Perdite di calore per ventilazione

Si potrebbe calcolare quanto è grande la perdita di calore per ventilazione in una casa?

tag-perdita-di-calore-per-ventilazione

Quando parlo di ventilazione meccanica controllata io do sempre più importanza ai benefici in termini di qualità di vita in casa piuttosto che molta enfasi ai risparmi ottenibili.

Comunque, sapere quanta energia buttiamo dalla finestra facendo una corretta ventilazione degli ambienti è interessante:

la mia casa è a Padova, zona climatica E, 2383 gradi giorno: 0,5 ricambi/ora significa che tutta l’aria è ricambiata ogni 2 ore (ottima qualità dell’aria).

Per calcolare alla svelta la dispersione energetica espressa in kWh/mq anno si può fare così:

2383 gradi giorno /100 = 23,83

La corretta ventilazione con l’apertura delle finestre provoca una dispersione energetica che può arrivare a 24 kWh/mq anno. 

tag-kwh

Ricordiamo però che la qualità dell’aria è un argomento ben più importante dei kWh!

tag-qualita-dell-aria-interna


 

federico_sampaoli_espertocasaclimacomsostegno-al-blog-espertocasaclima.com

View federico sampaoli's profile on LinkedIn

 

6 thoughts on “Perdite di calore per ventilazione

  1. Pingback: devo ammettere che incontro molte persone che nutrono perplessità nei confronti di un moderno involucro dell'edificio. Immagino che sia perchè non conoscono bene i vantaggi che una buona coibentazione comporta: | esperto Casa Clima

  2. Pingback: favorevole alla VMC. Qui non parlo di risparmio energetico! Parlo di qualità dell'aria! Visto l'enorme impiego di resine derivate dalla formaldeide nelle produzioni di: manufatti, rivestimenti , resine termo-indurenti, laminati plastici, adesivi schiume i

  3. Marco de Pinto

    Ottimo l’invito ad usare VMC ad alto rendimento di recupero energetico.
    Attenzione solo a chi progetta e soprattutto a come vengono tarate in fase ti consegna dell’immobile.
    Volevo aggiungere quanto incidono le infiltrazione d’aria dovuti ai classici spifferi.
    Se sottoponiamo il nostro appartamento a 50 Pa di depressione rispetto all’esterno cosa succede?
    50 Pa equivalgono sono equiparati , per capire meglio, a 5 kg/m2 oppure alla pressione che esercitano 5mm di H2O , direi pochissimo.
    Questo valore indica una condizione metereologica di vento forte ad esempio un buon temporale con vento.
    Se ad esempio il nostro edificio di 100 m2 e 2.5m di altezza, sottoposto a una depressione di 50 Pa risulta con un valore n50 = 10 (come la media degli edifici italiani) significa che i 250 m3 x 10 = 2500 m3/h di ricambio d’aria con depressione 50 Pa.
    Cosa significa……è semplice in condizioni normali standard il nostro edificio perde circa 125 m3/h, valore da sommare alla ventilazione naturale e quindi come dispersione per ventilazione.
    Se non è compreso basti pensare che gli edifici storici con serramenti vecchi non sofrono di muffa mentre la riqualificazione con nuovi serramenti…..porta spesso e volentieri a muffe…….diminuendo il ricambio per ”spiffero” e mancando la coscienza di saper arieggiare si presentano al primo freddo.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>