Tutti i lavori che godono del BONUS facciate 2020, cappotto compreso

Se nell’anno del Signore 2020 non pensiamo a rifare le facciate di casa nostra o del nostro condominio siamo veramente sciocchi. La nuova agevolazione fiscale permette uno sgravio del 90% per i lavori in facciata, e quindi ci permette di sistemare balconi, pilastri, colonne, fregi e ornamenti che da anni aspettavano un intervento.

Come dire, se devo fare lavori per 10.000€, al netto degli sgravi fiscali avrò speso in tutto 1.000€ (9mila li paga Pantalone!).

Anche un nuovo aspetto e una rinnovata sicurezza delle strutture esistenti può dare un bell’incremento al valore del nostro immobile.

Se da anni la facciata perde i pezzi non rimandiamo ancora e decidiamo per una buona rasatura armata, è il rivestimento murale per esterni che garantisce qualità e durata (anche ad una eventuale decorazione della facciata).

Se ci accontentiamo di una semplice tinteggiatura o di una nuova finitura perchè sono comparse sfogliature o fessurazioni, nessun problema: possiamo comunque godere del bonus facciata.

Abitiamo in un edificio storico e di isolamento a cappotto non se ne parla? Probabilmente dobbiamo concentrarci solo sui materiali per un buon restauro conservativo evitando materiali cementizi (quante volte l’ho ripetuto?) e preferendo calce idraulica naturale con pittura alla calce: possiamo comunque godere del bonus facciata.

Anche un recupero parziale <10% delle superfici gode del bonus facciata: pensate al ripristino del calcestruzzo dei balconi, dei pilastri, dei cornicioni, delle scale, dei camini, degli architravi e chi più ne ha più ne metta.

Sono tutti lavori in genere costosi perchè impongono l’installazione di un ponteggio e forse anche l’occupazione del suolo pubblico, quindi non dimentichiamo di valutare bene l’intervento:

una mano di colore o un ottimo sistema a cappotto certificato?

Stiamo ragionando sui prossimi trent’anni, quindi riflettiamo con attenzione e informiamoci ancora meglio: una mano di colore o un ottimo sistema a cappotto certificato?

Ecco il testo pubblicato nella Gazzetta Ufficiale

LEGGE N.160 DEL 27 DICEMBRE 2019

il COMMA 219 dice che

Per le spese documentate, sostenute nell’anno 2020, relative a interventi, ivi inclusi quelli di sola pulitura o tinteggiature esterna, finalizzati al recupero o restauro della facciata esterna degli edifici esistenti ubicati in zona A o B ai sensi del decreto del Ministro dei lavori pubblici 2 aprile 1968, n. 1444, spetta una detrazione dell’imposta lorda pari al 90%.

finalizzati al recupero o restauro della facciata esterna:

A cos’è associato il concetto di recupero? alle Norme per il contenimento del consumo di energetico degli edifici! Perciò sono compresi anche gli interventi di isolamento termico dell’involucro opaco.

Cosa s’intende con facciata esterna? solo quella anteriore? La superficie esterna dell’edificio, è esterna sia sul fronte strada, sia sul laterale o verso l’interno. Ecco perchè è volgarmente detto BONUS FACCIATE.

zona A o B:

La Zona A è riferita al centro storico (edilizia storica) e la Zona B  alla zona di completamento (edilizia residenziale consolidata): bisogna andare sul sito del Comune e vedere l’appartenenza nel Piano di Governo del Territorio.

Notizia BOMBA:

Stiamo parlando di farsi il cappotto con agevolazioni al 90%. E’ una cosa incredibile! Spesso le cose incredibili sono incredibili davvero, ma qui sembra tutto credibile: possiamo godere delle agevolazioni al 90%

  • sull’ isolamento esterno (leggi nota:)
  • sul ponteggio
  • su tutte le spese per i tecnici e i professionisti
  • e su tutte le opere esterne, magari anche le grondaie nuove!

nota: se i lavori di rifacimento della facciata influiscono anche dal punto di vista termico o interessano più del 10% dell’intonaco della superficie disperdente lorda complessiva dell’edificio, sono ammessi al BONUS pur che soddisfino:

  • i “requisiti minimi” previsti dal decreto del Ministro dello Sviluppo economico del 26 giugno 2015
  • i valori limite di trasmittanza termica stabiliti dal decreto del Ministro dello Sviluppo economico dell’11 marzo 2008 (tabella 2 dell’allegato B), aggiornato dal decreto ministeriale del 26 gennaio 2010.

Non c’è alcun dubbio più: viviamo nel paese dei balocchi!


per qualsiasi domanda, più in basso trovi la finestra "Lascia un commento" - non devi registrarti e il tuo indirizzo email non sarà mai pubblicato, approfittane!

federico_sampaoli_espertocasaclimacom   ipha_member

autore: Federico Sampaoli

 


    

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

  1. lei si sta certamente riferendo a questo testo:

    Gli interventi agevolabili al 90%:
    Sono ammessi al beneficio gli interventi finalizzati al recupero o restauro della facciata esterna.
    In particolare, la detrazione spetta per gli interventi:
    ? di sola pulitura o tinteggiatura esterna sulle strutture opache della facciata
    ? su balconi, ornamenti o fregi, ivi inclusi quelli di sola pulitura o tinteggiatura
    ? sulle strutture opache della facciata influenti dal punto di vista termico o che interessino oltre il 10% dell’intonaco della superficie disperdente lorda complessiva dell’edificio.

    questa è la mia interpretazione del BONUS Facciate (per quel che vale):

    si isola quello che ci pare e piace e che si vede dall’esterno guardando l’edificio!

    per esperienza invece devo ammettere che :
    un isolamento spesso interrotto è deludente perchè a porzioni calde si alternano forti ponti termici e zone che internamente presenteranno temperature superficiali più basse, magari non a rischio condensa, ma forse sì.
    nei casi dove l’edificio presenta particolari strutturali-estetici come mi sembra di aver capito dalla sua descrizione non resta che isolare esternamente le superfici possibili e attenuare i ponti termici con correzioni sul lato interno.
    è una soluzione spesso inevitabile in interventi sull’esistente, quindi rimbocchiamoci le maniche e progettiamo i dettagli interni che vanno assolutamente eseguiti.

    consoliamoci: i lavori esterni sono sponsorizzati dallo stato, i lavori interni da noi.

