Posa corretta del serramento, ancora dubbi?

Un post senza parole che approfitta della chiarezza Maico:

posa-serramento-corretta-maico

lettura senza banner pubblicitari grazie alla generosità dei lettori – dona anche Tu!

+ involucro - impianti copyright

federico_sampaoli_espertocasaclimacom  ipha_member   articolo ideato, scritto e diretto da Federico Sampaoli, impegnato a favore delle persone, del comfort e dell’open information, titolare e caporedattore di espertocasaclima.com – blog di formazione e comunicazione online dal 2009.

Se vuoi conoscere il mio profilo LinkedIn

Entra anche Tu nella lista dei sostenitori del Blog espertoCasaClima :

Visita il profilo di federico su Pinterest.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

  1. come principio
    è da tenere l’idea che il serramento rappresenti la continuazione dell’isolante dell’edificio, là dove viene interrotto dal foro finestra.
    il nodo contorno finestra sui 4 lati va progettato per attenuare il più possibile il ponte termico (che è inevitabile ma dev’essere meno forte possibile).

  2. correttissimo.
    in germania austria svizzera non esistono i falsitelai.
    noi per tradizione li paghiamo al serramentista.
    meno telaio = più efficienza
    meno telaio = più luce

  3. Sto facendo un corso Casaclima avanzato, un relatore ci ha consigliato la posa del serramento senza telaio, direttamente sul foro intonacato, previa posa dei nastri . Un nastro verrà posato tra spalla e finestra (freno al vapore) e un nastro all’esterno (traspirante). Cosa ne pensate???

  4. uno spessore così elevato richiede per forza qualcosa di consistente, poserei dell’xps.
    naturalmente si dovrà nastrare e si sarà sicuri della tenuta all’aria.

  5. Salve.
    in una casa cambiano i serramenti, tra il serramento originale e la falsacassa ci sono 8 cm di vuoto.
    Il serramentista andrà a fissare il nuovo serramento nella falsacassa esistente.
    Ho pensato naturalmente di riempire tutto quel vuoto con dell’isolante (eps da cappotto).
    Lascio comunque un paio di centimetri per poter poi riempirlo con della schiuma poliuretanica ad elevata elasticità.
    Può bastare oppure è utile rasare o nastrare il tutto (parte muro-falsacassa-isolante)?
    come materiale può andare bene l’eps o è meglio lana di roccia per isolare termicamente?
    Come sempre Grazie.

  6. Per mia sfortuna nella zona dove abito è “impossibile” trovare pannelli di vetro cellulare e il 100% dei rivenditori ne sconosce l’esistenza quindi sono costretto a ripiegare su xps.
    Pensavo alla lana di legno mineralizzata (celenit) anche se ha una resistenza a compressione di 200 KPa e sotto l’aspetto umidità non è il massimo visto che deve stare anche sotto soglia.

    Sono in fase di ristrutturazione, gli infissi sono in legno, e mi trovo a sostituire finestre con porte o modificare dimensioni delle aperture vorrei per questo realizzare personalmente dei lavori seguendo tecniche e accorgimenti che consentono di avere più “casa” e meno impianti!

  7. Il vetro cellulare è ottimo sotto le soglie delle porte finestre perchè è un elemento indeformabile rigido e insensibile all’acqua, ma l’xps ad alta resistenza offre altrettanto buone prestazioni.
    L’elemento Pur massive, il Poliuretano ricompattato, utilizzato come taglio termico di una soglia, permette di spingere più in basso la curva delle isoterme e di garantire maggiori performance ai serramenti.

    Il senso di tutto è sempre garantire la continuità dell’isolamento termico che dalle facciate deve proseguire nelle spallette fino al serramento.

    Se i serramenti saranno in pvc può essere che vengano consegnati in cantiere già con un elemento addizionale di taglio termico sul lato inferiore. Meglio chiarire al momento dell’ordinazione ogni aspetto.

  8. Buonasera.
    Guardando questa immagine e il video del montaggio appare molto chiaro come poter fare una posa corretta del serramento. Mi sorge però un dubbio se lo confronto con l’articolo http://espertocasaclima.com/serramenti-consigli-di-posa/serramenti-con-davanzale-passante dove si vede benissimo che sotto il davanzale c’è 15 cm di isolante “vetro cellulare”.
    Questo isolante sotto la pietra è necessario o è un accorgimento in più? Che spessore dovrebbe avere per avere buoni risultati? Vetro cellulare, lana di legno mineralizzata o XPS? Se si sceglie XPS che resistenza deve avere 300KPa? Dove c’è il taglio del davanzale è meglio mettere pur massive o xps? Differenze?
    Lo stesso discorso vale per la soglia della porta? L’isolante sotto la soglia, dovrà resistere a carichi più pesanti visto che è soggetto a carichi differenti rispetto a quelli di un davanzale?
    Dovrei mettere mano a delle finistre e smontare soglie e visto che ci sono vorrei fare un lavoro fatto bene!
    A pesto. Grazie

  9. se sono la Vostra pagina iniziale allora aggiungete anche questa 🙂

    Se i portoncini d’ingresso vengono costruiti e posati come si è sempre fatto non è possibile che garantiscano la tenuta.
    Il portoncino si deve iniziare a considerarlo come un serramento: chiusura inferiore (da scavalcare) e soglia non passante.
    Si deve garantire il taglio termico e l’ermeticità.

  10. Complimenti per il sito, è poco che l’ho scoperto ma è diventatata la mia pagina iniziale!

    Ho un’impresa edile e tutte queste informazioni le trovo importanti, volevo chiedere delucidazioni invece su come posare un portoncino d’ingresso correttamente(non necessariamente blindato).

    Il problema è che fra la soglia ed il serramento non posso mettere un traverso inferiore con guarnizioni come invece posso avere nelle porte che danno sui balconi e/o terrazzi.

    Michele, Verona

Up Next:

Il più piccolo degli orti è esso stesso compendio dell’intero Pianeta

Il più piccolo degli orti è esso stesso compendio dell’intero Pianeta