2 thoughts on “accumulo-100-litri-per-acqua-calda-sanitaria

  1. Federico Sampaoli Post author

    NON deduco in che zona sia l’edificio, ma La clientela di un b&b non è abituale come quella di un hotel, dunque mi sentirei di consigliare (senza conoscere l’involucro e il suo isolamento) una condensazione con produzione istantanea di ACS. Vi permette di evitare l’acquisto dell’accumulo, evitare di mantenere la caldaia accesa in giornate senza prenotazioni, evitare spese di gas per mantenere l’accumulo caldo. Due docce contemporaneamente soffrono un po’ per la poca pressione dell’acqua più che per la scarsa potenza a disposizione (parlo per esperienza personale). Dovrete trovare una frase carina per avvertire i Vostri ospiti, ma non sarà un grave problema!
    Bisognerebbe impostare la temperatura dell’acs all’esatta temperatura della doccia, ma se la pressione risulta troppo scarsa si deve alzare e poi miscelare!

  2. antonio

    vorrei realizare un b&b al piano terra della mia abitazione provvisto di due camere da letto matrimoniali con bagno e di un salone con angolo cottura.
    pensavo all’istallazione di una caldaia per la produziane di acqua calda sanitaria e riscaldamento dei termosifoni.
    chiedevo se per far funzionare entrambe le doccie nello stesso istante e magari usare acqua calda in cucina fosse necessario l’uso di un accumulatore di acqua calda sanitaria o se ci sono altre tecnologie in commercio per le mie necessità?????
    sapete consigliarmi qualche ditta o modello????

    grazie 1000

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>