Archivi categoria: soluzioni edli

Il sogno di una casa in EPS, calcestruzzo e acciaio

L’idea di acquistare un appartamento in classe energetica A o ad energia quasi zero è il sogno di molti. Il vecchio appartamento poco efficiente e con caratteristiche che ormai non piacciono più si venderà, magari a prezzo basso, ma si venderà.

L’idea di entrare in un edificio nuovo è allettante! tutto nuovo, tutto funzionante, moderno. Da fuori ci piace, il prezzo lo possiamo affrontare. Bene! ma sappiamo con cosa è stata fatta la nostra futura residenza?

Visto che i mattoni sono passati di moda, almeno informiamoci sulla tecnica costruttiva adottata e sulla qualità dei materiali usati! non lasciamoci accecare dalle prestazioni energetiche. informiamoci!

Forse l’appartamento dei vostri sogni è stato fatto con sistemi costruttivi ad armatura diffusa. Per chi non è del mestiere queste 4 parole profumano di soluzioni innovative, elevate prestazioni ed elevata resistenza sismica.

In effetti è un sistema innovativo, non ha proprio niente a che fare con i mattoni:

Con questo sistema le pareti e i solai si costruiscono con l’EPS (polistirene espanso sinterizzato).

Si preparano casseri isolanti e dentro ci saranno calcestruzzo e acciaio: ecco fatte le pareti.

Il solaio impiega l’EPS come componente leggero, facile e veloce da movimentare.

E’ una cosa buona costruire gettando cemento armato tra due lastre in polistirene espanso sinterizzato? E’ almeno economico?

Ho letto che nei prezzari delle opere edili i prezzi (che escludono posa e fornitura del calcestruzzo e dell’acciaio di armatura) si aggirano sugli 88€/mq. Ovviamente si può decidere di isolare di più o di meno e per ogni cm in più di EPS si pagheranno altri 2€/mq.

Nel caso di solai, costituiti da pannelli cassero in polistirene espanso sinterizzato (EPS) da gettare in opera si parla di 55 €/mq.

Pochi sono in grado di confrontare prezzi e costi mancanti e qui non siamo a parlare dei metodi costruttivi per vedere quale costa di meno. Ho portato sotto i vostri occhi questo argomento per ricordare a tutti di informarsi bene su cosa si sta acquistando!

Un materiale non vale l’altro!

Vivere in una casa di polistirolo e cemento armato forse non fa per voi come non farebbe per me, e capirlo in ritardo potrebbe obbligarvi ad accettare di vivere in un sistema costruttivo diverso da quello dei vostri sogni.

Non dovete per questo acquistare una casa in legno, oppure una casa in laterizio ad alte prestazioni, ma dovete scegliere, e per scegliere dovete informarvi il più possibile.

Avete già letto decine di computi metrici e non ci capite nulla? Posso aiutarvi io.

            

lettura senza banner pubblicitari grazie alla generosità dei lettori – dona anche Tu!

+ involucro - impianti copyright

federico_sampaoli_espertocasaclimacom  ipha_member   articolo ideato, scritto e diretto da Federico Sampaoli, impegnato a favore delle persone, del comfort e dell’open information, titolare e caporedattore di espertocasaclima.com – blog di formazione e comunicazione online dal 2009.

Se vuoi conoscere il mio profilo LinkedIn

Entra anche Tu nella lista dei sostenitori del Blog espertoCasaClima :

Visita il profilo di federico su Pinterest.

Pastellone, un rivestimento con basso spessore salubre

A volte si prevede come strato di finitura del pavimento qualcosa di più sottile rispetto ad una piastrella o un legno – alcune volte proprio per problemi di quote, altre per ottenere una superficie orizzontale liscia ed uniforme. Subito si pensa alle resine e alle miscele che prendono il nome di microcemento.

Esiste anche un rivestimento più naturale!

pastellone-rivestimento-cementizio-basso-spessore-salubre-01

il pastellone è una antica tecnica veneziana, infatti si usava come rivestimento per le case lagunari. Ma che materiali ci sono nella miscela del pastellone? Continua a leggere

Contenuto COV Pitture per pareti e soffitti interni

Spesso il committente scopre verso la fine del cantiere, o a lavori conclusi, che l’intonaco interno poteva essere un impasto migliore, più igroscopico, più traspirante e più attento alla salubrità dell’ambiente. Il materiale dell’intonaco stesso poteva essere una miscela antibatterica naturale resistente alla formazione di muffe e batteri.

Non si può più tornare indietro, gli intonaci sono dati.

Siamo però ancora in tempo per decidere o cambiare la finitura e trattandosi di finitura interna, a maggior ragione, dovrà essere salubre. Per salubre intendo qualcosa che non porti altri veleni in casa.

contenuto-cov-pitture-opache-pareti-soffitti-interni-02

L’ambiente interno può già contenere molte cose che non giovano alla nostra salute (dalla candela profumata, fino al detergente per il bagno), sforziamoci di stare attenti nella scelta delle finiture interne: parliamo di molti metri quadrati, dunque è un aspetto veramente importantissimo! Continua a leggere