Una canna fumaria sempre pulita

Leggi questo articolo grazie alle donazioni dei lettori Giorgio Benvenuti, Giuliano Masciarri, Alessandro Boiani, Massimo Sottocornola, Marco O. Partecipa anche Tu, sostieni l’informazione attraverso espertocasaclima.com!


Negli ultimi anni si sono molto diffusi gli impianti e le stufe a pellet o a legna (biomasse legnose) ma non si è altrettanto diffusa la cultura della manutenzione –  che fondamentalmente cos’è?

una canna fumaria pulita

Non fare nessuna manutenzione alle canne fumarie significa non solo scarsa efficienza, ma anche rischio. Anche il DM 37/2008 ci ricorda che la canna fumaria è una parte dell’impianto. Maglio mantenere la canna fumaria pulita e a prova di incendio e senza rischio di fughe di monossido di carbonio.

E voi?

Mai chiamato lo spazzacamino? L’estate se ne va in un attimo, organizzatevi per tempo.

Programmando la pulizia del camino e della canna fumaria potreste nello stesso momento fare manutenzione del tetto e delle grondaie. Evitando malfunzionamenti, l’ impianto funzionerà al meglio. Con l’occasione della pulizia e dell’ispezione della canna fumaria è possibile verificare ostruzioni, rotture, o possibili nidi presenti nel condotto.

Chi è abituato a far eseguire la manutenzione periodica è pregato di regalare qualche informazione, consiglio e idea di costi ai lettori. Ringrazio in anticipo


lettura senza banner pubblicitari grazie alla generosità dei lettori – dona anche Tu 😉 sostieni l’informazione attraverso espertocasaclima.com!


federico_sampaoli_espertocasaclimacom  ipha_member

articolo ideato, scritto e diretto da Federico Sampaoli, impegnato a favore delle persone, del comfort e dell’open information, titolare e caporedattore di espertoCasaClima – blog di informazione e comunicazione

Il mio profilo LinkedIn

Entra anche Tu nella lista dei sostenitori del Blog espertoCasaClima :

Visita il profilo di federico su Pinterest.

4 pensieri su “Una canna fumaria sempre pulita

  1. Federico Sampaoli Autore articolo

    in realtà noterai che la fiamma in alto è vero che non brucia la catasta, ma crea l’ambiente perfetto per dopo: la fiamma scalda la camera di combustione sul lato superiore e scalda la canna fumaria immediatamente, così che lei tirerà meglio e di più.
    mentre ti domanderai come farà ad incendiare la catasta noterai che la base della fiamma si allarga per poi diventare incontenibile.
    nel tempo ritardato anche la catasta sale di temperatura e si prepara al “sacrificio”.
    segue un po’ il principio del falò svedese, se lo conosci.

    però hai ragione io ho una stufa mentre tu una stube con ciocchi lunghi, che in teoria non dovrebbe mai spegnere e continuare per settimane a bruciare sul “letto caldo”: in ogni caso la prima accensione con fiamma dall’alto può aiutare anche la stube all’avvio.

  2. Andrea

    Interessante questa cosa di accendere da sopra…
    Domanda -forse sciocca- : accendendo da sopra la legna che è sotto ci metterà più tempo a prendere fuoco, no? Perchè la fiamma di accensione (con pigne o legnetti), andando verso l’alto scalderà l’aria e non andrà a lambire direttamente la legna.
    Quindi la mia domanda è: perchè accendere da sopra?
    E la legna come va messa nel mio caso? Considerando che ho una camera della stube lunga circa 90 cm, larga 20 cm e alta 40 cm con l’apertura posta sul lato corto della camera.

    Grazie per i preziosi consigli,
    ne farò tesoro per il prossimo inverno.

  3. Federico Sampaoli Autore articolo

    la camera di combustione della mia stufa Scan, all’accensione tende ad annerirsi per tornare bella bionda come nuova quando entra in temperatura o muore durante la notte.
    l’unico modo per annerire poco nei primi minuti è preparare bene la legna, con i ciocchi paralleli al vetro dello sportello, e accendendoli con legnetti o pigne secche posati in cima alla catasta (mai sotto).
    in qualsiasi caso mai accendere da sotto, ma da sopra!

  4. Andrea

    Ciao a tutti,
    pochi giorni fa ho fatto fare la pulizia alla canna fumaria della casa (costruita nel 2000) in cui siamo andati ad abitare un anno fa.
    La canna fumaria non era mai stata utilizzata dal proprietario precedente, noi invece questo inverno la abbiamo collegata ad una stube.
    Siccome la legna che ci è stata venduta non era così secca, e sono capitate volte che il fumo ad inizio accensione era nero, ho fatto fare questa pulizia per verificare dopo un anno in che condizioni era la canna.
    Nota: la canna fumaria parte dal piano terra terra ed esce sul tetto al primo piano.
    Responso: piuttosto sporca, con un velo di fuliggine nera tutto attorno (non dovrebbe esserci stata usando una stube), ma tutto sommato senza grossi problemi.
    Il costo, di un’ora e mezza circa per due persone, è stato di 100 euro circa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.