli anni).

Si tratta di una VMC interessante proprio per il suo bagaglio di tecnologia (è standard, la macchina nasce superdotata): si occupa della completa gestione dell’aria di casa: insomma qui non c’è solo hardware, c’è anche software.

Magia? Come si potrebbero eliminare i canali di mandata?

 Questa VMC gestisce gli ambienti con l’astuzia: sfrutta la depressione generata dai canali di estrazione.  Certo, anche i canali di estrazione si sporcano a lungo andare e se non lo sapete perchè non avete esperienza, vi dico che le riprese sono ben più sporche delle mandate. So che sembra strano, ma un filtro su una bocchetta di ripresa è ben più sporco di uno analogo posizionato sulla mandata (la mandata è già filtrata all’origine, dalla macchina, la bocchetta di ripresa invece succhia tutto quello che trova in casa: pensate all’ aspirapolvere, se ancora lo usate).

 

Dicevo che questa VMC sfrutta la depressione generata dai canali di estrazione, possiamo progettare fino a 5 riprese di cui 4 canalizzate (come sempre… la facilità o la complicazione d’installazione dipende dalla disposizione dei vani), ma senza spaccarci la testa per progettare infinite canalizzazioni di estrazione (magari impossibili da mettere in pratica) possiamo installare qualche unità interna di trasferimento:

 

L’unità interna di trasferimento, posizionata in alto (dove l’aria è più calda e più umida) sopra l’architrave di una porta di una camera per esempio, estrae dalla stanza l’aria e questa depressione richiama aria fresca all’interno. Ecco che il ricambio è fatto.

Queste unità di trasferimento non sono semplici ventilatori! anche qui c’è hardware ma anche software: l’unità interna, grazie al suo sensore VOC, regola automaticamente il flusso d’aria analizzando la concentrazione di CO2. Se non è in aumento significa che nella stanza nessuno è presente e il volume di ricambio d’aria scende. Idem accade se il sensore dell’umidità registra una variazione, oppure se la temperatura sale.  Non è cosa di tutti i giorni avere un’unità interna con regolazione intelligente in ben 5 modalità di comfort.

Se come me siete sensibili all’udito forse l’idea di installare un’unità di trasferimento in ogni camera vi spingerà a lasciar perdere tutto e non scegliere questo impianto decentralizzato, ma posso assicurare che la pressione sonora generata dal passaggio di ben 30mc/ora è molto contenuta: solo 13 dB.

La fonte di rumore è comunque lontana dalla testiera del letto e questo aiuta il silenzio.

 

Ma una VMC così intelligente riesce a lavorare anche d’estate?

Oltre le leggi della fisica non si può andare, mettiamocela via, ma questa macchina di ventilazione, possiamo dire, lavora tutto l’anno: estate e inverno, come i pneumatici all seasons, in modo totalmente automatico:

  • appena la temperatura esterna risulta superiore alla temperatura interna, il software attiva il Bypass dello scambiatore di calore in modo che l’aria di mandata non recuperi nessun calore
  • se il clima, o la stagione, cambiano, automaticamente il software disattiva il Bypass dello scambiatore di calore.

Noi comunque possiamo sempre intervenire e scegliere tra i 19°C e i 26°C come impostazione temperature del periodo estivo. Siete degli smanettoni? potete monitorare tutti i dati salvati dal software mese per mese. Così un’altra fetta del vostro infinito tempo libero sarà definitivamente erosa 😉

In un prossimo articoloVMC very cool anche d’estate” parleremo di una funzione estiva molto interessante chiamata Turbo-Cool. Sembra un nomignolo da frigoriferi, come super-frost, roba da battere i denti! Un’ennesima dimostrazione che questa VMC è assai intelligente, e infatti è cool!

In ogni caso la VMC dà il meglio di sè d’inverno ed è campionessa di consumi: qui bisognerebbe aprire un capitolo a parte per parlare di

  • efficienza del recuperatore di calore (che è un valore %)
  • efficienza elettrica della vmc (un valore espresso in Wh/mc)

Tratterò l’argomento in un post successivo VMC decentralizzata che consuma poco e rende molto“, per oggi accontentatevi di sapere che il Passiv House Institute di Darmstadt ha premiato questo marchingegno.

 

Se già eravate confusi sul tipo di VMC da installare in casa vostra, ora lo sarete ancora di più, ma è proprio l’approfondimento dell’argomento che vi porterà alla chiarezza e ad una certa consapevolezza. Oggi vi ho parlato di una VMC decentralizzata più intelligente del normale, frutto di un’idea di progettazione più sofisticata e forse più adatta ai vostri sogni di “casa intelligente“.

In un prossimo articolo “Installazione di una VMC molto intelligente” analizzeremo le modalità di posa nella parete per capire quanto invasivo sia predisporre le forometrie necessarie. Purtroppo fare lavori come questi a casa finita è fastidioso. Ma in un paio di giorni si inizierà una nuova vita e ci si dimenticherà in fretta della polvere e del giorno del cantiere.

Vedremo anche le tipologie di filtri, tanto per avere un quadro completo: “VMC intelligente e filtri alla sua altezza?“.

Nel frattempo godetevi questo video per vedere la macchina in funzione:


lettura senza banner pubblicitari grazie alla generosità dei lettori – dona anche Tu 😉 sostieni l’informazione attraverso espertocasaclima.com!


federico_sampaoli_espertocasaclimacom  ipha_member

articolo ideato, scritto e diretto da Federico Sampaoli, impegnato a favore delle persone, del comfort e dell’open information, titolare e caporedattore di espertoCasaClima – blog di informazione e comunicazione

Il mio profilo LinkedIn

Entra anche Tu nella lista dei sostenitori del Blog espertoCasaClima :

Visita il profilo di federico su Pinterest.