Cosa significa ammettenza ?

Per Ammettenza (YT) si intende il flusso di calore scambiato tra l’ambiente interno e l’involucro per ogni variazione unitaria della temperatura interna.

Il flusso termico di trasmissione ci dice quanta energia per unità di tempo attraversa una parete opaca, a causa della differenza di temperatura tra interno ed esterno. Si considera flusso positivo quello ceduto dall’ambiente interno a quello esterno.

Se ho progettato la coibentazione con materiali che offrono anche protezione dal caldo, preoccuparmi della porzione di energia trasmessa attraverso le pareti è inutile: importante per il comfort diventa invece valutare la sollecitazione indotta dai

  • carichi interni (cioè l’energia che viene dalle persone, dal cucinare, dall’illuminare, dagli elettrodomestici e tutto quanto cede energia all’ambiente interno)
  • carichi solari (il sole che riesce a penetrare le ombreggiature)

Non conoscendo gli algoritmi dell’algebra matriciale (quel giorno a scuola ero senza dubbio ammalato) è bene tenere a mente che avere basse ammettenze significa avere surriscaldamenti elevati.

Buona capacità termica di una parete significa avere maggiore capacità di immagazzinare calore a parità di salti termici.

Vi ricordo che elevate capacità termiche areiche significa avere grande capacità di immagazzinare calore (d’inverno ottimo per l’utilizzazione degli apporti gratuiti, d’estate ottimo per scaricare l’energia di troppo).

Per l’estate consiglio a tutti di mettere nella valigia “dei progetti”:

5 pensieri su “Cosa significa ammettenza ?

  1. Daniele

    Grazie mille, nel frattempo mi sono informato e penso che utilizzerò pannelli in argilla e intonaco calce canapa nelle controparte interne e farò delle pareti divisorie con terra cruda isolate con canapa internamente, mi sembra una buona soluzione che ne dite?

  2. Federico Sampaoli Autore articolo

    giustissimo. riportare un po’ di massa in una costruzione leggera migliora molto il comfort.
    questa tipologia di costruzioni prevede di solito anche un’intercapedine interna per passaggi impiantistici che non possono essere inseriti nell’xlam quindi la stratigrafia deve anche tenere conto di circa 60mm di intercapedine interna, anch’essa da riempire di isolante fibroso, e poi della finitura interna.
    e qui torniamo al tema originario: quale finitura interna.
    pannelli in argilla? mattone pieno? blocchi in argilla? forati in laterizio cotto? fibrogesso? cartongesso?

    io dico, tutto…basta che non sia cartongesso e dopo aver preso questa decisione non dimentichiamo l’importanza della finitura interna:
    la nuova finitura deve prevedere una pittura naturale priva di solventi e a base di componenti naturali possibilmente con pH elevato (potrebbe anche essere una rasatura fine interna) salubri, igroscopici, capillari e traspiranti che non rilasciano sostanze volatili VOC.

    con la stratigrafia completa si verifichi la protezione dal surriscaldamento perchè in zona climatica C io penso che sia lungimirante usare pannelli coibenti con maggiore efficacia estiva (la lana di roccia, pur essendo materiale fibroso, non è campione in protezione dal surriscaldamento).

  3. Daniele

    Buongiorno e grazie delle vostre informazioni, molto utili. Riguardo l’ammettenza vorrei avere un parere tecnico per la nostra casa in progettazione, prefabbricato in legno. Ha parete xlam 10cm e lana di roccia esterna 20cm, in zona climatica C, quali materiali mi consigliereste internamente e di quale spessore/densità se possibile? Molte grazie.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.