Archivi categoria: e-auto

Autostrada o treno? gomma o rotaia? diesel o elettricità?

Ieri ho fatto Merano Padova nel tardo pomeriggio. In auto sì, perchè Trenitalia propone un viaggio in treno con 2-3 cambi per una durata minima di 04h 05′ o 04h 57′. Come si fa ad andare a Merano e tornare in giornata se devi passare almeno 10 ore in viaggio?

Un viaggio tutto in sorpasso  quello di ieri, fino alla Milano Venezia, perchè a destra c’era una colonna infinita (150km) di camion.

Più TIR passavo e più pensavo che il trasporto su gomma ha vinto su tutto, alla faccia del treno.

Forse mio figlio un giorno guiderà nello stesso tratto autostradale superando camion elettrici. Avete visto cosa sta lanciando Elon Musk per il 2019?

Veicoli commerciali che possono trasportare fino a 36 tonnellate: la motrice Tesla Semi.

Ma guarda te, le idee… a volte abbiamo la soluzione sotto il naso e non la vediamo (e vale anche in un cantiere):

  • il sedile di guida è in centro e non ai lati della cabina.

Questa scelta permette di avere una visuale completa e a Tesla di produrre una sola versione del suo camion, per tutti i paesi, indifferentemente dalla guida a destra o sinistra. Ma guarda te, le idee…

Elon Musk parla ovviamente di risparmio sui costi al chilometro – diesel contro elettrico – qui si aprirà un dibattito infinito, ma meglio aprire qualcosa che chiudere il naso perchè non si respira.

            

lettura senza banner pubblicitari grazie alla generosità dei lettori – dona anche Tu!

+ involucro - impianti copyright

federico_sampaoli_espertocasaclimacom  ipha_member   articolo ideato, scritto e diretto da Federico Sampaoli, impegnato a favore delle persone, del comfort e dell’open information, titolare e caporedattore di espertocasaclima.com – blog di formazione e comunicazione online dal 2009.

Se vuoi conoscere il mio profilo LinkedIn

Entra anche Tu nella lista dei sostenitori del Blog espertoCasaClima :

Visita il profilo di federico su Pinterest.

Hypermiling è una forma di risparmio energetico, come in auto così a casa

Quando si tocca l’argomento auto elettrica – provateci anche voi – si viene investiti da queste tre critiche: le auto elettriche costano troppo, si ricaricano in tempi troppo lunghi, hanno un’autonomia ridicola.

Autonomia, autonomia… dipende da come si guida 😉

Come la casa, chi la abita è in gran parte responsabile delle bollette.

Se sprechi in auto, sicuramente sprechi anche a casa e al lavoro. Se ti affascina il basso consumo, questo ti affascina ovunque e difficilmente lascerai lo schermo del computer acceso per tutta la pausa pranzo perchè poco t’importa.

Io guido già da record, nel senso che in ogni spostamento sfido me stesso a consumare meno. Sono anni che faccio questo giochetto, ormai non mi riesce nemmeno più di consumare meno di meno, è già troppo meno – meno di così non ci riesco.

Pratico da anni la così detta hypermiling.

Il desiderio di avere sotto il sedere un’auto ibrida era in buona parte dettato da questa voglia di ricominciare la sfida con me stesso, vedere dove potevo arrivare. Beh, non ho ancora un auto ibrida. Magari non l’avrò mai (è la mia speranza).

Come dice mia mamma – “attento ai tuoi desideri, potrebbero anche avverarsi!”-

Ma torniamo alle 3 comuni critiche all’auto elettrica: l’ultima si riassume in “autonomia ridicola”.

E’ innegabile, 300-500km sono scarsi, più che abbondanti ogni santo giorno, ma qualche volta veramente stretti: pensate alla terribile situazione di voler tornare a casa da chi sa dove e non farcela! Un viaggio lungo, magari di vacanza, invece, credo si possa ben programmare. Altre App App App. Vita da App.

Dunque l’autonomia dell’auto elettrica in genere è scarsa (o scarsissima), ma guidando meglio non si può arrivare più lontano? Chi mi ride in faccia parlando di Tesla, io lo guardo pensando – ce l’avessi io una Tesla, farei 900km con una carica, e non 300-500km.

Ovviamente non ho esperienze, ma se spingo il mio vecchio macinino a benzina fino a oltre 800km con un pieno, immaginate cosa riuscirei a fare immerso in un bagno di App al volante di una Tesla. 900km, cosa dico? 1.100km! Mi-ni-mo.

Elucubrazioni energetiche.

Ho letto su electrek buone notizie:

  • molti proprietari di Chevy Bolt EV fanno ben di più delle 238 miglia previste, anche 300 miglia! (The Bolt EV doesn’t need hypermiling records to make its range look good).
  • test di hypermiling con la sconosciuta Opel Ampera E hanno mostrato autonomie di oltre 750km.

Non siamo affatto abituati a ragionare in Wh/km, ma lo saranno i nostri figli. La nostra testa è fatta per km/litro oppure per litri/100km ed è in effetti più facile e visivo rappresentarsi nella fantasia che una bottiglia di benzina ci ha permesso di fare 20km oppure all’inverso che 5 bottiglie sono state consumate per fare 1 centinaio di km.

Pensare ad un Wh è invece impossibile, è troppo astratto! L’unico modo per materializzare i kWh che consumeranno le nostre future e-auto sarà immaginare le monetine da 20 centesimi che rappresentano il costo dell’energia.

Ma se attaccate alla spina del vostro garage l’auto elettrica per ricaricarla, quanto immaginate che costi il kWh? Vietato consultare l’ultima bolletta! Prima ditemi quanto costa un kWh così a naso, poi consultate la bolletta. Credo che nell’immaginario di tutti il prezzo sia 0,20-0,30 €/kWh, invece se si analizza la bolletta in dettaglio si può scoprire il costo medio unitario dell’energia….. che è ben più alto! molto più alto! molto!

Un motivo in più per guidare sempre in stile hypermiling – è una forma di risparmio energetico! una forma attiva se la confrontiamo con una casa passiva.

Allora? quanto pagate il kWh voi? spiate nella bolletta: solitamente il dato è riportato al primo paragrafo della pagina 3. Fatemi sapere…

lettura senza banner pubblicitari grazie alla generosità dei lettori – dona anche Tu!

+ involucro - impianti copyright

federico_sampaoli_espertocasaclimacom  ipha_member   articolo ideato, scritto e diretto da Federico Sampaoli, impegnato a favore delle persone, del comfort e dell’open information, titolare e caporedattore di espertocasaclima.com – blog di formazione e comunicazione online dal 2009.

Se vuoi conoscere il mio profilo LinkedIn

Entra anche Tu nella lista dei sostenitori del Blog espertoCasaClima :

Visita il profilo di federico su Pinterest.

Rallentare il traffico

Starò anche invecchiando, ma la velocità mi sembra roba da anni ’80 e non viviamo più negli anni ’80.

Correre è maleducato nei confronti dei passanti, delle biciclette e delle finestre aperte delle case che affacciano sulla pubblica via.

Inutile vantarsi di avere una casa con tripli vetri, isolamento termico e acustico, consumi di energia irrisori, targhetta energetica appiccicata vicino all’ingresso se il contesto e il giardino sono guastati dalla velocità del traffico.

Come convincere i maleducati ad alleggerire il piede del gas?

Li ho volutamente chiamati maleducati, so benissimo che sono “gli sportivi” (da guida sportiva).

Sì anch’io ho avuto vent’anni, anch’io ho corso ogni tanto, ma erano altri tempi, era verso la fine dei “ trenta anni gloriosi ”. Un’epoca insolitamente prospera. Fra il 1900 e il 1950 l’economia europea viaggiava con un tasso di crescita dell’1% all’anno; tra il ’50 e il 1973 a un tasso del 4,1%…

Comunque sia, oggi, cosa si potrebbe fare per convincerci a rallentare un po’, alzare meno polvere, rispettare di più gli altri?

Già un minore sollevamento e produzione delle polveri sottili sarebbe una enorme gratifica – o no?

Dobbiamo costruire ancora dossi in cemento o plastica? come nella nostra ex Colonia Somala dove sembrava di cavalcare le auto tanti erano i salti? dobbiamo mettere ovunque Carabinieri con le mitragliette stile anni ’90?

Qualcuno è andato oltre (a qualcuno le idee non mancano):

Dite la vostra, ve ne prego, l’articolo 21 è scritto proprio perchè ” Tutti abbiano diritto di manifestare liberamente il proprio pensiero con la parola, lo scritto e ogni altro mezzo di diffusione “.

            

lettura senza banner pubblicitari grazie alla generosità dei lettori – dona anche Tu!

+ involucro - impianti copyright

federico_sampaoli_espertocasaclimacom  ipha_member   articolo ideato, scritto e diretto da Federico Sampaoli, impegnato a favore delle persone, del comfort e dell’open information, titolare e caporedattore di espertocasaclima.com – blog di formazione e comunicazione online dal 2009.

Se vuoi conoscere il mio profilo LinkedIn

Entra anche Tu nella lista dei sostenitori del Blog espertoCasaClima :

Visita il profilo di federico su Pinterest.

Alla scoperta del 3 cilindri

Se nel 2030 ci saranno 160 milioni di auto elettriche (il 10% del totale), gli utenti vorranno monitorare i propri consumi e gestirli in base ai costi del kW e ai carichi ed esigeranno tante stazioni di ricarica sulla rete stradale. Controllare il carico sulla rete diventerà una vera priorità.

hyundai-ioniq-sensazione-guida-auto-elettrica-06

Oggi le quasi 2milioni di e-auto in tutto il mondo hanno il solo problema dei punti di ricarica, troppo rari e non comodamente raggiungibili.

Mentre per un edificio ben coibentato, in classe A, o migliore, è molto facile eliminare il gas e la caldaia a metano installando un impianto a pompa di calore che si occupi del riscaldamento e della produzione di acqua calda sanitaria, per un’auto moderna non è facile dare un calcio al motore termico per viaggiare sempre in elettrico: Continua a leggere

Dopo tanto diesel, tanto elettrico con Vehicle to Grid V2G?

Se Snam si ripropone di realizzare 300 nuovi distributori di metano per arrivare a quota 1.500 e l’Unione Petrolifera consiglia 15.000 distributori in tutta Italia, il 10% di distributori offrirà il metano. Tutti a metano allora?

diesel-auto-elettrica-metano-ricarica-vehicle-to-grid-v2g-04

Enel vuole installare 12.000 colonnine elettriche, le e-auto oggi sono circa lo 0,06% del parco circolante (quelle a metano l’ 1,42%).

L’enorme 56% rappresentato dai diesel oggi, che auto diventerà dopo la sostituzione?

diesel-auto-elettrica-metano-ricarica-vehicle-to-grid-v2g-07

Se anche in Italia si decidesse per il sistema Vehicle to Grid (V2G), con l’ azzeramento dei costi del kW, io farei sicuramente un pensierino sull’auto elettrica pur non disponendo di un bel garage come questo:

diesel-auto-elettrica-metano-ricarica-vehicle-to-grid-v2g-06

con un cavo per la ricarica elettrica sul lato sinistro:

diesel-auto-elettrica-metano-ricarica-vehicle-to-grid-v2g-05

Ma in questo paese di poca strategia nazionale, qual’è la Strategia Energetica Nazionale?

diesel-auto-elettrica-metano-ricarica-vehicle-to-grid-v2g-03

Voi sapete che cos’è la sigla V2G?

diesel-auto-elettrica-metano-ricarica-vehicle-to-grid-v2g-02

V2G è la tecnologia che consente di sfruttare le batterie delle auto elettriche per accumulare energia, una specie di generatore di emergenza in caso di black out, in verità è uno stabilizzatore dei sistemi elettrici dove l’eolico e il fotovoltaico non sono equilibrati. Un’auto elettrica collegata alla rete ha un ruolo importantissimo: contribuisce a stabilizzare la rete: Se tutte le reti elettriche avessero migliaia di batterie auto collegate, io non me ne intendo, non solo la rete sarebbe stabile: la rete elettrica sarebbe inespugnabile! Non voglio fare scenari di guerra, io non credo alla guerra, ma una rete con tanti piccoli porcellini salvadanaio è sicuramente una garanzia.

diesel-auto-elettrica-metano-ricarica-vehicle-to-grid-v2g-01

Avete mai sentito parlare del fidanzamento Enel e Nissan che produce l’auto elettrica più brutta del mondo, LEAF? Il loro fidanzamento è esattamente un sistema Vehicle-To-Grid (V2G): le e-car Nissan LEAF rappresentano delle mini centrali capaci di accumulare e rimettere in rete l’energia non utilizzata. Quindi c’è una gestione bidirezionale della carica grazie all’ integrazione delle e-auto nella rete elettrica nazionale.

Vista così, l’auto elettrica non è solo la nostra prossima auto, è la chiave per gestire efficientemente le linee elettriche nel futuro.

Il sistema Vehicle-to-Grid di ENEL e Nissan è già sperimentale in Danimarca, Olanda e Germania. A quei paesi chiederei, ma se Enel mi scarica la batteria della Nissan per stabilizzare la rete, io come faccio a partire per le vacanze? Ma io sono un asino in Vehicle-To-Grid.

nissan leaf esperto casaclima

Vi sta venendo voglia di Nissan LEAF, l’e-auto più brutta al mondo? Questa LEAF consuma 15kWh/100km, cominciamo ad abituarci a questi numeri! in futuro dovremo capirci pur qualcosa di consumi elettrici per confrontare qualche e-auto, non basta più ricordare che 4litri/100km sono pochi e 8l/100km sono tanti.

Con un canone mensile da 299 euro per 36 mesi è possibile avere la Nissan LEAF, l’auto elettrica più venduta al mondo e la Enel box station per la ricarica domestica compresa d’installazione. Sembra allettante questo titolone sul sito di Enel! Peccato che sia solo metà della verità! Se si legge la pagina, con più attenzione, ahimè, scoprirete che è disponibile sì a un canone mensile a partire da 299 euro al mese, ma anche più un anticipo!!! è non è dato questo importo! si deve cacciarlo! avanti google! alla riscossa!

E la vostra strategia energetica personale o familiare qual’è?

smettere di andare in auto? è possibile, non dubitate. C’è chi smette di fumare, chi smette di bere e chi smette di andare in auto. Leggete “Minima pedalia di Emilio Rigatti“, questo manuale di diserzione automobilistica mi è stato prestato dall’ing Lorenzo Sartoratti, probabilmente uno dei tanti caduti, o pochi, sotto i colpi del racconto.

            

lettura senza banner pubblicitari grazie alla generosità dei lettori – dona anche Tu!

+ involucro - impianti copyright

federico_sampaoli_espertocasaclimacom  ipha_member   articolo ideato, scritto e diretto da Federico Sampaoli, impegnato a favore delle persone, del comfort e dell’open information, titolare e caporedattore di espertocasaclima.com – blog di formazione e comunicazione online dal 2009.

Se vuoi conoscere il mio profilo LinkedIn

Entra anche Tu nella lista dei sostenitori del Blog espertoCasaClima :

Visita il profilo di federico su Pinterest.

La Hyundai Ioniq non regala la sensazione di guidare un’auto elettrica

In un precedente articolo descrivevo come ho rotto il ghiaccio sull’argomento “auto ibrida” (potete leggerlo integralmente qui). Finchè la rete di ricarica italiana resta scarsa mi sembra corretto passare all’ hybrid anzichè all’elettrico! Per questo 2017 il mio sogno di viaggiare 100% elettrico resterà un sogno, così ho prenotato un test drive alla Toyota:

ecco la CH-R 1.8 Hybrid 2WD che mi aspettava.

auto-benzina-prima-hybrid-toyota-ch-r-18-2wd-02

con i suoi ruotoni (pneumatici 225/50 R18)

auto-benzina-prima-hybrid-toyota-ch-r-18-2wd-05

L’emozione della prima Hybrid sotto il sedere ha azzerato le mie perplessità sull’auto ibrida. Questa Toyota CH-R 1.8 Hybrid regala la netta sensazione di guidare un’auto elettrica…, aiutata da un motore a benzina. 

