Archivio mensile:Dicembre 2018

Agevolazioni fiscali 2019, la pacchia continua

Leggi questo articolo grazie alle donazioni dei lettori Giovanni Faro, Ignazio Simone Boragina, Luca Alunni, Federica Sanna, Daniele Amato. Partecipa anche Tu, sostieni l’informazione attraverso espertocasaclima.com!


Come promette il titolo, nel 2019 la pacchia continua:

Non vi siete decisi per i lavori di ristrutturazione, di riqualificazione energetica, di adeguamento sismico, di sistemazione delle aree a verde? La Legge di Bilancio 2019 sembra fatta ad personam per voi!!!

Potete contare sulla proroga degli incentivi per la casa a tutto il 2019! Questo sarà l’anno buono per fare tutto quanto non avete mai fatto. Non dico di buttarvi nel vuoto, riflettete e poi fate! Prima farete e prima ne coglierete i frutti

La Legge di Bilancio 2019 prevede:

  • la proroga al 31 dicembre 2019 della detrazione del 50%, con il solito limite dei 96mila euro per unità immobiliare, per gli interventi di ristrutturazione delle abitazioni e delle parti comuni degli edifici condominiali + detrazione Irpef del 50% (massimo 10mila euro per unità immobiliare) per l’acquisto di mobili e di grandi elettrodomestici di classe non inferiore alla A+ (A per i forni), destinati ad arredare l’immobile oggetto di ristrutturazione.

Ricordatevi che dal 21.11.2018 chi fa interventi edilizi e tecnologici che beneficiano del bonus ristrutturazioni ma comportano risparmio energetico deve trasmettere i dati dell’intervento all’Enea entro 90 giorni dalla ultimazione dei lavori: leggi il mio articolo per approfondire.

Anche per gli elettrodomestici c’è l’obbligo di trasmettere i dati all’Enea!

  • la proroga al 31 dicembre 2019 dell’ecobonus per gli interventi di efficientamento energetico, detraibili al 65% ( pannelli solari per ACS, sostituzione di scalda acqua tradizionali con scalda acqua a pompa di calore, caldaie a condensazione almeno in classe A con sistemi di termoregolazione evoluti, installazione di dispositivi multimediali per il controllo da remoto degli impianti) o al 50%infissi, schermature solari, impianti di climatizzazione invernale con impianti dotati di caldaie a biomassa e caldaie a condensazione in classe A, impianti di climatizzazione invernale con impianti dotati di generatori di calore alimentati da biomasse combustibili).
  • la proroga al 31 dicembre 2019 per il bonus verde: detrazione Irpef del 36% delle spese per sistemazione a verde delle aree scoperte private di edifici esistenti, unità immobiliari, pertinenze e recinzioni, realizzazione di impianti di irrigazione e pozzi (incluse le spese per la progettazione e la manutenzione connesse all’esecuzione degli interventi.
  • il Sismabonus fino al 2021.

e qui mi fermo e saluto tutti gli esperti lettori augurando un buon anno nuovo, più sereno, più soddisfacente, più efficiente: buon 2019!


lettura senza banner pubblicitari grazie alla generosità dei lettori – dona anche Tu 😉 sostieni l’informazione attraverso espertocasaclima.com!


federico_sampaoli_espertocasaclimacom  ipha_member

articolo ideato, scritto e diretto da Federico Sampaoli, impegnato a favore delle persone, del comfort e dell’open information, titolare e caporedattore di espertoCasaClima – blog di informazione e comunicazione

Il mio profilo LinkedIn

Entra anche Tu nella lista dei sostenitori del Blog espertoCasaClima :

Visita il profilo di federico su Pinterest.

L’abitazione riflette l’interiorità della persona

Leggi questo articolo grazie alle donazioni dei lettori Giovanni Faro, Ignazio Simone Boragina, Luca Alunni, Federica Sanna, Daniele Amato. Partecipa anche Tu, sostieni l’informazione attraverso espertocasaclima.com!


Si avvicina l’inizio di un nuovo anno. E’ proprio questo il momento più indicato per fare spazio al futuro, eliminando il superfluo o ciò che risulta per noi negativo.

L’abitazione riflette l’interiorità della persona che vi abita, dunque prima di tutto è importante che sia ordinata e libera da oggetti inutili e superflui.     Il disordine e gli oggetti inutili (clutter) che invadono lo spazio fisico, influenza anche la nostra mente, creando impedimenti o ristagni che impediscono all’energia di circolare liberamente.

Sgomberare i propri spazi da vecchi ricordi negativi e ormai parte del passato permette di cambiare in meglio la propria vita e  la propria casa, permette di liberare spazio per il futuro e di apportare nuova energia.

Sottovalutiamo spesso l’importanza di mantenere vibranti e vitali le energie che ci circondano, ma sono proprio loro a creare nuovi percorsi di crescita, di sviluppo e prosperità dell’anima.  L’essere umano subisce le forze provenienti dal paesaggio (in generale dal contesto esterno) e le energie associate all’ambito più intimo delle abitazioni.

C’è un nesso tra lo spazio fisico che ci circonda e la sfera mentale ed emozionale dell’individuo stesso:

tutto influenza e tutto è influenzato.

La metodologia Feng Shui studia da sempre le relazioni spazio – temporali tra le entità Cielo, Terra e Uomo al fine di raggiungere il migliore equilibrio tra di esse. La corretta analisi Feng Shui parte da considerazioni a macro-scala, per poi spostarsi all’interno degli spazi abitativi andando verso un’architettura del benessere dove l’obiettivo principale è quello di creare ambienti dove l’energia vitale vibrante e positiva (il “Qi”) sia libera di circolare in modo fluente ed armonico.

Consentirci di vivere uno spazio nella sua pienezza, ci mette nella condizione di essere felici.

Perchè non dedicare questi ultimi giorni del 2018 al rinnovo e al cambiamento?

Il solstizio d’inverno (nella notte fra il 21 e 22 dicembre) segna un importante momento di passaggio: si raggiunge la massima oscurità e inizia la fase di crescita della luce. Le giornate si allungano e ci accompagnano verso l’inizio della nuova stagione. E’ un invito alla rinascita, in preparazione alla primavera.

Secondo il calendario cinese, a cui fa riferimento il Feng Shui classico, l’inizio della primavera coincide con il 4-5 febbraio.

Anche secondo il Taoismo, base culturale comune a molte scienze orientali, il momento del solstizio coincide con il passaggio dalla fase Yin a quella Yang e rappresenta una fase di transizione e mutamento anche dal punto di vista energetico.

Il Feng Shui è un’ antica disciplina, nata in Cina più di 3000 anni fa con l’obiettivo di trovare il luogo ideale dove collocare le tombe degli imperatori della dinastia dei Ming, racchiude in sé diverse conoscenze inerenti la cultura, la filosofia, il clima ed il territorio.

Il periodo dell’anno che stiamo vivendo, con le giornate più brevi alle spalle e quelle con più ore di luce in arrivo, è il momento ideale per scendere in profondità nel nostro ‘io’, contattare la nostra anima ed esprimere i nostri sogni e i progetti per il futuro, pensando a quali azioni concrete possano realizzarli.

Cosa vogliamo cambiare, cosa vogliamo lasciare, cosa vogliamo diventare, cosa vogliamo essere?

Per rispondere a tutte queste domande può essere utile mettere in atto regole di space clearing, cioè la purificazione degli spazi, tecniche legate profondamente al Feng Shui.

Non serve sbarazzarsi solamente di ciò che non si utilizza più, di ciò che è logoro, vecchio e rotto – si possono eliminare anche oggetti in buono stato, ma ormai “di troppo”.

“Eliminare” non è sinonimo di “spostare”: il vero space clearing non prevede l’accumulo di materiale in soffitta o in cantina (luoghi che rappresentano simbolicamente la parte più inconscia del nostro essere).    Ripostigli, soffitte e cantine sono i locali con il maggiore ristagno energetico, dove viene depositato materiale legato al passato. Questi ambienti dovrebbero essere mantenuti in ordine, ventilati ed illuminati.

Eliminare il disordine è terapeutico e col tempo diventerà sempre più facile. Non deve diventare una forzatura. L’indecisione sulla sorte di un oggetto non deve diventare fonte di stress: ciò che non si butta oggi, si eliminerà in un altro momento. Spesso non è facile sbarazzarsi dalle cose materiali, è un esercizio che va coltivato nel tempo.

Non vi sentite pronti o capaci? Per effettuare uno space clearing in modo più profondo ed efficace è possibile rivolgersi ad un consulente in grado di applicare diverse tecniche con l’obiettivo di purificare gli spazi, trasformando l’energia negativa in positiva.

Sciogliere l’energia bloccata interna e dare nuovo spazio ad opportunità future è fondamentale …per il momento lasciamo che il vento soffi nella nostra casa e possa entrare nuovo e prezioso Qi…

Nei prossimi articoli ci addentreremo insieme in questo affascinante mondo, tanto antico quanto attuale ed utile alla nostra vita.

autore: Federica De Concini
revisione: Federico Sampaoli


lettura senza banner pubblicitari grazie alla generosità dei lettori – dona anche Tu 😉 sostieni l’informazione attraverso espertocasaclima.com!


marco de pinto passivhaus planer

 

Federica De Concini,

Ingegnere, Progettista certificato Passivhaus Institut (Certified Passive House Designer) appassionata di Architettura Feng Shui, coeditrice di espertoCasaClima – blog di informazione tecnica e comunicazione

Entra anche Tu nella lista dei sostenitori del Blog espertoCasaClima :

Visita il profilo di Andrea su Pinterest.

Linee di distribuzione e qualità dell’acqua sanitaria

Leggi questo articolo grazie alle donazioni dei lettori Giovanni Faro, Ignazio Simone Boragina, Luca Alunni, Federica Sanna, Daniele Amato. Partecipa anche Tu, sostieni l’informazione attraverso espertocasaclima.com!


Serve una progettazione attenta della distribuzione dell’acqua sanitaria negli edifici di civile abitazione? oppure basta una buona manutenzione? Le caratteristiche dell’acqua presente in rete (garantite dall’ente gestore) sono le stesse nell’impianto sanitario all’interno delle nostre case?

No! e per 3 motivi:

  • tipo di progettazione 
  • scelta delle tubazioni
  • messa in opera degli impianti

Vogliamo tutti una buona qualità dell’acqua che esce dal rubinetto! Quindi chiediamo al nostro progettista degli impianti cosa si può fare per evitare

  • flussi rallentati e ristagno dell’acqua
  • tubazioni troppo lunghe e tratti morti o periodi lunghi (48 ore) di non uso (tipico problema del sistema a distribuzione a collettore)

Un’altra malattia dell’acqua di casa è lo scarso controllo della temperatura che raggiunge le utenze: linee poco o male o per niente coibentate.

  • la temperatura dell’acqua deve essere mantenuta sotto i 20°C per l’acqua fredda e dovrebbe essere conservata e distribuita al di sopra dei 60°C: l’acqua fredda che si scalda per la vicinanza ad un sistema di acqua calda scarsamente coibentato o passando attraverso ambienti caldi (come il locale tecnico) comporta una crescita microbica e formazione di biofilm.

Per grandi strutture ricettive o similari meglio privilegiare la produzione di ACS con le pompe di calore (PdC). Progettare, bilanciare e realizzare il sistema di ricircolo con le dovute coibentazioni per garantire comfort nell’erogazione dell’acqua calda in tempi brevissimi. Verificare sempre la presenza di incrostazioni e corrosioni, che rendono porose le superfici interne delle tubazioni e aumentano lo sviluppo di biofilm e ulteriore corrosione. Per la distribuzione dell’acqua calda ed il ricircolo le tubazioni in acciaio zincato non devono essere impiegate per convogliare acqua con temperature superiori ai 60 °C e con durezza inferiore a 10 °F).

Per i raccordi, le curve e le T delle linee di distribuzione c’è molta disattenzione: è fondamentale garantire sempre lo stesso passaggio di acqua lungo tutto il percorso della tubazione per evitare perdite di carico eccessive.

Progettare meglio significa prediligere sistemi avanzati di distribuzione dell’acqua calda e fredda sanitaria con sistemi ad anello dove le utenze sono collegate in serie, con l’aggiunta di una tubazione che congiunge l’ultima utenza con il punto iniziale.

E’ strano ma si dà molta importanza all’estetica dei sanitari e delle rubinetterie come se l’impianto che c’è a monte non influisca assolutamente sui problemi igenici e di salubrità dell’acqua che vi scorre all’interno.

+ progettazione degli impianti idrici e – attenzione alle esigenze estetiche!


lettura senza banner pubblicitari grazie alla generosità dei lettori – dona anche Tu 😉  e sostieni l’informazione attraverso espertocasaclima.com!


marco-de-pinto-termotecnico  marco de pinto passivhaus planer   federico_sampaoli_espertocasaclimacom   ipha_member   

articolo ideato, scritto e diretto da Marco De Pinto e Federico Sampaoli, impegnati a favore delle persone, del comfort e dell’open information. Marco titolare dello Studio di progettazione degli impianti PH Studio.  Federico titolare dello Studio di consulenza tecnica per una migliore efficienza energetica e caporedattore di espertocasaclima.com – blog di formazione e comunicazione online dal 2009. 

Se vuoi conoscere i profili LinkedIn di Marco e LinkedIn di Federico …

Entra anche Tu nella lista dei sostenitori del Blog espertoCasaClima :

  • ma naturalmente puoi fare la tua donazione usando PayPal 

Visita il profilo di Federico su Pinterest.