Il surriscaldamento estivo è opera nostra o del sole?

L’estate è alle porte. Non ci siamo decisi per la coibentazione del tetto, nè per l’isolamento delle pareti esterne, nè abbiamo sostituito i serramenti. Della ventilazione confortevole abbiamo letto…, ma senza convinzione.

Cosa fare ora contro il caldo?

surriscaldamento-estivo

Mi armerei di un paio di termometri igrometri tanto per essere più documentato e per quest’estate, tanto per adesso il cappotto non lo faccio, inizierei a cambiare le mie abitudini più sbagliate per vedere cosa ottengo con il mio impegno. Forse la casa non si surriscalda più come prima. Come minimo

  1. ombreggio le finestre (una finestra può dare anche 1000Watt di energia)
  2. faccio ventilazione notturna.

In generale è più colpa nostra che del sole se l’ambiente si surriscalda (chi ha tagliato quel bel vecchio albero che faceva tanta ombra?):

  • già che viviamo, il nostro apporto è 38°
  • cuciniamo 100°
  • inforniamo 220°
  • la televisione 68°
  • il computer 45°
  • i vari trasformatori lasciati inseriti 45°
  • la lavatrice 60°
  • il frigorifero 80°
  • l’aspirapolvere 50°
  • la lista potrebbe continuare all’infinito….

… e alla fine la casa non assorbe più energia e la temperatura inizia a salire.

Che poi tutto questo elenco è semplicemente il principio base della casa passiva: i guadagni gratuiti di energia! Solo che ci comodano molto d’inverno e non d’estate!

Spesso viviamo le case senza capirne il funzionamento, un po’ come quando guidiamo, usando solo i piedi!

federico_sampaoli_espertocasaclimacomsostegno-al-blog-espertocasaclima.com

View federico sampaoli's profile on LinkedIn

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *