Archivi giornalieri: 27 Dicembre 2012

Coibentare dall’ interno con fibra di legno o con lana di roccia?

Se non possiamo coibentare dall’esterno, allora arrendiamoci e progettiamo dall’interno. Non sarà facile, ma con un po’ di attenzione ai particolari più delicati anche questo tipo di intervento offrirà un comfort fino a prima sconosciuto.

Prima di cominciare dobbiamo fare una grande scelta, una scelta che ci accompagnerà per molti molti anni: l’isolamento interno non è un maglione che dimenticheremo nell’armadio appena non ci piacerà più! Ce lo dovremo tenere addosso per sempre. Pensiamoci bene allora!

Fibra di legno o lana di roccia si comportano in modi diversi e si posano, come coibentazione interna, in modo diverso.

Mentre la fibra di legno con il suo strato di fondo e il suo strato finale si comportano insieme come una “terza pelle“, un regolatore naturale dell’umidità, la lana di roccia va assolutamente protetta sul lato caldo da un manto che ha il compito di regolare e dosare, se non bloccare, il passaggio del vapore.

Mentre il pacchetto di coibentazione con fibra di legno offre solo materiali naturali, il pacchetto con lana di roccia non è esattamente un materiale naturale:

la lana di roccia  è un materiale isolante a base di fibre minerali composto per il 97% da diabase, basalto e dolomite.

lana di roccia

La roccia viene fusa a 1.400°C e quindi filata in fibre minerali artificiali. E’ per dare stabilità di forma alle fibre che si usa il legante bakelite (resina fenolo-formaldeide).

La stabilità di forma resta ottima se il materiale isolante è protetto contro l’umidità. Di per sè, il pannello in lana di roccia è molto permeabile al vapore (µ = 1-2) quindi si deve proteggere. Senza questa attenzione di progettazione e di posa è facile che il veloce passaggio di vapore attraverso la coibentazione “sbatta” sulla parete fredda esterna condensando. La condensa interstiziale all’interno della nuova stratigrafia sarebbe un problema irrisolvibile.

Tra l’1% e il 4% è il peso del legante. Le concentrazioni di formaldeide risultano comunque inferiori al valore indicativo di 0,1 ppm. Per aiutare la fusione viene impiegato solfato di sodio. I pannelli isolanti per esterno, non è il nostro caso, vengono anche sottoposti ad un trattamento impermeabilizzante con sostanze idrofobizzanti a basa di silicone o oli minerali (max 1 %) . Gli oli utilizzati legano anche le polveri di fibra.

Durante i lavori si produce polvere, quindi mascherina, occhiali e guanti protettivi sono una buona idea.

Solo in caso di un montaggio ermetico si evita qualsiasi inquinamento dell’aria in ambiante.

L’inquinamento ambientale provocato dalla produzione riguarda soprattutto il consumo di energia necessario per la fusione.  Le polveri di fibra minerale artificiale sono oggetto di discussioni critiche a livello internazionale a causa del loro possibile potere cancerogeno. Non è chiaro se le polveri di fibra presentano un sufficiente grado di biodegradabilità, e quindi una permanenza soltanto breve all’interno dall’organismo umano.

Durante la lavorazione delle fibre minerali si avverte una sensazione di irritazione della pelle dovuta all’azione meccanica dalle polveri di fibra minerale. Irritazione a carico delle vie respiratorie e degli occhi. La posa della lana di roccia deve contenere il rilascio di fibre fini.

Che dire?

Preferisco materiali naturali, ma soprattutto aiutare un committente a scegliere, informandolo un po’ di più.

Capita troppo spesso di incontrare famiglie che hanno acquistato abitazioni nuove senza conoscere nemmeno il materiale della coibentazione.

Ma come si può non informarsi su un aspetto talmente importante? Avete mai conosciuto qualcuno che ha acquistato un’auto usata o magari nuova senza chiedere se fosse benzina o diesel? o di che colore fosse?


lettura senza banner pubblicitari grazie alla generosità dei lettori – dona anche Tu!

+ involucro - impianti copyright

federico_sampaoli_espertocasaclimacom  ipha_member   articolo ideato, scritto e diretto da Federico Sampaoli, impegnato a favore delle persone, del comfort e dell’open information, titolare e caporedattore di espertocasaclima.com – blog di formazione e comunicazione online dal 2009.

Se vuoi conoscere il mio profilo LinkedIn

Entra anche Tu nella lista dei sostenitori del Blog espertoCasaClima :


Visita il profilo di federico su Pinterest.