E in fondo, l’ Hybrid, significa anche libertà e indipendenza dalle rare stazioni di ricarica.

Quando scrivevo quell’articolo ne ero convinto: la mia prossima auto non sarà una Tesla Model 3, ma sarà certamente un’ Hybrid!

Ma quale? Ormai siamo alla festa del Papà, la primavera avanza a grandi passi, è tempo di decidersi!

hyundai-ioniq-sensazione-guida-auto-elettrica-08

Ho prenotato un nuovo test drive, questa volta è la Hyundai Ioniq a essere sotto esame: e come dice il titolo di questo articolo, la Hyundai Ioniq non regala la sensazione di guidare un’auto elettrica… ma tanti altri piaceri!

hyundai-ioniq-sensazione-guida-auto-elettrica-04

Pulita, più sobria e rilassante della provocante Toyota CH-R 1.8 Hybrid. Si sale in basso invece che in alto (nessun effetto SUV) ma il posto guida è perfetto! Mani sul volante, sensazioni di buone plastiche e tutto diverso dalle altre Hyundai (se le conoscete).

hyundai-ioniq-sensazione-guida-auto-elettrica-09

La partenza non stupisce come in Toyota CH-R, parte il motoraccio immediatamente, che delusione! Così è e così si va. E’ una continua lotta con il pedale del gas: tu vuoi far bene, vuoi dare il meglio di te, ma subito riparte il motoraccio. Insomma, io che vorrei  anestetizzare il 4 cilindri in linea 16 valvole DOHC per spremere con dolcezza la batteria non riesco a domare il cervellone Ioniq che è fatto così: l’elettrico aiuta il 1.580 cc e non viceversa come in Toyota. Intanto mi sono mangiato qualche chilometro di prova e con la Ioniq ho già fatto amicizia: sui difetti dell’asfalto vola, i dossi e i rallentatori vengono letteralmente spianati. Se non è una magia, dev’essere il suo passo (2.700mm). La Ioniq liscia le strade, è facile fare amicizia! Ripeto che il posto guida è perfetto.

hyundai-ioniq-sensazione-guida-auto-elettrica-02

La cosa più divertente della Ioniq cosa può essere? Beccare tutte le buche e i tombini possibili? No, la cosa più divertente è spremerla!

hyundai-ioniq-sensazione-guida-auto-elettrica-03

Ovviamente con una lunghezza di 4.470mm, una larghezza di 1.820 e una massa a vuoto di 1.370kg questa auto non è uno spiderino, ma il cambio automatico a doppia frizione a 6 rapporti in selezione sport trasforma le delusioni in passioni, e non vorresti più scendere, mai più scendere! La cosa più bella della guida in sport è anche il fatto che il cervellone Ioniq non tiene su di giri il motore in modo idiota (stile Audi in sport) solo perchè il pilota ha selezionato sport, infatti appena il piede diventa leggero e la guida più sobria il motore diventa docile quasi quanto la guida in eco, però è subito pronto a riscattare in alto senza vuoti e senza indugi. Forse la mia descrizione non è all’altezza del piacere che dà questa macchina.

hyundai-ioniq-sensazione-guida-auto-elettrica-01

Il bialbero in testa con aspirazione e scarico a fasatura variabile, iniezione elettronica diretta (tutto in lega di alluminio) ha solo 105CV e una coppia massima molto in alto sui 4.000giri ma l’elettrico pensa a tutte le sue mancanze e la Ioniq dispone di ben 260Nm.

Con i cerchi in lega leggera da 15″ sarebbe più risparmiosa nei consumi ma è introvabile. Tutte le Ioniq indossano cerchi da 17″ 225/45R17 91W e se sei bravissimo consumi 3,9 litri ogni 100km.

La CH-R 1.8 Hybrid 2WD con il 1.8 HSD da 122 CV, trazione anteriore e cambio automatico E-CVT (cerchi in lega da 17” con pneumatici 215/60 R17) è comunque lunga 4360 e larga 1795 (passo 2640), pesa 1455 kg e il suo 4cilindri in linea 16 DOHC con VVT-i da 98CV consuma 3,8 litri ogni 100km.

Per avere un consumo ancora più basso non c’è nulla da fare, bisogna salire sulla Regina delle ibride, la Prius, ma siamo sempre là:

hyundai-ioniq-sensazione-guida-auto-elettrica-05

Parliamo di quasi una tonnellata e mezza di peso! Ecco, per esempio, perchè l’idea dell’auto ibrida non mi è mai piaciuta:

  • io voglio eliminare dal cofano il motore a benzina in favore di un motore elettrico e invece me ne ritrovo due: uno quasi privo di manutenzione e uno assetato di service ogni 15.000km o ogni anno con tutte le noie a cui siamo abituati da decenni.

hyundai-ioniq-sensazione-guida-auto-elettrica-07

Insomma, volevo l’auto elettrica per passare ai tempi moderni (sì, il termine moderni è relativo, ricordate i tempi moderni del 1936?) e mi ritrovo con 2 auto in un’unica auto? Non era proprio il mio sogno.

Come se ai tempi della Ford T ci fosse stato anche un cavallo con le briglie e per guidare l’auto fosse servito il frustino. Ma siamo diventati matti?

Se proprio dal motore a benzina non c’è scampo, voglio un’ auto a benzina efficientissima, come una casa in classe A (A come Almeno!). Un’ auto A+++

  • che non pesi una tonnellata e mezza,
  • che non abbia un motore enorme e fiacco
  • che non abbia una coppia massima a chi sa che numero di giri
  • che non abbia un esercito di cilindri a prosciugarmi il serbatoio
  • che non mi chiami al service ogni 3×2

un’auto moderna. Esiste?

L’auto ibrida appare molto moderna, sembra che abbia un piede nel futuro, lo ammetto! ma io che ho la passione per il risparmio energetico, per l’efficienza, per l’involucro spinto al massimo perchè la casa sia confortevole bruciando pochissima energia non vedo l’auto ibrida come la casa passiva, mi pare piuttosto una vecchia casa energivora e molto inefficiente che sfrutta qualche tipo di energia rinnovabile sul tetto:

hyundai-ioniq-sensazione-guida-auto-elettrica

mi pare un edificio poco performante e disperdente che scarica il suo peso energetico sul pannello fotovoltaico o solare termico per diminuire la bolletta. Proprio come un 1.8 a benzina scarica sul motore elettrico e sulla sua generosa coppia massima (163Nm) tutta la fatica e l’ inefficienza del motore a benzina.

ripeto, un’auto moderna esiste?  la troveremo!

voi? che auto guidate?

       

lettura senza banner pubblicitari grazie alla generosità dei lettori – dona anche Tu!

+ involucro - impianti copyright

federico_sampaoli_espertocasaclimacom  ipha_member   articolo ideato, scritto e diretto da Federico Sampaoli, impegnato a favore delle persone, del comfort e dell’open information, titolare e caporedattore di espertocasaclima.com – blog di formazione e comunicazione online dal 2009.

Se vuoi conoscere il mio profilo LinkedIn

Entra anche Tu nella lista dei sostenitori del Blog espertoCasaClima :

Visita il profilo di federico su Pinterest.

Predisposizioni per l’ auto elettrica

Potrebbe una Direttiva dell’Unione europea imporci di installare colonnine per la ricarica dei veicoli elettrici in casa nostra?

solar panel battery pack home green  electricity

Potrebbe imporre ad ogni nuova costruzione che il 10% dello spazio nei garage sia riservato alla ricarica dell’auto elettrica?

muovere-auto-elettrica-batterie-esauste-04

Sarebbe il boom delle auto elettriche o l’odio per la costrizione?

In Norvegia  la rete di ricarica + gli sgravi fiscali hanno convinto più di 120mila automobilisti all’acquisto di auto elettriche e nel primo trimestre 2016 1/4 delle nuove auto è elettrico.

muovere-auto-elettrica-batterie-esauste-05

Uno studio dell’Agenzia europea dell’ambiente (Eea) avverte che se nel 2050 l’80% dei veicoli sarà elettrico la maggior energia elettrica richiesta comporterà anche più emissioni di biossido di zolfo (SO2). Se lo dicono i sapienti ci credo, ci posso credere; ma la situazione odierna è insostenibile!

Forse non appare insostenibile a chi è seduto nella propria auto con la musica e il climatizzatore in funzione, ma provino a fare i ciclisti o i pedoni! la situazione odierna è insostenibile! sono troppe le emissioni di CO2, ossido e biossido di azoto e polveri sottili. 

muovere-auto-elettrica-batterie-esauste-03

A proposito di polveri sottili, speriamo che la guida elettrica convinca un po’ più persone a guidare con delicatezza, dolcezza e parsimonia diminuendo il consumo dei pneumatici e dei dispositivi frenanti. E’ solo una speranza, un augurio.

muovere-auto-elettrica-batterie-esauste-01

Sapete che si sta lavorando sulle batterie esauste? che ovviamente contengono ancora energia. La loro potenza residua potrebbe essere nuovamente immessa nella rete. Non ci avevo mai pensato: dove finisce l’energia residua di tutte le batterie del mondo gettate nei raccoglitori?

In Italia si acquistano 450milioni di pile ogni anno (8 pile/persona): è il risultato dello studio della European Recycling Platform: le pile buttate contengono almeno il 41% della loro energia iniziale. Parliamo di circa 1.800.000 kWh/anno…

Si parla sempre dei metalli pesanti recuperati e riutilizzati, ma l’energia da riutilizzare?
       

lettura senza banner pubblicitari grazie alla generosità dei lettori – dona anche Tu!

+ involucro - impianti copyright

federico_sampaoli_espertocasaclimacom  ipha_member   articolo ideato, scritto e diretto da Federico Sampaoli, impegnato a favore delle persone, del comfort e dell’open information, titolare e caporedattore di espertocasaclima.com – blog di formazione e comunicazione online dal 2009.

Se vuoi conoscere il mio profilo LinkedIn

Entra anche Tu nella lista dei sostenitori del Blog espertoCasaClima :

Visita il profilo di federico su Pinterest.

La Plug-in Hybrid che consuma come casa mia

Dieci anni fa parlavano tutti di cappotto? di isolamento termico? di efficienza energetica? di risanamento energetico?   Nessuno! Quasi nessuno.
E’ cambiato il mondo – anche in Italia, di coibentazione si parla con destrezza (e qualche incompetenza)! Gli italiani vogliono una casa efficiente, con bollette contenute e comfort interno: non vogliono un forno d’estate e non vogliono una ghiacciaia d’inverno. Il mondo è cambiato!

Ma se non ci arrendiamo più a bollette per riscaldamento da oltre 1.000€ l’anno – e vogliamo / pretendiamo efficienza – come sopportare la nostra vecchia auto che divora carburante come (o poco meno) quelle dei gloriosi anni ’80?

In casa vogliamo vivere come marziani, riscaldati dal sole, ventilati attraverso il recuperatore di energia, in un involucro ideale – poi – apriamo il garage, usciamo in macchina e per fare 15mila km l’anno siamo disposti a spendere oltre 1.500€ (7litri/100km) di carburante e avvelenare i passanti.

Non si tratta di una rigida, profonda e irrazionale dicotomia? Ma cosa succede dentro di noi?

Eh sì, è ancora presto per l’auto elettrica.

plug-in-hybrid-consumi-casa-mia-01

E non possiamo tutti girare in Tesla 100D, 613km di autonomia, batteria da 100kWh, 2,7 secondi da 0-100km/h 160.800€.

plug-in-hybrid-consumi-casa-mia-03

Però un’auto ibrida con 50 km di autonomia in modalità EV, e una velocità massima di 135 km/h non ci andrebbe bene?

plug-in-hybrid-consumi-casa-mia-05

Un consumo dichiarato di 1 litro per 100 chilometri non si sposerebbe benissimo con la nostra casa finalmente efficiente e parca nei consumi?

15mila km all’anno = 230€ (1litri/100km)

Immaginate la vostra nuova auto con una pompa di calore con iniezione di gas che permette di rinfrescare e riscaldare l’abitacolo (anche con temperature esterne di -10°C) quando viaggia in modalità EV (senza che il motore a benzina venga avviato).

plug-in-hybrid-consumi-casa-mia-02

Aggiungeteci un nuovo sistema di ricarica solare sul tetto con batteria dedicata, che può migliorare l’autonomia elettrica fino a 5 km/ giorno – basta con la noiosa ricerca di un parcheggio all’ombra!

Il mondo sta finalmente cambiando, in tante cose anche in peggio.. proviamo a fare la nostra parte!

Diciamo al nostro concessionario di auto preferito che vogliamo anche noi un’auto da 1 litro per 100km!

O un auto così, o di auto nuova non se ne parla!

Che se le tengano in salone tutte quelle bestie assetate! Noi quelle cose là non le vogliamo più. 

plug-in-hybrid-consumi-casa-mia-04

Però mi domando, quel poco di corrente che serve a caricare il nuovo pacco batterie agli ioni di litio da 8,8 kWh ricaricabili per via di un nuovo sistema di ricarica solare sul tetto con batteria dedicata, può anche venire solo dal sole? o per forza l’auto preleverà 8 kW dal mio contatore?

In questo caso, i 50km in elettrico costeranno circa 3,20€ di energia elettrica di casa! E non sono proprio poca cosa se confrontati con un’auto Hybrid NON Plug-in.

       

lettura senza banner pubblicitari grazie alla generosità dei lettori – dona anche Tu!

+ involucro - impianti copyright

federico_sampaoli_espertocasaclimacom  ipha_member   articolo ideato, scritto e diretto da Federico Sampaoli, impegnato a favore delle persone, del comfort e dell’open information, titolare e caporedattore di espertocasaclima.com – blog di formazione e comunicazione online dal 2009.

Se vuoi conoscere il mio profilo LinkedIn

Entra anche Tu nella lista dei sostenitori del Blog espertoCasaClima :

Visita il profilo di federico su Pinterest.

L’ ultima auto a benzina, la mia prima Hybrid

Uno studio norvegese dice che per soddisfare gli obiettivi climatici l‘ultima vettura a benzina dovrà essere venduta entro il 2035, e questo per mettere il mondo sulla buona strada, limitare il riscaldamento globale a raggiungere l’obiettivo più rigoroso impostato dai leader mondiali nel 2015.

auto-benzina-prima-hybrid-toyota-ch-r-18-2wd-03

Il carburante da trasporto emette circa il 14% delle emissioni di gas serra mondiali.

Se vogliamo rispettare il vertice di Parigi e l’ obiettivo di limitare l’aumento delle temperature a 2 gradi Celsius l’ultima auto diesel o benzina dovrà essere venduta entro il 2035 per vedere circolare gli ultimi veicoli a combustibili fossili nel 2050.

auto-benzina-prima-hybrid-toyota-ch-r-18-2wd-01

E’ troppo grande questo cambiamento in tutta l’industria automobilistica? 

Toyota ha una “sfida a zero emissioni di anidride carbonica” per i nuovi veicoli in base al quale si propone di ridurre le emissioni dei suoi veicoli del 90% entro il 2050 (dai livelli del 2010).

auto-benzina-prima-hybrid-toyota-ch-r-18-2wd 7

Altrimenti come abbassare il termostato globale entro la fine del secolo? Il 2016 è il più caldo mai registrato, con temperature intorno ai 1°C (1.8F) sopra ai tempi pre-industriali.

Siamo al 5% come quota di veicoli elettrici nell’Unione europea. Che fare?

Mi sono reso conto che la rete di ricarica elettrica è troppo scarsa al momento, poi, il tempo di una ricarica veloce è comunque troppo lungo. Volevo fare da pioniere, ma si può fare i pionieri nella vita di tutti i giorni? Forse da single sì!

Forse, per molti di noi, è tempo di passare all’ hybrid, anzi che all’elettrico!

Devo ammettere che fino ad oggi non ho mai pensato all’ibrido – mai! Sogno di viaggiare in elettrico e acquisto un’auto ibrida? Che senso ha? Il motore a combustibili fossili non lo voglio più vedere, non lo voglio più sentire, non lo sopporto più. Per me il suo tempo è passato, è out. Ed ora che la penso così dovrei guidare un auto con il motore vecchio aiutato e assistito dal motore elettrico?

Mai e poi mai!

Bestemmiare e poi sedersi in chiesa? Che senso ha? Se vuoi bestemmiare vai al bar, se vuoi ringraziare vai in chiesa.

Un’ auto con il motore vecchio aiutato e assistito dal motore elettrico? Mai e poi mai!

Poi ho prenotato un test drive alla Toyota:

Mi attendeva nel piazzale una CH-R 1.8 Hybrid 2WD che non avevo mai visto dal vero.

auto-benzina-prima-hybrid-toyota-ch-r-18-2wd-02

Vista davanti – mozzafiato. Il responsabile ci ha lasciati attendere fuori (la famiglia mi aveva seguito) mentre faceva manovra per girare l’auto verso il cancello d’uscita. E’ stato quello il momento più emozionante della prova, siamo rimasti a bocca aperta vedendo questo grosso mostriciattolo di 4 metri e oltre girare su se stesso in assoluto silenzio: un’astronave di un pianeta più avanzato del nostro? No – un’auto ibrida!

Saliamo, allaccio la cintura, nascondo il piede sinistro sotto il sedile e premo start. Non succede nulla, ma poi ci muoviamo. E poi ci muoviamo di più e poi di più e poi di più e poi il responsabile mi avverte che anche il motore termico sta lavorando.

auto-benzina-prima-hybrid-toyota-ch-r-18-2wd-05

Era proprio l’idea di passare dal volo elettrico al volo con combustibile che aveva da sempre instillato nella mia fantasia un momento di discomfort, di delusione, di – ah che schifo lo sapevo che non era piacevole – prima il silenzioso rotolare dei pneumatici e poi il solito rombo del motore a scoppio..

Questa Toyota CH-R 1.8 Hybrid 2WD ci stava portando a spasso per le strade di campagna in un relax incredibile, con una docilità indescrivibile. Il cambio cinetico si è comportato come un infinito elastico, assolutamente non fastidioso e non paragonabile ad uno scooter – l’auto sembrava correre sul sapone, e teneva la strada!

Tra l’emozione della prima ibrida sotto il sedere e la guida attenta non ho avuto il tempo di fissare tutte le informazioni del cruscotto e le varie spie avveniristiche: ho potuto solo auscultare il motore (che pareva sempre elettrico) e sentire attraverso il sedile, in lontananza, le irregolarità dell’asfalto. I suoi ruotoni (pneumatici 225/50 R18) regalavano sensazioni di mooooolta sicurezza.

auto-benzina-prima-hybrid-toyota-ch-r-18-2wd-06

Le mie idee sull’auto ibrida, solide di anni, si sbriciolavano come biscotti. Questa Toyota CH-R 1.8 Hybrid regala la netta sensazione di guidare un auto elettrica…, aiutata da un motore a benzina.

Aiutata, in tutti i sensi: non solo per pigiare allegramente sull’acceleratore e ricevere una bella spinta! anche per non rimanere a piedi. Potrei decidere di saltare in macchina e guidare fino a S.Vito Lo Capo da Padova, cosa che la futura mini Tesla Model 3 non mi permetterà mai e poi mai.

Il sogno di guidare un’auto elettrica, semplice di componentistica, con pochi pezzi, e puliti, deve rimanere ancora un sogno. Se Hybrid significa anche libertà e indipendenza dalle rare stazioni di ricarica veloce, posso digerire questa pillola.

Le cose cambieranno in fretta. Quando iniziai la mia attività di consulenza 8anni fa, di isolamento termico in edilizia quasi non si parlava, un cappotto da 4cm sembrava per case passive – oggi invece… Così forse anche per l’auto elettrica! Sta a noi: acquistiamole, e ci verranno offerte anche le colonnine!

Siamo noi il cambiamento! Who else?

Alea iacta est!

conoscete la locuzione latina che significa “il dado è tratto”? Questa frase si cita quando si prende una decisione dalla quale non si può più recedere.

Ahimè, la mia prossima auto non sarà una Tesla, ma sarà certamente un’ Hybrid!

Ma quale?

La Toyota CH-R 1.8 Hybrid 2WD ha un muso fantastico, è alta quanto basta per stare al sicuro, un posto guida senza critiche,

auto-benzina-prima-hybrid-toyota-ch-r-18-2wd-07

 ma l’aspetto così joung, aggresivo e japp, specialmente nel retro

auto-benzina-prima-hybrid-toyota-ch-r-18-2wd-04

(dinamismo sì, non voglio discuterne! hanno fatto bene a disegnarla così, è bella, è nuova, è oltre, avanti così!) non credo vada bene con me, un ragazzino di mezza età. Un mese me la strapazzerei volentieri, ma non so se la vorrei tenere per anni.

Guardiamoci intorno, Toyota ha sulle spalle un bel po’ di esperienza sull’ibrido e sull’auto in genere, ma ci sono altri giocatori globali. Penso alla Hyundai Ioniq per esempio.

Andremo a provarla.       E voi? che auto guidate?

       

lettura senza banner pubblicitari grazie alla generosità dei lettori – dona anche Tu!

+ involucro - impianti copyright

federico_sampaoli_espertocasaclimacom  ipha_member   articolo ideato, scritto e diretto da Federico Sampaoli, impegnato a favore delle persone, del comfort e dell’open information, titolare e caporedattore di espertocasaclima.com – blog di formazione e comunicazione online dal 2009.

Se vuoi conoscere il mio profilo LinkedIn

Entra anche Tu nella lista dei sostenitori del Blog espertoCasaClima :

Visita il profilo di federico su Pinterest.

Auto elettrica: poca energia da fonti rinnovabili o poca autonomia?

Anche l’energia elettrica non è pulita: la mia ultima bolletta enel recita che nel 2014 il mix energetico evidenzia 34,03% di energia da fonti rinnovabili.

auto-elettrica-energia-fonti-rinnovabili-autonomia-supercharger-tesla-04

Se carico la mia auto elettrica durante la notte probabilmente posso solo sperare che essa provenga dall’idroelettrico, per sentirmi con la coscienza pulita. Ma anche se le fonti primarie fossero al 100% prodotti petroliferi io penso che la vivibilità delle strade aumenterebbe parecchio, e non parlo del fracasso dei motori a scoppio, parlo delle emissioni di ogni singola auto che mi passa a fianco, a pochi cm dal naso e a pochissimi da quello di mio figlio (che però cresce in fretta e si alza di quota).

auto-elettrica-energia-fonti-rinnovabili-autonomia-supercharger-tesla-05

Tutte chiacchere, il vero problema è che l’auto elettrica non ha autonomia e noi, talmente abituati a viaggiare con una selva di pompe di benzina sul ciglio della strada (che non è un bel vedere, ma una gran comodità in caso di spia carburante accesa) non vogliamo rotture di scatole. E poi, anche se ci fossero ricariche ovunque, in cinque minuti facevo il pieno, mentre la mia nuova auto elettrica…..

Allora erano tutte chiacchere…., di quanto sia verde l’energia elettrica poco ci importa – ci importa invece il fatto di star fermi a caricare la batteria. Ecco cosa c’è!

Le auto usano il caricatore di bordo per convertire la corrente alternata dei caricatori a muro in corrente continua per la batteria. Ma perchè la faccenda è così lenta? Noi vorremmo l’auto di nuovo carica in 5 minuti, come siamo abituati da sempre facendo benzina!

Caricare una singola cella è come riempire un bicchiere fino all’orlo ma, senza farlo traboccare! mano a mano che il bicchiere si riempie, bisogna ridurre il flusso dell’acqua per sfruttare fino all’ultima goccia. Nelle batterie, bisogna ridurre il flusso di corrente per bilanciare il voltaggio delle celle, diminuendolo sempre più mano a mano che si raggiunge la carica completa. In caso di fretta meglio ricaricare la batteria solo fino all’80%.

Sì, è tutta una rottura di scatole.

Ma vi chiedo – se in mezz’oretta vi potessi garantire 270km di autonomia, sareste contenti? Beh, io direi che 30 minutini potremmo anche dedicarli a star fermi: una telefonata, una sgranchita alle gambe, una pipì, un’occhiata intorno… sarebbe accettabile.

auto-elettrica-energia-fonti-rinnovabili-autonomia-supercharger-tesla-02

C’è solo un particolare! dovremmo cambiare anche paese. Sì lasciare l’Italia è una soluzione: i punti di ricarica sono troppo pochi, ancora troppo pochi:

auto-elettrica-energia-fonti-rinnovabili-autonomia-supercharger-tesla-03

Ma sono troppo pochi i punti di ricarica o sono troppo pochi quelli che guidano un’auto elettrica? Se nessuno fumasse ci sarebbero tabaccai ovunque?

I Supercharger, quelli di Tesla, sono costituiti da diversi caricatori che operano in parallelo, trasmettendo fino a 120 kW di corrente continua direttamente alla batteria. Quando la batteria è quasi carica, l’auto riduce gradualmente il flusso di corrente, per riempire correttamente le celle fino al massimo consentito.

auto-elettrica-energia-fonti-rinnovabili-autonomia-supercharger-tesla-01

Sapete come funziona la rete Supercharger? Basta accostare e collegare l’auto. Insomma se hai una Tesla sotto il sedere puoi guidare gratis tutta la vita, consumando le tue gomme ma usando energia senza doverla pagare. Direi che è interessante! 

Approfondiamo l’argomento:

Quattro anni fa, Tesla introdusse la rete Supercharger (oltre 4.600 Supercharger permettono a più di 160.000 proprietari Tesla di guidare in tutto il mondo). Dal 2017 Tesla vuole reinvestire nella rete, accelerare la sua crescita e garantire a tutti i clienti, presenti e futuri, la migliore esperienza di ricarica veloce.

Naturalmente a spese dei futuri clienti!

auto-elettrica-energia-fonti-rinnovabili-autonomia-supercharger-tesla

Quale sarà la vostra prossima auto?

lettura senza banner pubblicitari grazie alla generosità dei lettori – dona anche Tu!

+ involucro - impianti copyright

federico_sampaoli_espertocasaclimacom  ipha_member   articolo ideato, scritto e diretto da Federico Sampaoli, impegnato a favore delle persone, del comfort e dell’open information, titolare e caporedattore di espertocasaclima.com – blog di formazione e comunicazione online dal 2009.

Se vuoi conoscere il mio profilo LinkedIn

Entra anche Tu nella lista dei sostenitori del Blog espertoCasaClima :

Visita il profilo di federico su Pinterest.