Altre spese detraibili con il Bonus ristrutturazione

Ormai lo sanno anche i sassi che con il Bonus ristrutturazione è possibile usufruire della detrazione Irpef del 50% con un limite massimo di spesa di 96.000 € per le spese di recupero del patrimonio edilizio. Ma questo non è tutto!

Quello che i sassi non sanno è perchè mai il legislatore non abbia deciso per 100.000 €…  troppo semplice per la Repubblica delle banane! meglio scrivere 96mila €. Vabbe’ chiudiamola qua, che poi ci stanchiamo e deprimiamo per nulla. Lasciamo i numeri e la penna ai grandi statisti del decennio, sanno bene quel che fanno.

Quello che invece volevo ricordare agli esperti-lettori è che non sono solo i lavori ad essere detraibili (manutenzione straordinaria, restauro e risanamento conservativo, ristrutturazione edilizia) – si possono portare in detrazione anche tutte le spese affrontate per la progettazione, per la gestione delle pratiche, per le perizie e addirittura gli oneri di urbanizzazione.

Non dimenticate quindi di eseguire correttamente i bonifici per fare i pagamenti.

[amazon_link asins=’8859811740,8890496053,887283287X,8872833434,8872833140,8816408561,8804717181′ template=’ProductCarousel’ store=’wwwespertocas-21′ marketplace=’IT’ link_id=’7d3cce84-7664-4460-ac11-05cc2a89c746′]


federico_sampaoli_espertocasaclimacom   ipha_member

autore: Federico Sampaoli


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Up Next:

Farsi la rubinetteria nuova con l'ecobonus al 65%

Farsi la rubinetteria nuova con l'ecobonus al 65%