Cantierizzazione e montaggio struttura in x-lam – Zona Climatica E – GG 2784 – Lavis (TN):

Cantierizzazione e montaggio struttura in x-lam – Zona Climatica E – GG 2784 – Lavis (TN):

è un edificio residenziale plurifamiliare costituito da 3 case a schiera in fase di certificazione secondo lo standard Passivhaus.

Cantierizzazione e montaggio struttura in x-lam -06 Cantierizzazione e montaggio struttura in x-lam -03

La struttura in legno appoggia su una fondazione in cemento armato (reticolo di travi rovesce disposte in corrispondenza delle pareti e riempita negli spazi intermedi da un vespaio aerato): il getto uniforme diventa la base di appoggio il più possibile piana.

Cantierizzazione e montaggio struttura in x-lam -02 Cantierizzazione e montaggio struttura in x-lam -05 Cantierizzazione e montaggio struttura in x-lam -07

Struttura portante in pannelli tipo X-Lam di legno certificato Pefc di spessore 96 mm.

Cantierizzazione e montaggio struttura in x-lam -04 Cantierizzazione e montaggio struttura in x-lam -01 Cantierizzazione e montaggio struttura in x-lam -08 Cantierizzazione e montaggio struttura in x-lam -09 Cantierizzazione e montaggio struttura in x-lam -10

foto, archivio di cantiere, offerte da:
armalab logo

Armalab S.r.l.    Viale Dante 300      38057 Pergine Valsugana (TN)

per contatto diretto: sede 0461 538475 oppure 030 2548897  fuori sede 335 844 1959

> Per una richiesta diretta al creatore di Passivhaus Mirko Taglietti usa il modulo qui sotto, altrimenti commenta gli articoli nel riquadro che trovi al piede di ogni post pubblicato:

Il tuo nome (richiesto)

La tua email (richiesto)

Oggetto

Scrivi la tua richiesta qui

2 pensieri su “Cantierizzazione e montaggio struttura in x-lam – Zona Climatica E – GG 2784 – Lavis (TN):

  1. mirko taglietti

    Buonasera Architetto Merlini,
    In prima istanza bisogna capire se preferisce una stratigrafia a secco o ad umido,dato che la scelta cambia radicalmente le tipologie di materiali da applicare ; sicuramente é bene prevedere una guaina a perdere da stendere sull’xlam una volta posato per evitare i ristagni sul piano orizzontale da risvoltare in testata ; questa fungerà anche da disaccoppiante per le piastre in ferro a base delle ringhiere perimetrali evitando fenomeni di condensazione ; da valutare attentamente la presenza di ponti termici tra balconr,parete ,soglia dei serramenti e cappotto facendo risvoltare l’impermeabilizzazione primaria in verticale per almeno 10 cm oltre il livello di possibile stagnazione dell’acqua ; molta attenzione va poi rivolta al tipo di impermeabilizzazione e al dialogo che si vuole ottenere con materiali bituminosi o a base cementizia,in funzione dei raccordi verticali ; nello specifico é fondamentale il dialogo tra i rasanti/collanti del cappotto e il materiale scelto per la finitura orizzontale,che dev’essere garantito da apposite certificazioni,meglio se contenute nelle omologhe del ciclo applicativo del cappotto.
    Buon lavoro

  2. MARA merlini

    Buongiorno ho letto il suoi articoli, molto interessanti e vorrei farle una domanda: come si risolve efficacemente l’impermeabilizzazione, la rifinitura e l’aggancio del parapetto in testata di un balcone a balzo sia in xlam che con travi a vista?
    grazie anticipatamente
    Arch. Mara Merlini

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.