  2. Buona sera.
    Vorrei il suo parere su una “questione interpretativa” riguardo il bonus facciate.
    Nel fabbricato dove abito ho una situazione di diversi materiali in facciata: sia intonaco che anche mattoni a vista e pietra (cioè quei materiali che, secondo la Circolare dell’Agenzia delle Entrate, “non rendono possibile effettuare interventi influenti dal punto di vista termico se non mutando completamente l’aspetto dell’edificio”).
    Tuttavia le porzioni intonacate sono superiori al 10% della superficie totale lorda disperdente del fabbricato, calcolata secondo le indicazioni della Circolare stessa.
    La mia domanda è: la norma mi obbliga ad eseguire il cappotto termico su tutta la superficie del fabbricato (anche su quella in mattoni a vista e pietra) o solo sulla porzione intonacata?
    E in questa seconda ipotesi: che senso ha fare un cappotto termico solo su una porzione di fabbricato?
    Grazie per il suo aiuto. Cordialmente.

  3. povera Italia, terra di sudditi che si affannano per comprendere la legislazione…

    anch’io sono nauseato dal diffuso stato di incertezza normativa.

    Come sembrano lontani i tempi in cui l’Assemblea costituente decise di affidare ad alcuni eminenti scrittori e letterati il compito di controllare il testo finale della nostra Carta costituzionale con riguardo alla sua correttezza linguistica e semplicità!

    La cultura della buona scrittura delle leggi dovrebbe radicarsi come patrimonio della politica, dei partiti, dei gruppi parlamentari: ricordiamocene quando andremo a votare!

    Giuliano Amato scrisse:
    se era di cattiva qualità la legislazione dei primi anni in cui ho dovuto occuparmene, ora è di qualità peggiore.
    La lingua è il riflesso fotografico del pensiero: se la lingua è oscura è il pensiero che è rimasto oscuro.
    Imparare a dominare la materia imparando anche la lingua che la esprime. Il concetto è molto più oscuro quanto più tu sei relativamente ignorante su ciò che stai scrivendo.
    A volte il legislatore non chiaro è il legislatore che vuole nascondere un difficile compromesso che ha raggiunto tra le varie parti politiche e questo compromesso può esprimersi solo con nozioni che si prestano a più letture.

    Ma bisogna sempre scaricare sul giudice il problema di dare chiarezza a ciò che il legislatore avrebbe dovuto rendere chiaro?

    il diritto, al contempo, mistero e raggiro…

    per informarsi meglio sul Bonus Facciate 20202 posso suggerire questi link:
    https://www.agenziaentrate.gov.it/portale/documents/20143/233439/Guida_Bonus_Facciate.pdf/129df34a-b8b7-5499-a8fb-55d2a32a0b12
    https://www.efficienzaenergetica.enea.it/images/detrazioni/Agenzia_Entrate/Circolare_n_2_del_14_febbraio_2020.pdf
    https://www.anit.it/wp-content/uploads/2020/03/prot4961mibac-1.pdf
    http://documenti.camera.it/leg18/resoconti/commissioni/bollettini/html/2020/02/26/06/allegato.htm#data.20200226.com06.allegati.all00010

    I nostri governanti non hanno ancora capito questo concetto:
    il ruolo della lingua come strumento primario di convivenza civile.

  4. salve, ho letto l’articolo perchè sono interessato a sistemare i balconi e la facciata della mia casa.
    ho chiesto informazioni al commercialista ed al geometra ed entrambi mi hanno detto che il cappotto non è detraibile al 90%.
    inoltre volevo sostituire le ringhiere di tutti i balconi però sembrerebbe che anche quelle non rientrano al 90% (ma solo al 50% bonus ristrutturazione).
    volevo chiedere se e dove è possibile informarsi in modo chiaro e sicuro prima di procedere con le pratiche per Bonus Facciata 2020.
    grazie.

  5. è una vera maledizione vivere in un paese dove, per capire quello che si può o non si può fare, si necessita di continui chiarimenti e chiarimenti dei chiarimenti e chiarimenti ancora e pagine di FAQ…
    è da ringraziare ANIT | Associazione Nazionale per l’Isolamento Termico e acustico, che come associazione continua ad aggiornare sulle interpretazioni possibili.

    io, umile umano cittadino italiano di sangue mezzo italiano, ho cercato di scrivere l’articolo nel modo più comprensibile possibile. e se necessario, continuerò ad aggiornarlo man mano.

  6. Buongiorno Federico,
    ho letto e continuo a leggere informazioni discordanti in merito alle detrazioni per fare un cappotto.
    Perchè anche se pare si possa accedere al 90%, poi però c’è una nota (non mi ricordo i dettagli) che se i lavori interessano l’aspetto termico o più del 10% della superficie allora la storia cambia.
    Sto dicendo una sciocchezza oppure mal interpretando quel che leggo?
    Puoi fare chiarezza su questo aspetto?
    Grazie

Up Next:

Filtri fai da te per una VMC decentralizzata, ma brevemente canalizzata

Filtri fai da te per una VMC decentralizzata, ma brevemente canalizzata