La posizione più corretta del serramento

 Tempo fa avevo scritto un articolo intitolato ” Scegliere la migliore posizione del serramento “. Parlavo della posizione corretta della finestra.

Ricordavo che la tendenza di una volta, per svariati motivi, era mettere la linea del serramento più all’interno possibile, anche per proteggerlo dalle intemperie!

Il serramento, svolgendo il ruolo di chiusura trasparente, dovrebbe invece essere posato nello spessore dell’isolante!

serramento-posizione-corretta

Dunque la posizione più corretta sarebbe quella il più possibile all’esterno: proprio nell’isolante! E’ proprio il serramento ad avere il compito, una volta coibentata la casa esternamente, di chiudere i fori.

Avete ancora dei dubbi? Guardate con attenzione questa termografia in sezione orizzontale!

serramento-posizione-posa-termografia

Vedete come il blu delle basse temperature non riesce ad invadere la stratigrafia? Vedete che buon risultato si può ottenere?

Ricordate che più attenzione diamo all’ involucro edilizio e meno attenzione (e soldi!!!) dobbiamo dare agli impianti!

Quando al tavolo progettuale o in fase di cantiere propongo una posizione così “spinta” dei serramenti, o mi guardano strano o mi prendono per matto, ma invece è fattibilissima! Basta volerlo! E ancora prima dobbiamo crederci!

serramento-posizione-corretta

serramento-posizione-corretta

serramento-posizione-corretta

Anche per serramenti di grande superficie è possibile senza problemi:

 serramento-posizione-corretta

serramento-posizione-corretta

serramento-posizione-corretta

Certamente il serramento in pvc è molto più leggero da gestire, posizionare ed ancorare. Quindi nel caso di serramenti di altro tipo, serramenti in alluminio o legno sarà meglio costruire un vero telaio esterno, come supporto di posa e di peso:

serramento-posizione-corretta

 


       

lettura senza banner pubblicitari grazie alla generosità dei lettori – dona anche Tu!

+ involucro - impianti copyright

federico_sampaoli_espertocasaclimacom  ipha_member   articolo ideato, scritto e diretto da Federico Sampaoli, impegnato a favore delle persone, del comfort e dell’open information, titolare e caporedattore di espertocasaclima.com – blog di formazione e comunicazione online dal 2009.

Se vuoi conoscere il mio profilo LinkedIn

Entra anche Tu nella lista dei sostenitori del Blog espertoCasaClima :

Visita il profilo di federico su Pinterest.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

  1. dove l’inferriata è fissata alla muratura è inevitabile la nascita di un ponte termico: si tratta però di un ponte termico puntuale che è assai meno preoccupante di un ponte termico lineare.
    è da suggerire ferramenta in inox che ha conduttività peggiore.
    il dettaglio del punto di contatto con il cappotto è da risolvere con nastri auto espandenti ed esternamente con sigillanti come ms polimero

  2. Ciao Federico, molto interessante il tuo sito. Stavo cercando informazioni in merito alla posa delle INFERRIATE di sicurezza, poichè sto ristrutturando una vecchia casa e vorrei predisporre sia il cappotto che le inferriate (conservo invece i serramenti) conciliando risparmio energetico e sicurezza. Murarle esternamente (che pare essere la soluzione più sicura) prima di posare il cappotto? Posare prima il cappotto? Non c’è rischio che si crei un ponte termico o che ci siano infiltrazioni? Sono molto dubbioso…Grazie per il suggerimento che vorrai darmi.

  3. la sede del frangisole impacchettato, cioè il cassonetto che accoglie il frangisole, se non nasce già come blocco architrave coibentato si deve progettare prevedendo la continuità dell’isolamento di facciata con xps a cui fissare stabilmente la sede del frangisole.
    lo spessore del sistema a cappotto dovrà superare i 12cm circa.

  4. e se ‘sopra’ le finestre immerse nel coibente volessi pure mettersi quei bei fangisole impacchettabili, dove li fissiamo ? i monoblocchi con la ‘cava’ per frangisole sembran tutti cosi fragili…

  5. Quanto è difficile parlare con i progettisti e non solo far capire l’evoluzione nella posa del serramento in ambito di risparmio energetico e involucri edilizi.
    Questo è quello che accade qui in Versilia, terra di Toscana, dove si costruisce bellissimi oggetti di facciata che fra 20 anni saranno sicuramente opere inutili!
    Noi Italiani abbiamo una cultura del ”so io” e non ci lamentiamo se avremo ancora cubi di cemento e colabrodo come case ancora per molti anni. Beata ignoranza.
    Le faccio i miei più sinceri completi per il lavoro che svolge e la sua passione che traspare in questo semplice ma chiaro Blog,
    Distinti saluti
    Jonata Pardini
    Resp. tecnico
    qualificato posaclima

  6. Per l’isolamento non ho dubbi che il serramento nello spessore dell’isolante sia il metodo di posa più efficace, ma se devo tenere conto anche dell’estetica, che mi impone la posa di scuretti e la sicurezza, devo ancorare alla struttura delle inferriate, come si fa?
    Non credo che posare un serramento in 20 cm di fibra di legno, fissato con una dozzina di viti M8 alla muratura, sia molto sicuro, basta un piede di porco per svellere l’intero serramento.

Up Next:

Edifici ad energia zero? dipende

Edifici ad energia zero? dipende