Nuove percentuali di copertura dei fabbisogni per riscaldamento, raffrescamento e ACS (acqua calda sanitaria)

Coprire parte del fabbisogno energetico della propria casa attraverso fonti rinnovabili è un obbligo di legge per molti ambiti d’applicazione sia per edifici nuovi che per edifici esistenti. Il riferimento legislativo è il DLgs 28/2011.

Ma quali sono le percentuali di copertura oggi?

Dal 1° gennaio 2017 le nuove percentuali di copertura dei fabbisogni per riscaldamento, raffrescamento e ACS (acqua calda sanitaria) sarebbero dovute passare dal 35 al 50%.

Con il DL 244/2016 l’introduzione della nuova percentuale slitta di 12 mesi e resta in piedi il vecchio obbligo del 35%.

      

       

lettura senza banner pubblicitari grazie alla generosità dei lettori – dona anche Tu!

marco-de-pinto-termotecnico  marco de pinto passivhaus planer   federico_sampaoli_espertocasaclimacom   ipha_member   

+ involucro - impianti copyrightarticolo ideato, scritto e diretto da Marco De Pinto e Federico Sampaoli, impegnati a favore delle persone, del comfort e dell’open information. Marco titolare dello Studio di progettazione degli impianti PH Studio.  Federico titolare dello Studio di consulenza tecnica per una migliore efficienza energetica e caporedattore di espertocasaclima.com – blog di formazione e comunicazione online dal 2009. 

Se vuoi conoscere i profili LinkedIn Marco LinkedIn Federico …

Entra anche Tu nella lista dei sostenitori del Blog espertoCasaClima :

Visita il profilo di federico su Pinterest.

 

2 pensieri su “Nuove percentuali di copertura dei fabbisogni per riscaldamento, raffrescamento e ACS (acqua calda sanitaria)

  1. marco de pinto

    Buona giorno Guido Maule
    sicuramente dal calcolo della sua ex Legge10 necessaria al fine di documentazione tecnica da depositare in Comune vedrà esattamente quanto le serve di potenza di fotovoltaico cosi come indicato e richiesto dal D.M.28.
    Vi è l’obbligo di fotovoltaico per i nuovi edifici e il Certificatore finale per classificare l’edificio deve verificare che siano installati correttamente.
    Quindi scegliere alternative scappatoie o altri sistemi non sono consigliati vedasi piuttosto sanzioni oltre

  2. Guido Maule

    Buonasera,
    se, secondo quanto leggo, l’entrata in vigore dell’obbligo della produzione di energia per riscaldamento e ACS almeno per il 50% da fonti rinnovabili in una nuova abitazione è stata spostata al 1 gennaio 2018, Vi chiedo:
    dovendo costruire una nuova abitazione in legno per la quale, a qesto punto, sarebbe previsto un impianto FV da 2,36 KVP (considerando 1 superficie in pianta di 154 mq, ), è possibile ipotizzare di completare l’impianto con tale dimensionamento e, dopo aver ottenuto l’agibiltà, prevedere il miglioramento dell’efficienza energetica aumentandolo con acquisizione di impianto di accumulo accedendo agli incentivi previsti dalla Legge di Bilancio 2017?
    Vi rigrazio per la cortese risposta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *