ClimAbita formazione certificazione

ClimAbita è stata ispirata e voluta fortemente da Norbert Lantschner (già ideatore e direttore del progetto e dell’Agenzia CasaClima).

ClimAbita fondazione

Un comitato scientifico sta preparando le attività di formazione e specializzazione rivolte a tecnici e progettisti, aventi come contenuto la costruzione e l’utilizzo di immobili sostenibili.

Una commissione di esperti è già al lavoro per definire un Protocollo di Certificazione che consentirà il rilascio di certificati qualitativi per costruzioni edilizie, che si distinguono per grado di efficienza energetica, utilizzo di risorse energetiche rinnovabili e sostenibilità ambientale.

Norbert Lantschner

Norbert Lantschner ci ricorda: Attualmente lo stile di vita dei cittadini europei necessita di una potenza media continua di circa 6000 Watt per persona, che corrisponde a 15 litri di gasolio giornalieri pro capite. 2000 Watt di potenza continua per persona sono sufficienti per garantire uno standard di benessere a livello mondiale senza danneggiare clima e ambiente. Sembra un’impresa impossibile, invece pochi conoscono la realtà: abbiamo le risorse, gli strumenti, e soprattutto le tecnologie per rendere tutto ciò reale. E per farlo non dobbiamo rinunciare a nulla!

Firma anche Tu la petizione di ClimAbitaSocietà 2000 Watt“, ci sono già molti sostenitori.

federico_sampaoli_espertocasaclimacomipha_member

View federico sampaoli's profile on LinkedIn

Vuoi offrire un sostegno a questo BLOG? Diventerai sostenitore di EspertoCasaClima.

 esperto casaclima

6 thoughts on “ClimAbita formazione certificazione

  1. Marco

    “potenza media continua di circa 6kWatt per persona”
    il contatore enel di quasi tutte le famiglie “sputa fuori” TRE kW continui, anche in 4 persone.
    (e stacca dopo due minuti a 4,3kW o due ore ,mi pare, a 3,3kW)
    6000watt a persona … dove?

  2. Elena

    :D
    Il bello delle favole, è che ognuno ci legge la morale che vuole (o che crede di leggerci), nooo?

  3. Elena

    Per Andrea e Federico:
    :-)

    C’era una volta una volpe molto furba.
    Al suo apparire tutti gli animali del bosco fuggivano,
    sapendo quanto fosse crudele e insaziabile,
    tanto che alla fine si ritrovò senza più niente da mangiare.
    Affamata, la volpe giunse in un vigneto.
    Passò di fianco a dei tralci di vite da cui pendevano
    grossi grappoli d’uva matura,
    che parevano dolci e succosi.
    “Uva? Con la fame che ho, meglio che niente…”
    si disse la volpe.
    Così si alzò sulle zampe posteriori e saltò
    con agilità per afferrare un po’ d’uva,
    ma non riuscì a raggiungerla.
    Allora si allontanò per prendere la rincorsa e provò ancora,
    con tutte le sue forze.
    Riprovò più e più volte, con ostinazione ma senza alcun successo:
    i grappoli d’uva sembravano sempre più lontani.
    “Cra! Cra! Cra!” rideva dall’alto di un ramo una cornacchia,
    prendendosi gioco di lei.
    ” Quest’uva è troppo acerba!
    Poco importa se non riesco ad afferrarla…
    ritornerò quando sarà matura!”
    Concluse ad alta voce la volpe,
    gonfiando il petto per darsi un contegno,
    nonostante la delusione patita e la pancia vuota.

  4. Federico Sampaoli Post author

    concordo in pieno con andrea bracci. chi sa cosa mi insegneranno a quel seminario per una cifra simile!
    forse i relatori sono ex parlamentari?

  5. Andrea

    Alla faccia delle sostenibilità…

    Seminario “il futuro richiede saggezza” di Norbert Lantschner
    Data: Venerdì, 10 maggio 2013
    Luogo: Castel Flavon / Haselburg (BZ)
    Prezzo: € 580,00 (pranzo incluso)

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>