Restaurare, risanare, rinnovare, riqualificare, ricostruire..

…visto che nessuno accetta consigli volentieri, li scrivo! 

  1. non saltate in un restauro completo prima di aver capito profondamente i problemi che la casa ha già adesso.tag-ricostruzione
  2. non pagate gli artigiani a ore, cercate di ricevere un prezzo fisso e certo.tag-restaurare
  3. non risparmiate sulla qualità degli impianti per avere più da investire nella bellezza delle finiture.impianto-elettrico
  4. non sopravvalutate il Vostro portamonete: non spendete più di quello che potete permetterVi.eurocasa
  5. pagate il Vostro costruttore regolarmente, alla fine del mese, così avrete ancora ben in mente cosa state pagando, e ne sarete soddisfatti.autocostruzione
  6. non iniziate i lavori senza contratto, almeno un contratto base, meglio se con dettagliata descrizione dei lavori e un calendario.capitolato
  7. se potete permettervelo fate ampliamenti per ottenere più spazio anche a scapito delle finiture: gli ampliamenti non si possono fare successivamente, sostituire un pavimento in finto legno con l’essenza dei Vostri sogni sarà invece fattibile.rinnovare
  8. interpellate sempre un esperto: chi trova un esperto, trova un tesoro!

logo-esperto casaclima

 

sostegno-al-blog-espertocasaclima.com

View federico sampaoli's profile on LinkedIn

 

2 pensieri su “Restaurare, risanare, rinnovare, riqualificare, ricostruire..

  1. arianna

    Gent.mo dott. Sampaoli sono arianna tommasetti,le ho scritto tempo fa circa la possibilità di coibentare mediante l’insufflaggio dell’intercapedine. Abitando in un condominio e non potendo procedere alla realizzazione nè di un cappotto esterno nè di una controparete interna,le volevo chiedere un suo parere autorevole circa l’insufflaggio di resina ureica. le dico anticipatamente che altro materiale come cellulosa o perlite non è fattibile poichè l’intercapedine è attraversata dalle vecchie colonne del riscaldamento condominiale. Tale intercapedine è attraversata da correnti molto intense di aria dato che ne ho avuto avvisaglie anche dalle prese di corrente che ho dovuto sigillare. La resina permetterebbe di chiuder questi vani comunicanti tra i piani attigui cosa che non sarebbe realizzabile con altri materiali che finirebbero inevitabilmente dentro a riempirli..a mia spese oltre a non garantire la copertura della pareti. Ho letto della resina isofor…cosa ne pensa? mi è parso di capire che durante l’essicamento potrebbe ritirarsi riducendo di fatto il potere coibente…so che certi ponti termici nono li abbaterei mai…ma ridurli almeno della metà?!che ne pensa in relazione alle qualità coibenti sia invernali che estive? so bene la sua opinione verte per la scelta di materiali naturali ma non posso ovviare in alcun modo dato il prob riferito. Ne ho parlato con alcuni condomini per condividere il lavoro,persone che hanno anche muffa da condensa e che credo si avvantaggerebbero molto da questo intervento ma il tipo in questione ritiene che il confort climatico non dipenda dalla temperatura delle pareti cosa che invece credo incida moltissimo invece!E che con questo intervento si rimedierebbe al prob solo per il 20%. La ringrazio tanto se mi aiuterà a chiarirmi le idee con la sua opinione poichè qui in sardegna e in barbagia,per l’esattezza,è come essere in un isola nell’isola. Grazie di cuore. Arianna tommasetti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *